25 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/02/2006, 00.00

    INDONESIA

    L'Indonesia vuole diminuire il potere delle forze armate sulla società civile



    Si vuole garantire maggior rispetto della democrazia, dei diritti umani, della competizione politica ed eliminare il coinvolgimento dei militari in affari economici. Ma non  è chiaro come ottenerlo ed evitare un indebolimento dell'esercito.

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) - L'Indonesia vuole trasformare il suo esercito in una moderna forza di difesa ed eliminare il coinvolgimento dei militari nella vita politica. E' l'impegno del nuovo comandante in capo, ma gli esperti ammoniscono sulle difficoltà.

    I militari - ha promesso il maresciallo Joko Suyanto, da ieri capo delle forze armate - staranno fuori dalla politica e rispetteranno la democrazia e i diritti umani; ma la strada è lunga. Per decenni i militari, sotto l'autoritario ex presidente Suharto, hanno avuto enorme influenza sulle vicende politiche, sono stati coinvolti con uomini d'affari dai guadagni di provenienza poco chiara e sono stati accusati di violazioni dei diritti umani.

    "La partecipazione dei militari ad affari leciti e illeciti, dalle linee aeree al taglio di alberi, si ramifica - dice Bob Lowry, analista del settore - in quasi ogni ambito dell'economia del Paese e porta ricchi guadagni ai singoli comandanti". "E' poco probabile - aggiunge - che il presidente Susilo Bambang Yudhoyono, egli stesso ex generale dell'esercito, voglia privare i militari della loro maggior fonte di guadagno. Se vuole essere rieletto, non deve farsi nuovi nemici".

    Se pure si volesse smantellare questo giro d'affari, che copre almeno il 70%  delle spese militari - concorda Riza Sihbudi, analista dell'Istituto indonesiano delle scienze - ci vorrebbe almeno un decennio e si dovrebbe trovare un'alternativa fonte di reddito per questi generali.

    Per pagare in modo adeguato le truppe, sarebbe necessario - osserva Juwono Sudarsono, ministro della Difesa - almeno raddoppiare l'attuale budget di 2,5 miliardi di dollari Usa.

    Inoltre i militari sono accusati di gravi violazioni di diritti, quali l'uccisione di un quarto della popolazione di Timor est e di migliaia di persone in Papua e in Aceh. Per Suyanto sarà difficile portare questi casi davanti a un tribunale - osserva Sihbudi - perché lui proviene dell'aviazione, ma la gran parte degli accusati appartiene all'esercito.

    Le forze armate debbono, per di più, restare efficienti. Anche dopo la pace in Aceh, permane alto il rischio che nel Malukus e nel Sulawesi scoppino nuovi scontri tra cristiani e musulmani. Le risorse sono state indebolite dal lungo embargo all'acquisto di armi, conseguente ai massacri a Timor est e terminato solo lo scorso anno. Invece - osserva ancora Lowry -  né il ministero della Difesa né gli stessi militari si preoccupano dell'efficienza delle forze armate per fronteggiare future minacce. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/04/2005 TIMOR EST - INDONESIA
    Storica visita di Susilo a Timor Est

    È la prima volta che un presidente indonesiano visita il cimitero di Santa Cruz, luogo di una strage di timoresi disarmati. Susilo firmerà anche un accordo sui confini territoriali.



    01/08/2005 TIMOR EST - INDONESIA
    Vescovi di Timor Est: l'Onu ci aiuti a rendere giustizia al nostro popolo

    Mons. da Silva e mons. do Nascimento: "Commissione di Verità e Amicizia", solo una mossa  politica dei due Governi, serve un tribunale internazionale.



    19/02/2007 INDONESIA - TIMOR
    Al via le prime udienze della Commissione Verità e Amicizia
    Indagherà sulle atrocità commesse prima dell'indipendenza di Timor est dall’Indonesia, ma non ha potere di perseguirne i responsabili. Sfavorevoli, tra gli altri, Onu e Chiesa cattolica locale: così non verrà fatta giustizia.

    21/12/2005 Timor est – Indonesia
    Timor Est: durante l'occupazione indonesiana morte 183 mila persone

    Un documento reso pubblico oggi identifica per nome le vittime e gli autori di violazioni come esecuzioni di massa e torture, avvenute durante i 24 anni di occupazione indonesiana.



    07/05/2007 TIMOR - INDONESIA
    Wiranto: nel ‘99 nessuna violazione di diritti umani a Timor Est
    Davanti alla Commissione Verità e Amicizia, l’ex capo dell’esercito al tempo dei sanguinosi scontri post-referendum testimonia la sua innocenza e quella dei suoi uomini: furono solo ostilità tra milizie locali. Diversa la deposizione del vescovo Belo: dopo il voto i soldati di Jakarta hanno distrutto il vescovado a Dili e commesso violenze sulla popolazione.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®