21/04/2016, 08.50
YEMEN-ARABIA SAUDITA
Invia ad un amico

Kuwait, al via i dialoghi di pace yemeniti

Dovevano avere luogo quattro giorni fa. Sono stati rimandati per la rottura della tregua. I dialoghi sono sponsorizzati dall’Onu. In oltre un anno di conflitto vi sono stati 6400 morti e quasi 3 milioni di sfollati. La presenza di Al Qaeda e Daesh “alleati” della coalizione saudita. Le suore di Madre Teresa e il rapimento di p. Tom Uzhunnalil.

Kuwait City (AsiaNews) - Una delegazione di ribelli Houthi ha lasciato ieri la capitale yemenita per giungere in Kuwait e partecipare ai dialoghi di pace sponsorizzati dall’Onu. I dialoghi dovevano iniziare quattro giorni fa ma sono stati rimandati perché i ribelli hanno accusato la coalizione nemica, guidata dall’Arabia saudita, di aver violato il cessate-il-fuoco in atto dall’11 aprile.

In realtà entrambi i gruppi hanno violato la tregua in questi giorni. Nelle ultime 24 ore sono stati uccisi 16 ribelli e tre soldati governativi a Nahm, nella regione a nordest di Sanaa. Altri scontri sono avvenuti a Marib (a est della capitale).

Da oltre un anno la coalizione a guida saudita cerca di colpire i ribelli Houthi, che sono riusciti a conquistare diverse parti del territorio fino a controllare la capitale Sanaa. Il presidente Abedrabbo Mansour Hadi, fuggito prima ad Aden, si è ormai stabilmente rifugiato a Riyadh.

Gli Houthi combattono per una maggiore autonomia e per maggiori diritti politici e sono alleati dell’ex presidente Ali Abdullah Saleh.

Il conflitto è visto dagli analisti come una ennesima “guerra per procura” fra Arabia saudita, che sostiene Hadi, e Iran, che sostiene gli Houthi.

Molte delle armi ad alta precisione usate dai sauditi provengono da arsenali Usa, che offrono a Riyadh anche servizi di intelligence.

Le Nazioni unite affermano che in oltre un anno di conflitto, sono morte almeno 6400 persone e quasi 3 milioni sono stati costretti a fuggire dalle loro case.

La guerra è resa ancora più violenta dalla presenza di gruppi radicali islamici di Al Qaeda e di Daesh (lo Stato islamico), che combattono contro gli Houthi e prendono di mira la popolazione. Fra le vittime del fondamentalismo vi sono le quattro suore di Madre Teresa uccise ad Aden il 4 marzo scorso e il p. Tom Uzhunnalil, il sacerdote salesiano rapito da oltre un mese, del quale non si hanno ancora notizie.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Yemen, la bomba che ha ucciso i 40 bambini nel bus era ‘made in Usa’
18/08/2018 11:22
Yemen verso la spartizione: si procede alla pulizia etnica-geografica
13/05/2016 11:10
Conflitto in Yemen, Riyadh muove da dietro le quinte per un accordo con i ribelli Houthi
23/05/2016 11:19
Onu: i bombardamenti sauditi in Yemen hanno ucciso centinaia di bambini
03/06/2016 08:51
Aden, attentato in una caserma: 10 morti. Lo Stato islamico rivendica
17/02/2016 14:41