17/07/2019, 12.28
ASIA
Invia ad un amico

L’Asia resta il continente 'nemico' della libertà religiosa

Il rapporto del Pew Research Center afferma che “nel decennio 2007-2017, le restrizioni governative sulla religione - leggi, politiche e azioni di funzionari statali che limitano le credenze e le pratiche religiose - sono aumentate notevolmente nel mondo”. A guidare la classifica dei Paesi che impongono restrizioni alla libertà religiosa sono il Medio Oriente e il Nord Africa.

Roma (AsiaNews) - L’Asia si conferma essere il continente nel quale maggiori sono restrizioni e ostacoli alla libertà religiosa. E’ quanto evidenzia il rapporto del Pew Research Center – centro statunitense di analisi di problemi sociali – secondo il quale “nel decennio 2007-2017, le restrizioni governative sulla religione - leggi, politiche e azioni di funzionari statali che limitano le credenze e le pratiche religiose - sono aumentate notevolmente nel mondo”. E gli ultimi dati mostrano che 52 governi - compresi alcuni in Paesi molto popolosi come Cina, Indonesia e Russia - impongono livelli ‘alti’ o ‘molto alti’ di restrizioni alla religione, rispetto ai 40 del 2007. E il numero di Paesi dove le persone stanno vivendo i più alti livelli di ostilità sociali nei confronti della religione è passato da 39 a 56 nel corso dello studio.

A guidare la classifica dei Paesi che impongono restrizioni alla libertà religiosa sono il Medio Oriente e il Nord Africa, Ma alcuni dei più grandi aumenti nell'ultimo decennio sono stati in altre regioni, inclusa l'Europa - dove un numero crescente di governi ha posto dei limiti sull'abbigliamento delle donne musulmane - e sull'Africa sub-sahariana, dove alcuni gruppi hanno cercato di imporre le loro norme religiose altri attraverso rapimenti e conversioni forzate.

In particolare, 19 dei 20 Paesi del Medio Oriente (tutti tranne il Libano) favoriscono una religione - 17 hanno una religione di Stato, e due hanno una religione preferita o favorita. In tutti questi Paesi, ad eccezione di Israele, la religione preferita è l'Islam . Inoltre, tutti i Paesi della regione si rimettono in qualche modo alle autorità religiose o alle dottrine su questioni legali. Ad esempio, nel diritto di famiglia in Egitto quando i coniugi hanno la stessa religione, i tribunali applicano le leggi religiose tradizionali del gruppo religioso. Ma anche quando un coniuge è musulmano e l'altro ha una religione diversa (come il cristianesimo copto) i tribunali applicano il diritto di famiglia islamico.

Ciò nonostante, il favoritismo governativo nei confronti di una religione è aumentato poco in Medio Oriente, in parte perché è iniziato a un livello così alto che non c'era molto spazio per la crescita sulla scala. Nelle altre grandi regioni geografiche, nel frattempo, si sono registrati notevoli aumenti nei livelli di favoritismo governativo dei gruppi religiosi.

Così è nella regione Asia-Pacifico. In Thailandia, una nuova Costituzione è entrata in vigore nel 2017 con una disposizione che eleva lo status del buddismo Theravada imponendo “promozione speciale” attraverso “l'istruzione, la propagazione dei suoi principi e l'istituzione di misure e meccanismi per prevenire la profanazione del buddismo in qualsiasi forma”.

Dal 2007 c'è stato anche un aumento dei governi asiatici che rinvia alle autorità religiose, ai testi e alle dottrine. Ad esempio, in Turchia nel 2017 il governo ha approvato una legge che dà alle autorità religiose musulmane a livello provinciale e distrettuale l'autorità di registrare i matrimoni e officiare matrimoni per conto dello Stato. Il governo ha affermato che ciò renderebbe più efficiente il processo di registrazione, mentre i critici sostenne che viola i principi di laicità della costituzione del Paese.

Come in Turchia, l’Islam è la religione che nel 2017 gode di maggiore sostegno governativo. Ciò conferma quanto emerso precedentemente: dal 2015, l'Islam è la religione di Stato più diffusa intorno al mondo; in 27 dei 43 Paesi che hanno una religione ufficiale (63%), quella religione è l'Islam.

Ma non tutti i Paesi in questa lista favoriscono l'Islam. In Grecia, Islanda e Regno Unito, diverse denominazioni cristiane sono le religioni ufficiali dello Stato.

Le persecuzioni ai gruppi religiosi sono particolarmente alte in Iran, dove le autorità hanno etichettato i baha'i come “eretici” e in Russia, dove la polizia ha fatto irruzione nelle case e nei luoghi di culto delle minoranze religiose. In Indonesia, i governi locali hanno continuato gli sforzi per forzare le conversioni dei musulmani Ahmadi chiedendo loro di firmare la rinuncia alle loro convinzioni prima di poter registrare i matrimoni o partecipare al pellegrinaggio hajj.

