15/02/2011, 00.00
BAHRAIN-YEMEN
Invia ad un amico

L’onda di proteste colpisce il Bahrain e lo Yemen. Speranza di democrazia in Egitto

Due morti in Bahrain. Al quinto giorno le manifestazioni in Yemen. In Egitto i militari al potere mandano messaggi rassicuranti all’opposizione sulla volontà di consultare rapidamente il popolo sulla Costituzione.

Manama (AsiaNews/Agenzie) – Due persone sono morte nelle proteste in Bahrain; la prima ieri, colpita alla schiena; la seconda questa mattina mentre partecipava al funerale della prima vittima. Nel piccolo regno è stato proclamato un secondo “giorno della rabbia”, dopo quello che ha portato per le strade della capitale migliaia di dimostranti. E nello Yemen le proteste per chiedere riforme politiche, economiche e la fine immediata del potere del Presidente sono giunte al quinto giorno consecutivo.

Nel Bahrain la polizia antisommossa ha attaccato i manifestanti con gas lacrimogeni, proiettili di gomma, granate da shock e cartucce a pallini. Le proteste in Bahrain non vogliono rovesciare la monarchia, sunnita in un paese a predominanza sciita, ma chiedono una nuova costituzione, inchieste sulla corruzione e la tortura, e il rilascio dei prigionieri politici. Oltre 500, la maggioranza dei quali sotto i 18 anni. Le proteste sono pacifiche.

In Yemen ieri migliaia di cittadini sono scesi in piazza per chiedere la partenza immediata di ali AAbdullah Saleh. I manifestanti sono stati attaccati con coltelli, bottiglie rotte e sassi dai partigiani del presidente. La protesta è continuata nella notte, i dimostranti portavano candele. Nello Yemen il 40% della popolazione vive con meno di due dollari al giorno, e c’è una scarsità strutturale di acqua e altre risorse. Più della metà dei 23 milioni di yemeniti hanno meno di 20 anni.

Nel frattempo in Egitto la situazione è ancora lontana dall’essere chiara. I militari avrebbero espresso la loro intenzione di condividere il potere con i civili e di modificare la costituzione  rapidamente con un referendum popolare, secondo quanto dichiarato dagli attivisti dell’opposizione. Wael Ghorim, il manager di Google arrestato per il ruolo che ha avuto nella rivoluzione anti-Mubarak ha affermato che membri del consiglio militare  gli hanno assicurato che nel giro di due mesi verrà tenuto un plebiscito per le modifiche costituzionali.  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ancora scontri e morti nelle rivolte in Bahrain e Yemen
18/02/2011
Bahrain, nuovi scontri per la democrazia. Voci di un intervento militare saudita
14/03/2011
La protesta continua in Bahrain, Yemen e Iran. Ancora scontri per la libertà e le riforme
16/02/2011
Le rivolte nei Paesi islamici: le multinazionali, i dittatori, la dottrina sociale della Chiesa
08/02/2011
Bahrain: tre morti e decine di feriti. La polizia attacca senza preavviso i manifestanti
17/02/2011