26 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/05/2011, 00.00

    IRAQ

    Kirkuk: giovane cristiano rapito, torturato e decapitato



    Ashur Yacob Issa aveva 29 anni ed era padre di tre figli. Era stato sequestrato tre giorni fa; le trattative per il rilascio non sono andate a buon fine. Questa mattina la polizia ha rinvenuto il cadavere, con “orribili segni di torture”. La condanna dell’arcivescovo di Kirkuk, che parla di “gesto disumano” e invita alla cooperazione per “proteggere cittadini inermi”.
    Kirkuk (AsiaNews) – Rapito, torturato e infine decapitato. È quanto accaduto a un cristiano irakeno, originario di Kirkuk, nel nord del Paese, il cui cadavere è stato rinvenuto oggi dalla polizia. L’uomo era stato sequestrato tre giorni fa e la famiglia aveva ricevuto una richiesta di riscatto. La trattativa non è andata a buon fine e l’ostaggio è stato assassinato in modo brutale. L’arcivescovo di Kirkuk ha condannato quello che definisce un “gesto disumano”, perché contrario a “ogni principio umano e religioso”. Da giorni i cristiani del Paese vivevano una situazione di tensione, nel timore di vendette dell’ala fondamentalista islamica per l’uccisione di Osama Bin Laden.
     
    Fonti di AsiaNews a Kirkuk riferiscono che Ashur Yacob Issa, cristiano 29enne e padre di tre bambini, è stato rapito tre giorni fa a scopo di estorsione. I sequestratori hanno chiesto un riscatto di 100mila dollari per la sua liberazione. Tuttavia, riferisce un cristiano della città, le trattative con i parenti della vittima “non sono andate a buon fine”.
     
    Questa mattina il terribile epilogo della vicenda. La polizia ha rinvenuto il corpo del giovane cristiano, abbandonato all’altezza del ponte quattro. Il cadavere presentava – continua il racconto – “orribili segni di torture”, con la testa tagliata e gli occhi strappati dalle orbite.
     
    L’efferatezza dell’omicidio ha provocato una reazione di sdegno e tristezza in tutta la popolazione della città, soprattutto quella cristiana. Da giorni i fedeli vivevano in un condizioni di tensione per possibili rappresaglie da parte dei fondamentalisti islamici. Il sequestro era a scopo di estorsione, i rapitori miravano a raccogliere un ingente bottino. Tuttavia, il raid delle forze statunitensi che ha portato alla morte di Osama Bin Laden, il 2 maggio scorso, ha contribuito a diffondere maggiori paure in seno alla comunità cristiana.
     
    Interpellato da AsiaNews mons. Louis Sako, arcivescovo di Kirkuk, ha condannato l’assassinio del giovane bollandolo come “gesto disumano”, perché contrario a “ogni principio umano e religioso”. “Nessun uomo che crede in Dio – continua il prelato – e ha un rispetto per la vita può commettere simili atti”. Mons. Sako pensa alla moglie e ai figli della vittima e lancia un appello agli autori del gesto perché “pensino a chi è rimasto senza padre e senza marito: se non ci sarà giustizia umana – afferma – presto o tardi ci sarà quella divina”.
     
    L’arcivescovo di Kirkuk chiede infine alla polizia e ai responsabili della sicurezza – a livello locale e nazionale – di promuovere iniziative comuni affinché “tutte le persone di buona volontà si uniscano per proteggere cittadini inermi”.(DS)
     
    Foto: Ankawa.com
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/06/2010 IRAQ
    Kirkuk, ucciso un commerciante cristiano. Torna la paura fra i fedeli
    Hani Salim Wadi' era proprietario di un negozio di telefoni in centro città. La vittima aveva 34 anni, era sposato e padre di una bambina. Testimoni locali parlano di “omicidio mirato”, eseguito a colpi di arma da fuoco. La comunità teme una nuova spirale di violenza.

    07/05/2010 IRAQ
    Universitari cristiani chiedono giustizia e sicurezza ai leader religiosi irakeni
    A Karakosh incontro del Consiglio dei capi religiosi, che ha riunito vescovi e leader cristiani in Iraq. Alla riunione hanno partecipato centinaia di studenti, tra cui un gruppo scampato all’attentato del 2 maggio. Una parte dei feriti ricoverati in Turchia, grazie a un volo speciale da Mosul ad Ankara.

    01/12/2008 IRAQ
    Mons. Sako: incentivare l’esodo dei cristiani è un danno per tutto l’Iraq
    L’Unione Europea ha annunciato di voler accogliere fino a 10mila profughi iracheni, in esilio in Siria e Giordania. L’arcivescovo di Kirkuk si dice contrario a una fuga di massa dei cristiani dalla loro terra d’origine e denuncia l’assenza di una leadership politica che promuova l’unità. Andarsene implica “tradire il senso del messaggio cristiano”.

    02/12/2008 IRAQ
    Nel “nuovo” Iraq c’è una strategia che mira ad eliminare i cristiani
    Joseph Yacoub, esperto di cristianesimo in Medio Oriente, denuncia “politiche discriminatorie” del governo di Baghdad, incapace di garantire “unità e sicurezza “ ad un Paese diviso ed egoista. Il ritiro delle truppe americane è un cambiamento “di facciata”, mentre i cristiani continuano a essere perseguitati.

    18/03/2010 EGITTO
    La polizia egiziana arresta 13 copti, vittime dell’assalto di estremisti islamici
    Tra i fermati anche quattro minorenni, fra i 13 e i 17 anni, poi rilasciati. Per i cristiani e i musulmani emesso un provvedimento di custodia cautelare di 15 giorni. A loro carico le accuse di danneggiamento di proprietà pubbliche, incendio doloso e aggressione. Associazione per i diritti umani promuove una conferenza internazionale.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®