In Cina, ad esempio, solo alcuni gruppi religiosi sono autorizzati a registrarsi presso il governo e tenere i servizi di culto. Per fare questo, devono appartenere a una delle cinque "associazioni religiose patriottiche" sponsorizzate dallo stato (buddista, taoista, musulmano, cattolico e protestante). “Tuttavia, ci sono state segnalazioni che il governo cinese ha arrestato, torturato e maltrattato fisicamente membri di entrambi i gruppi religiosi registrati e non registrati”.

Tra i Paesi con i più alti livelli di limiti alla religione, vengono applicate una miriade di politiche che limitano le attività religiose. Alle Maldive, ad esempio, è un reato promuovere una religione diversa dall'Islam, punibile fino a cinque anni di carcere. E in Laos, i gruppi religiosi devono ottenere il permesso dal governo per riunirsi, tenere servizi religiosi , costruisci case di culto e stabilisci nuove congregazioni.

Le restrizioni di questa categoria sono comuni anche in tutta l'Asia centrale. A partire dal 2017, il governo del Turkmenistan ha continuato a negare i visti agli stranieri se fossero sospettati di voler svolgere un lavoro missionario; il governo ha anche impedito l'importazione di letteratura religiosa. Allo stesso modo, in Uzbekistan, un'agenzia governativa ha continuato a bloccare l'importazione sia della letteratura cristiana che islamica.

Ancora, solo nel 2017 molestie o intimidazioni nei confronti di gruppi religiosi da parte dei governi sono state segnalate nell'86% dei paesi della regione. Questa misura include molestie a lungo termine e in corso sulle minoranze religiose in alcuni paesi, che sono continuate nel 2017. Ad esempio , in Cina, centinaia di migliaia di musulmani uiguri sono stati inviati in "campi di rieducazione".

In definitiva, conclude lo studio “complessivamente, le restrizioni governative sulla religione e le ostilità sociali che coinvolgono la religione sono rimaste piuttosto stabili nel 2017, rispetto all'anno precedente. E’ la prima volta che ci sono stati pochi cambiamenti a livello globale dopo due anni consecutivi di aumenti delle restrizioni complessive effettuate da governi o da gruppi privati e individui.

“Nel 2017, circa un quarto dei 198 Paesi studiati (26%) ha sperimentato livelli ‘alti’ o ‘molto alti’ di restrizioni governative - cioè leggi, politiche e azioni di funzionari governativi che limitano le credenze e le pratiche religiose – che scendono dal 28 % nel 2016. Questo calo segue due anni di aumento della percentuale di Paesi con elevati livelli di restrizioni sulla religione”.

“La quota di Paesi con livelli ‘alti’ o ‘molto alti’ di ostilità sociali che coinvolgono la religione - cioè atti di ostilità religiosa da parte di privati, organizzazioni o gruppi nella società - è passata dal 27% nel 2016 al 28% nel 2017. Questa è la percentuale più alta di Paesi con livelli di ostilità sociali alti o molto alti dal 2013, ma scende ben al di sotto del picco del 33% nel 2012”.

Nel 2017, 83 Paesi (42%) hanno registrato livelli elevati o molto elevati di restrizioni alla religione, per azioni governative o atti ostili da parte di privati, organizzazioni e gruppi sociali. Questa cifra è rimasta allo stesso livello dal 2016 dopo due anni di aumenti ed è appena al di sotto del picco del 43% nel 2012. Come negli anni precedenti, la maggior parte dei Paesi continua ad avere livelli medio-bassi di restrizioni religiose complessive nel 2017 .

A proposito di libertà religiosa, ieri mons. Antoine Camilleri, sottosegretario vaticano per i rapporti con gli Stati, intervenendo alla presentazione della “Persecution of Cristians Review”, ha denunciato la “crescente tendenza, perfino nelle democrazie stabili, a criminalizzare o penalizzare i leader religiosi per il fatto che proclamano apertamente la loro fede, specialmente riguardo agli ambiti della vita, del matrimonio e della famiglia”. Al contrario, “è dovere dello Stato proteggere tutti coloro che professano, o non professano, una convinzione religiosa, poiché sono cittadini allo stesso titolo”. (FP)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bangkok: un premio alla donna che diffonde l’assistenza sanitaria alle Maldive
02/11/2011
Maldive, il nuovo corso del presidente Yameen: islamizzazione e partnership con Pechino
18/02/2014
L’Arabia Saudita annuncia “manovre militari” di 20 Paesi sunniti
15/02/2016 11:20
Elezioni nelle Maldive: quasi scontata la vittoria di Abdulla Yameen, amico della Cina
21/09/2018 12:54
Sharia nelle Maldive: pena di morte anche per i bambini di 10 anni
23/05/2014