24 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/05/2012, 00.00

    MEDIO ORIENTE

    L’ascesa della politica economica islamista: i nuovi capitalisti

    Fawaz A Gerges

    Saliti al potere nei Paesi della Primavera araba, i partiti islamici cercano soluzioni per rilanciare l’economia degli Stati islamici. Per Fawaz A Gerges, docente di relazioni internazionali alla London School of Economics, il capitalismo liberista è il nuovo modello utilizzato dagli islamisti dopo anni di socialismo. La Turchia faro dei nuovi movimenti islamici.

    Londra (AsiaNews/Open Democracy) - Dopo le rivolte che hanno sconvolto il mondo arabo, gli islamisti e gli attivisti religiosi stanno prendendo il potere in Nord Africa e Medio Oriente. Essi detengono già la maggioranza parlamentare in diversi Paesi fra cui Tunisia, Egitto e Marocco, e hanno buone possibilità di vittoria anche in Libia e in Giordania (probabilmente anche in Siria dopo che si saranno calmate le violenze).

    Negli ultimi quarant'anni, diversi movimenti islamici hanno accettato di scendere in politica, ponendosi come un'alternativa al fallimento del "patto autoritario" rappresentato dai regimi laici di ispirazione islamica. In questo periodo, gli islamisti hanno investito considerevoli capitali nella creazione di reti sociali a livello nazionale e locale, come ad esempio associazioni di liberi professionisti non governative, organizzazioni per lo sviluppo sociale, tessendo contatti di famiglia in famiglia. Diversamente dai loro oppositori laici, gli islamisti si sono esercitati nell'arte della politica locale, costruendo una formidabile macchina che più volte ha dimostrato la sua capacità di raccogliere voti.

    Le recenti vittorie dei partiti islamici non sorprendono, perché sono stati ripagati dei loro sforzi con la fiducia degli elettori, aiutando lo sviluppo delle comunità locali durante il governo dei regimi autoritari.

    Anche se i movimenti islamici non hanno guidato le rivolte che hanno fatto a pezzi i governi del mondo arabo, per la loro lunga resistenza ai regimi militari essi appaiono agli occhi della gente come una sorta di governi ombra. Il voto per i radicali islamici ha comportato una rottura netta con il passato e ha sviluppato l'idea che essi possano offrire lavoro, cibo, stabilità economica e trasparenza. Tuttavia, le fortune politiche della ascesa islamica dipenderanno da come essi riusciranno a soddisfare le aspettative della popolazione araba.

    L'agenda economica

    I partiti islamisti stanno diventando sempre di più degli "erogatori di servizi" a conferma che la loro legittimità politica e la probabilità di rielezione si basa sulla capacità di offrire posti di lavoro, crescita economica e trasparenza. Ciò ha introdotto un enorme livello di pragmatismo nelle politiche dei movimenti di ispirazione religiosa.

    Lo sviluppo economico della Turchia ha avuto un forte impatto sugli islamisti arabi, molti dei quali vorrebbero emulare il modello turco. In altre parole, essi, hanno compreso la verità dello slogan "E' l'economia, stupido!". Il modello offerto da Ankara, che ha il suo perno nella borghesia osservante, ha fatto emergere che islamismo e capitalismo sono compatibili e si rafforzano reciprocamente.

    Si noti che l'agenda economica dei partiti islamici non presenta un modello economico islamico distinto. Ciò non sorprende, proprio perché non esiste un esempio di economia islamica.

    Gli islamisti soffrono per la carenza di idee originali sull'economia e non hanno ancora sviluppato un modello con cui affrontare la crisi strutturale del sistema socio-economico arabo.

    Tuttavia, ciò che distingue i gruppi di ispirazione religiosa da quelli di sinistra o nazionalisti è una spiccata sensibilità verso gli affari, compresa l'accumulazione di ricchezze e l'economia di libero mercato. L'islamismo è un movimento borghese composto in gran parte dai professionisti della classe media, uomini d'affari, negozianti, commercianti e piccoli imprenditori.

