18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/05/2011, 00.00

    IRAQ

    Kirkuk: giovane cristiano rapito, torturato e decapitato



    Ashur Yacob Issa aveva 29 anni ed era padre di tre figli. Era stato sequestrato tre giorni fa; le trattative per il rilascio non sono andate a buon fine. Questa mattina la polizia ha rinvenuto il cadavere, con “orribili segni di torture”. La condanna dell’arcivescovo di Kirkuk, che parla di “gesto disumano” e invita alla cooperazione per “proteggere cittadini inermi”.
    Kirkuk (AsiaNews) – Rapito, torturato e infine decapitato. È quanto accaduto a un cristiano irakeno, originario di Kirkuk, nel nord del Paese, il cui cadavere è stato rinvenuto oggi dalla polizia. L’uomo era stato sequestrato tre giorni fa e la famiglia aveva ricevuto una richiesta di riscatto. La trattativa non è andata a buon fine e l’ostaggio è stato assassinato in modo brutale. L’arcivescovo di Kirkuk ha condannato quello che definisce un “gesto disumano”, perché contrario a “ogni principio umano e religioso”. Da giorni i cristiani del Paese vivevano una situazione di tensione, nel timore di vendette dell’ala fondamentalista islamica per l’uccisione di Osama Bin Laden.
     
    Fonti di AsiaNews a Kirkuk riferiscono che Ashur Yacob Issa, cristiano 29enne e padre di tre bambini, è stato rapito tre giorni fa a scopo di estorsione. I sequestratori hanno chiesto un riscatto di 100mila dollari per la sua liberazione. Tuttavia, riferisce un cristiano della città, le trattative con i parenti della vittima “non sono andate a buon fine”.
     
    Questa mattina il terribile epilogo della vicenda. La polizia ha rinvenuto il corpo del giovane cristiano, abbandonato all’altezza del ponte quattro. Il cadavere presentava – continua il racconto – “orribili segni di torture”, con la testa tagliata e gli occhi strappati dalle orbite.
     
    L’efferatezza dell’omicidio ha provocato una reazione di sdegno e tristezza in tutta la popolazione della città, soprattutto quella cristiana. Da giorni i fedeli vivevano in un condizioni di tensione per possibili rappresaglie da parte dei fondamentalisti islamici. Il sequestro era a scopo di estorsione, i rapitori miravano a raccogliere un ingente bottino. Tuttavia, il raid delle forze statunitensi che ha portato alla morte di Osama Bin Laden, il 2 maggio scorso, ha contribuito a diffondere maggiori paure in seno alla comunità cristiana.
     
    Interpellato da AsiaNews mons. Louis Sako, arcivescovo di Kirkuk, ha condannato l’assassinio del giovane bollandolo come “gesto disumano”, perché contrario a “ogni principio umano e religioso”. “Nessun uomo che crede in Dio – continua il prelato – e ha un rispetto per la vita può commettere simili atti”. Mons. Sako pensa alla moglie e ai figli della vittima e lancia un appello agli autori del gesto perché “pensino a chi è rimasto senza padre e senza marito: se non ci sarà giustizia umana – afferma – presto o tardi ci sarà quella divina”.
     
    L’arcivescovo di Kirkuk chiede infine alla polizia e ai responsabili della sicurezza – a livello locale e nazionale – di promuovere iniziative comuni affinché “tutte le persone di buona volontà si uniscano per proteggere cittadini inermi”.(DS)
     
    Foto: Ankawa.com
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/06/2010 IRAQ
    Kirkuk, ucciso un commerciante cristiano. Torna la paura fra i fedeli
    Hani Salim Wadi' era proprietario di un negozio di telefoni in centro città. La vittima aveva 34 anni, era sposato e padre di una bambina. Testimoni locali parlano di “omicidio mirato”, eseguito a colpi di arma da fuoco. La comunità teme una nuova spirale di violenza.

    07/05/2010 IRAQ
    Universitari cristiani chiedono giustizia e sicurezza ai leader religiosi irakeni
    A Karakosh incontro del Consiglio dei capi religiosi, che ha riunito vescovi e leader cristiani in Iraq. Alla riunione hanno partecipato centinaia di studenti, tra cui un gruppo scampato all’attentato del 2 maggio. Una parte dei feriti ricoverati in Turchia, grazie a un volo speciale da Mosul ad Ankara.

    01/12/2008 IRAQ
    Mons. Sako: incentivare l’esodo dei cristiani è un danno per tutto l’Iraq
    L’Unione Europea ha annunciato di voler accogliere fino a 10mila profughi iracheni, in esilio in Siria e Giordania. L’arcivescovo di Kirkuk si dice contrario a una fuga di massa dei cristiani dalla loro terra d’origine e denuncia l’assenza di una leadership politica che promuova l’unità. Andarsene implica “tradire il senso del messaggio cristiano”.

    02/12/2008 IRAQ
    Nel “nuovo” Iraq c’è una strategia che mira ad eliminare i cristiani
    Joseph Yacoub, esperto di cristianesimo in Medio Oriente, denuncia “politiche discriminatorie” del governo di Baghdad, incapace di garantire “unità e sicurezza “ ad un Paese diviso ed egoista. Il ritiro delle truppe americane è un cambiamento “di facciata”, mentre i cristiani continuano a essere perseguitati.

    18/03/2010 EGITTO
    La polizia egiziana arresta 13 copti, vittime dell’assalto di estremisti islamici
    Tra i fermati anche quattro minorenni, fra i 13 e i 17 anni, poi rilasciati. Per i cristiani e i musulmani emesso un provvedimento di custodia cautelare di 15 giorni. A loro carico le accuse di danneggiamento di proprietà pubbliche, incendio doloso e aggressione. Associazione per i diritti umani promuove una conferenza internazionale.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®