19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/10/2017, 08.59

    IRAQ

    Kirkuk, scontri fra esercito irakeno e curdi. Timori per un nuovo conflitto



    Scambi di artiglieria e razzi fra i due fronti nella mattinata di oggi alla periferia sud della città. Baghdad vuole riassumere il controllo di importanti pozzi petroliferi, di una base militare e dell’aeroporto. Dall’area proviene il 40% del petrolio esportato dalla regione autonoma del Kurdistan. 

     

    Baghdad (AsiaNews/Agenzie) - Nella mattinata di oggi si sono registrati pesanti scontri alla periferia sud di Kirkuk fra l’esercito irakeno e le milizie curde. Le violenze fra i due fronti, finora alleati nell’offensiva contro lo Stato islamico (SI, ex Isis), sono divampate all’indomani di una “importante operazione” lanciata da Baghdad per riprendere il controllo di una base militare e dei pozzi petroliferi della zona. 

    In precedenza la televisione di Stato irakena aveva annunciato che le truppe governative avevano riconquistato “numerose zone” della provincia di Kirkuk, strappandole al controllo dei Peshmerga (i combattenti curdi) “senza combattere”. Tuttavia, fonti militari di Erbil e Baghdad riferiscono di scambi di artiglieria e di razzi Katyusha a sud del capoluogo. 

    In un intervento alla tv di Stato il Primo Ministro irakeno Haider al-Abadi ha precisato di non voler “fare guerra ai cittadini curdi”. Egli ha però “dato ordine alle forze armate di riassumere il controllo della sicurezza a Kirkuk”. 

    Le truppe dell’esercito irakeno, spiega una nota governativa, hanno il compito di “mettere in sicurezza le basi e le strutture governative nella provincia di Kirkuk”. Il loro obiettivo è quello di riprendere i centri militari e i campi petroliferi, finiti nelle mani dei Peshmerga nel 2014, all’inizio della guerra contro i miliziani dello Stato islamico. 

    Testimoni locali riferiscono di numerosi feriti fra i curdi. Diversi combattenti sarebbero stati ricoverati negli ospedali di Kirkuk. 

    Il 25 settembre scorso la regione autonoma nel nord dell’Iraq ha tenuto un referendum per l’indipendenza, che si è chiuso con una schiacciante vittoria dei favorevoli (oltre 90% di sì). Il voto si è svolto anche nel territorio conteso di Kirkuk. Baghdad ha dichiarato che il referendum - svolto a dispetto dell’opposizione regionale e internazionale, fatta eccezione per Israele - è illegale. 

    Hemin Hawrami, portavoce del presidente curdo Massoud Barzani, conferma che i Peshmerga “si sono ritirati da Tal Al-Ward”, zona della periferia sud-est di Kirkuk. I miliziani hanno anche abbandonato l’area industriale alla periferia della città “senza combattere”. 

    La crisi fra Erbil e Baghdad preoccupa le cancellerie internazionali ed è alto il rischio di un nuovo conflitto nella regione. Ieri mattina il Consiglio di sicurezza irakeno ha definito una “dichiarazione di guerra” la presenza nell’area di “combattenti che non appartengono alle forze regolari di Kirkuk”. Fra questi vi sarebbero anche i membri del Partito curdo dei lavoratori, il Pkk, gruppo attivo in Turchia e considerato “terrorista e fuorilegge” da Ankara. 

    I vertici dell’esercito irakeno hanno chiarito di non voler “entrare” a Kirkuk e “strappare” il controllo città. L’obiettivo è quello di riprendere “postazioni militari” e “infrastrutture” strategiche e sotto il loro controllo prima dell’ascesa dell’Isis nella zona. 

    I curdi controllano la città di Kirkuk e tre importanti centri petroliferi nella provincia, all’interno dei quali si producono fino a 250mila barili al giorno. Un volume pari al 40% del totale delle esportazioni provenienti della regione autonoma del Kurdistan irakeno. Insieme ai pozzi petroliferi, Baghdad preme per riprendere il controllo di una base militare e dell’aeroporto internazionale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/10/2017 08:48:00 IRAQ
    Erbil offre a Baghdad il ‘congelamento’ dei risultati del referendum sull’indipendenza

    Le autorità curde propongono il cessate il fuoco per “prevenire ulteriori violenze e scontri”. Da Erbil anche la proposta di un “dialogo aperto” fra le due parti. Il Parlamento curdo posticipa le elezioni legislative e presidenziali del Primo novembre. L’offerta di una mediazione Onu per “superare la crisi”. 

     



    17/10/2017 12:33:00 IRAQ
    L’esercito irakeno strappa ai curdi due centri petroliferi alla periferia di Kirkuk

    Presi i centri di Bay Hassan e Havana, dal 2014 in mano a Erbil. Ogni giorno producono 250mila barili e garantivano il 40% delle esportazioni della regione autonoma. Il sostegno turco a Baghdad e l’appello alla calma e al dialogo degli Stati Uniti. Intellettuali curdi: gli elettori al referendum “imbrogliati da false promesse”. 

     



    02/10/2017 08:56:00 IRAQ
    Kerbala, sciiti irakeni celebrano l’Ashura in salsa anti-curda

    Le celebrazioni si sono svolte ieri nella città santa, per ricordare l’uccisione del nipote di Maometto. Oltre 25mila agenti stanziati a sicurezza dei fedeli. I partecipanti hanno promosso slogan e canti contro il leader curdo Barzani. Nel mirino la ““cospirazione separatista nel nord dell’Iraq”.

     



    27/09/2017 14:13:00 IRAQ
    Referendum curdo: alta e libera la partecipazione dei cristiani. Tutti temono la risposta turca

    La popolazione, anche cristiana, si è espressa con un alto grado di partecipazione e senza forzature o pressioni. Fonte di AsiaNews: un voto che chiede di ridisegnare gli equilibri nell’area, dopo Saddam, le violenze estremiste e l’Isis. Il “dialogo coraggioso” chiesto dal patriarcato caldeo per una soluzione politica. Paura per le “gravissime” minacce di Erdogan. 

     



    12/10/2017 08:55:00 IRAQ
    Tribunale irakeno ordina l’arresto di funzionari curdi pro indipendenza

    Il provvedimento riguarda un gruppo di ufficiali coinvolti nelle operazioni di supervisione del voto. Il referendum è “contrario alle direttive dell’Alta corte federale”. Per i curdi la vittoria del “sì” conferisce il mandato pre trattare la secessione. Per Baghdad è un voto senza valore e in contrasto con la Costituzione. 

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®