    Se dovessimo scegliere uno slogan per descrivere l'attitudine economica degli islamisti esso sarebbe "l'islam è ottimo per gli affari". Molti musulmani radicali ammirano e desiderano imitare l'esempio della Turchia, anche se conoscono poco la complessa economia del Paese e le sue mancanze nel sistema strategico. Ciò che li impressiona è il dinamismo di Ankara, in modo particolare quello della borghesia musulmana osservante di provincia che ha trasformato le città dell'Anatolia come Kayseri, Konya e Gaziantep in potenze industriali che guidano ora la crescita dell'economia turca.

    In Egitto i Fratelli musulmani hanno assicurato i poteri occidentali che manterranno un sistema economico capitalistico di libero mercato. L'architetto della politica economica del movimento islamico, l'uomo d'affari milionario Khairat al-Shater, ha zittito le voci interne all'organizzazione che chiedevano un approccio più egualitario e socialista. Pur non possedendo alcuna carica pubblica, nell'aprile 2012 egli ha incontrato i funzionari del Fondo monetario internazionale che stavano negoziando con il governo egiziano un finanziamento di 3,2 miliardi di dollari. Secondo l'Fmi vi era bisogno di un ampio sostegno politico per concludere l'affare.

    Dopo che i Fratelli musulmani hanno confermato la candidatura di al-Shater per le elezioni presidenziali (e prima della sua squalifica da parte della Commissione elettorale), il movimento ha intensificato i suoi contatti con i Paesi occidentali; lo stesso al-Shater ha offerto le sue garanzie ai diplomatici e agli economisti statunitensi durante la loro visita al Cairo.

    In un'intervista ad al-Jazeera, egli ha affermato che la sua amministrazione avrebbe dato priorità assoluta allo sviluppo del Paese, basandosi su riforme strutturali e crescita. Mohamed Habib, ex vice-guida suprema dei Fratelli musulmani, ha parlato di "un giro di vite interno alla Fratellanza per eliminare coloro che avevano idee diverse in campo economico".

    L'economia islamica

    Se gli islamisti moderati sono generalmente per l'economia di libero mercato e sempre lo sono stati, essi cercano anche la legittimazione religiosa per le loro politiche economiche. I partiti islamici hanno pubblicamente promesso di promuovere la giustizia sociale e hanno sottolineato più volte la loro lunga attività a favore dei poveri. La maggior parte ha scelto nomi come "Giustizia e sviluppo" o "Libertà e giustizia", una scelta che mostra le loro preoccupazioni per la società, se non la loro priorità politica. In questo senso, alcune misure economiche specifiche basate sulla religione saranno introdotte per completare il capitalismo di libero mercato.

    I Fratelli musulmani, insieme ai salafiti che sono religiosi ultra-conservatori, ma sono innamorati del capitalismo alla pari dei loro alleati, hanno già chiesto l'introduzione di un indice delle compagnie che rispettano la sharia. Ciò fa parte di un progetto più ampio verso un'economia islamica. L'idea è destinata a raccogliere consensi alla base del movimento e attrarre gli investimenti dei Paesi del Golfo, dove già esiste un sistema economico compatibile con la sharia, ma che non altera le condizioni dell'economia di libero mercato appoggiata dagli islamisti.

    Allo stesso modo, secondo Ridha Chkoundali, organizzatore del programma economico di Ehannada, partito dei Fratelli Musulmani in Tunisia, "il sistema bancario tunisino sarà diversificato e anche quello finanziario sarà adeguato a quello tradizionale delle banche islamiche...in questo modo, ci sarà più competizione fra le banche". Anche in Marocco Abdelilah Benkirane, neo Primo ministro, ha riconosciuto l'importanza di affrontare le questioni economiche: "Faremo di tutto per incoraggiare gli investimenti locali ed esteri per creare un clima di prosperità".

