24 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/03/2017, 16.14

    EGITTO

    L’ex presidente Mubarak dichiarato innocente



    Era accusato di avere responsabilità nelle uccisioni del 2011. È l’ultimo atto di un lungo procedimento giudiziario. Figure legate al suo regime sono state assolte. Il legame di Al-Sisi con l’ex Presidente e i militari. Per i critici il governo di compie degli stessi abusi di Mubarak. Il jihadismo prolifera in Egitto.

     

     

    Il Cairo (AsiaNews) – La Corte di Cassazione egiziana ha assolto il deposto presidente Mubarak dall’accusa di aver partecipato all’uccisione di 239 dissidenti durante la rivolta scoppiata il 25 gennaio 2011. La sentenza arriva alla fine di un lungo procedimento iniziato nel 2012, durante il quale Mubarak si era sempre dichiarato innocente. Il risultato non sorprende i parenti delle vittime considerando i legami fra l’attuale presidente Al-Sisi e Mubarak.

    La decisione del giudice Ahmed Abdel Qawi pone fine al lungo procedimento penale iniziato nel 2012. Il deposto presidente era stato accusato di essere responsabile dell’uccisione di 239 manifestanti durante la rivolta del gennaio 2011. Dopo la prima sentenza e la pena all’ergastolo, il caso era stato riaperto due volte. Inoltre, la Corte ha respinto la richiesta degli avvocati delle vittime di riaprire la causa civile, chiudendolo definitivamente.

    La sentenza è stata applaudita dai sostenitori presenti di Hosni Mubarak. Il vecchio Presidente, ormai 88enne, aveva sempre ribadito la sua innocenza, persuaso che la “Storia” lo avrebbe riabilitato come patriota del Paese.

    Secondo Osman al-Hefnawy, avvocato delle famiglie delle vittime, la sentenza è ingiusta poiché il sistema giudiziario è politicizzato. Nonostante l’attuale presidente Al-Sisi si sia dimostrato restio a liberare l’ex-Presidente, egli ne resta legato poiché era stato a capo dell’intelligence militare sotto il suo governo. Dalla deposizione del presidente Morsi e la vittoria alle presidenziali nel 2014, Al-Sisi ha avviato una dura campagna contro i Fratelli Musulmani, mentre le figure legate al regime di Mubarak sono state assolte.

    I critici accusano il governo attuale di compiere i medesimi abusi contro cui essi avevano protestato nel 2011. Il presidente Al-Sisi, sebbene sostenga di essere un sostenitore dei diritti umani, afferma che i pericoli del Paese richiedono di agire con “mano ferma”. Dal rovesciamento di Morsi, tuttavia, la campagna contro gli islamisti ha visto un’insorgente crescita del jihadismo in Egitto.

    Le famiglie delle vittime non erano presenti in Corte quando è stata dichiarata l’assoluzione. Taha Hussein Mahmoud, madre di un ragazzo di 19 anni ucciso in una protesta in Alessandria, ha dichiarato a Reuters: “Purtroppo il sangue della nostra famiglia è stato versato invano…sono in un posto migliore di quello in cui siamo noi.”

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa

    TAGs











    Vedi anche

    25/10/2014 EGITTO
    Egitto, giovani cattolici: La rivoluzione è stata tradita, ma il futuro appartiene a noi
    Martine, 26 anni, vive e lavora al Cairo. Il problema della discriminazione in Egitto nasce da "classi sociali molto definite". Gli insegnamenti di uguaglianza, rispetto e compassione nelle scuole cristiane "sono un beneficio anche per gli studenti musulmani". I moti del 2011 "sono stati rubati agli egiziani" da altri Paesi e (in parte) dall'autorità militare. "Serviranno almeno 50 anni per cancellare gli errori del passato".

    01/12/2014 EGITTO - ISLAM
    Proteste nelle università per l'assoluzione di Mubarak
    Manifestazioni, cartelli e slogan nelle università di Alessandria, Minya, Ain Sham. Due persone sono state uccise; nove ferite; 85 arrestate.

    01/02/2011 EGITTO
    Un milione in piazza per un’altra spallata a Mubarak, l’esercito si limita a sorvegliare
    Dopo la dichiarazione dei militari di non voler usare la forza, ElBaradei dice al presidente di andarsene “entro venerdì”. Timori e speranze per l’effetto domino: in Giordania il premier incontra il movimento islamico, l’Iran auspica un Medio oriente musulmano che si opponga a Israele.

    03/08/2011 EGITTO
    Al via il processo contro l’ex presidente Mubarak, in barella
    È accusato di corruzione e di aver ordinato l’assassinio di civili durante le proteste della “primavera araba”. Scontri fuori dall’aula tra la folla. Per p. Henry Boulad, direttore del Centro culturale gesuita di Alessandria, è un passo “enorme” che però non porterà a “nulla di concreto”. E sottolinea che “la democrazia e il futuro dell’Egitto non saranno decisi dal giudizio di questo processo”.

    31/01/2011 EGITTO
    Al Cairo è sciopero generale, mentre l’opposizione vuole un governo di transizione
    Mubarak promette riforme, ma la piazza vuole solo che se ne vada. Una ritirata “rispettabile” gli sarebbe stata proposta dal nuovo vicepresidente e dal Ministro della difesa. Obama chiede una “transizione ordinata”, Israele dice che “è interesse dell’Occidente e di tutto il Medio Oriente” mantenere la stabilità dell’Egitto.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®