31/03/2017, 08.23
COREA DEL SUD
Invia ad un amico

L’ex presidente Park arrestata per corruzione

La decisione presa dalla Corte di Seoul dopo nove ore di udienza. La Park è accusata di corruzione, di abuso di autorità e di rivelazione di segreti di Stato. Lei nega ogni accusa. È il terzo presidente ad essere imprigionato. Rischia una condanna a 10 anni.

Seoul (AsiaNews) – L’ex presidente Park Geun-hye è stata arrestata oggi con l’accusa di corruzione per uno scandalo che l’ha anche dimessa dal suo ufficio.

La Park, 65 anni, primo presidente donna della Corea del Sud e primo presidente a subire l’impeachment, è accusata di corruzione, di abuso di autorità e di rivelazione di segreti di Stato. La decisione per il suo arresto è stata presa ieri dalla Corte centrale di Seoul dopo nove ore di raduno.

Dopo il lungo interrogatorio, la Park ha lasciato ieri sera la corte e non ha parlato con i giornalisti.

I procuratori accusano la Park di aver collaborato con la sua amica Choi Soon-sil per forzare decine di imprese a fare “donazioni” a due fondazioni controllate dalla Choi per un totale di 77,4 miliardi di won (circa 70 milioni di dollari Usa).

Lee Jae-yong, capo effettivo della Samsun è stato a sua volta arrestato per aver donato o promesso 43,4 miliardi di won alla Choi e alla Park in cambio di favori legate alla ristrutturazione delle sue aziende. Del totale, 20,4 miliardi di won sono andate alle due fondazioni.

Se la Park risulterà colpevole nel processo, potrebbe essere condannata ad almeno 10 anni di prigione. Ella è anche accusata di mettere in una lista nera più di 9mila artisti, scrittori, registi e personaggi della cultura proibendo alle agenzie governative di sovvenzionarli solo perché essi erano critici verso la sua politica.

La Park avrebbe anche allontanato impiegati del ministero della Cultura che facevano resistenza alle sue misure contro le persone nella lista nera.

Infine, ella è accusata di essere intervenuta nelle amministrazioni di diverse imprese – fra cui Hyundai Motor, Posco e KT – facendo pressioni su di loro per firmare contratti con le ditte della Choi. Da parte sua la Park nega tutte queste accuse.

La Park, che è stata eletta nel 2012, è il terzo presidente sudcoreano ad essere imprigionato.

Due ex presidenti, Chun Doo-hwan and Roh Tae-woo, entrambi ex generali dell’esercito, nel 1996 furono condannati il primo all’ergastolo e il secondo a 17 anni di prigione per tradimento e corruzione. Essi furono poi amnistiati nel 1997.

Chun e Roh avevano organizzato un colpo di Stato che ha portato Chun al potere otto anni dopo la morte di Park Chung-hee, il padre di Park Geun-hye.

Roh è stato eletto nel 1988, dopo che il governo di Chun, dietro pressioni di un potente movimento democratico, ha accettato ci fossero libere elezioni.

Nell’aprile 2009, l’ex presidente liberale Roh Moo-hyun è stato accusato di corruzione, ma il processo non si poté iniziare perché Roh si è suicidato un mese dopo

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Samsung: la corte nega il mandato d’arresto per il vicecapo Lee Jae-yong
19/01/2017 08:38
Mandato d'arresto per Lee Jae-yong, vicecapo della Samsung coinvolto nello scandalo della presidente Park
16/01/2017 11:57
La procura di Seoul chiede l’arresto dell’ex presidente Park Geun-hye
27/03/2017 13:39
Arrestato il capo della Samsung, legato allo scandalo della presidente Park
17/02/2017 08:38
Dopo 353 giorni di prigione, la corte d’appello rilascia l’erede di Samsung
06/02/2018 08:29