    La doppia sfida

    Non c'è nulla nei comunicati stampa e nelle dichiarazioni fatte in questo periodo dagli islamisti che mostri il loro orientamento al socialismo, sebbene molti accettino senza difficoltà il modello keynesiano di un ruolo attivo dello Stato nell'economia. Fra i radicali islamici, l'approccio interventista è appoggiato soprattutto dai salafiti, che chiedono con forza l'utilizzo di misure di ridistribuzione della ricchezza per ridurre la crescente povertà. Tuttavia, per la maggior parte degli islamisti l'approccio dominante all'economia, con poche variazioni, è il capitalismo di libero mercato. In Egitto, Tunisia e Marocco, i Fratelli musulmani, Ennahda e il Partito per la giustizia e lo sviluppo hanno sufficienti interessi per cercare accordi con le istituzioni della finanza mondiale, come il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale; essi non hanno i mezzi o la sensibilità ideologica per restare isolati, perché i loro Paesi non hanno accesso a grandi rendite o risorse energetiche, in modo particolare il petrolio.

    Questi islamisti devono quindi affrontare una enorme sfida: raggiungere dei miglioramenti economici in breve tempo e portare avanti un programma di riforme di lungo periodo basato sulla produzione. I nuovi governi avranno serie difficoltà ad affrontare e risolvere nel breve termine le condizioni socio-economiche degli Stati arabi caratterizzati da povertà, tassi di disoccupazione a doppia cifra e dall'inesistenza di un settore economico privato competitivo.

    Tuttavia, come altri movimenti politici, i partiti islamici seguono un preciso programma elettorale e vogliono essere rieletti. Avranno il tempo, lo spazio e la capacità di investire in innovazione, tecnologia e strategia economica per portare avanti un progetto di sviluppo sostenibile anche nel breve periodo? Oppure cederanno alla tentazione di strumentalizzare la politica per ottenere consensi? 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/09/2011 MEDIO ORIENTE-ISLAM
    Anatomia della paura. Una democrazia sunnita in difesa dei cristiani
    L’opinionista libanese Élie Fayad si interroga sulle prospettive politiche della primavera araba e sui timori cristiani di una deriva radicale islamica: “Non è giunto il tempo in oriente di dare una possibilità alla democrazia sunnita?”.

    21/09/2012 ISLAM - MEDIO ORIENTE
    Libia, i giovani di Bengasi marciano contro la violenza e il terrorismo
    Nella capitale della Cirenaica in migliaia partecipano alla marcia di protesta organizzata per contrastare lo strapotere dei miliziani islamisti. I giovani chiedono ai guerriglieri responsabili della morte dell'ambasciatore americano Stevens di abbandonare le armi ed entrare a far parte dell'esercito regolare. In Pakistan continuano le proteste violente contro il video blasfemo su Maometto e le vignette satiriche francesi. Manifestazioni pacifiche al Cairo.

    09/02/2013 MEDIO ORIENTE - ISLAM
    Mons. Lahham: Il ruolo della religione nell'evolversi delle società arabe
    Per il Vicario patriarcale per la Giordania (e già arcivescovo di Tunisi, testimone della Primavera araba), il mondo arabo è cambiato e pone domande ai partiti islamisti che hanno agguantato il potere e all'occidente, che ha sempre sostenuto dittatori medio-orientali. Solo un islam moderato potrà avere successo politico economico e sociale. Fondamentale la difesa della libertà di coscienza e non solo di culto per i cristiani.

    03/05/2016 08:58:00 MEDIO ORIENTE
    Cresce la corruzione nei Paesi arabi, Libano e Yemen i peggiori di tutti

    Secondo lo studio condotto da Transparency International in nove Paesi arabi, il 92% dei libanesi e l’84% degli yemeniti considera in aumento la corruzione. Di contro, solo il 28% degli egiziani e il 26% degli algerini ritiene che la situazione stia peggiorando. La Tunisia unica nota di speranza: il 71% ritiene che anche le persone comuni “possono fare la differenza” nella lotta alla corruzione. 



    04/04/2012 MEDIO ORIENTE
    La Primavera araba e i legami con Israele, la Palestina, la Siria e l'Arabia saudita
    I veleni del conflitto israelo-palestinese in una regione sospesa tra voglia di libertà, lotte di religione e di potere. La Primavera araba ha visto tramontare i sogni dei giovani che le avevano dato vita. Il ruolo dei partiti islamici. La lotta di potere tra Arabia Saudita e Iran e quella tra sunniti e sciiti. Il caso Siria.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®