3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/08/2012
IRAN - SIRIA
L'Iran chiede aiuto a Turchia e Qatar per i 48 pellegrini catturati dai ribelli siriani
Per Teheran i 48 sono pellegrini, fra cui vi sono donne e bambini. Per i ribelli essi sono Guardie rivoluzionarie mandate dall'Iran in ricognizione, e in un video mostrano soltanto gli uomini. Rischi di acuire il conflitto fra sunniti e sciiti. Il primo ministro siriano si rifugia in Giordania.

Damasco (AsiaNews/Agenzie) - L'Iran ha chiesto a Turchia e Qatar di aiutare il rilascio di 48 iraniani catturati dai ribelli in Siria. Questi li considerano membri delle Guardie rivoluzionarie; l'Iran afferma che essi sono solo dei pellegrini.

La denuncia del loro rapimento è venuta due giorni fa dalla TV iraniana: il gruppo di fedeli sciiti sarebbe stato preso da un autobus mentre si essi recavano in visita alla moschea di Sayyeda Zeinab, a pochi chilometri dal luogo del rapimento.

Secondo i ribelli essi sono Guardie rivoluzionarie che andavano a Damasco per svolgere delle ricognizioni. Ieri in un video (v. foto), un gruppo ha rivendicato il rapimento, accusando Teheran di sostenere Bashar el Assad. Ma il colonnello Malik al Kurdi, vicecomandante del Free Syrian Army si è dissociato dall'azione, dicendo che i ribelli avevano compiuto il rapimento senza nemmeno comunicarlo loro.

L'ambasciata iraniana a Damasco precisa che il gruppo di pellegrini viaggiava per conto suo, in un tour privato e che fra loro vi sono donne e bambini. Il video diffuso ieri sera mostra invece solo uomini catturati e i loro documenti iraniani.

L'incidente rischia di fomentare ancora di più un conflitto fra sunniti e sciiti e aumentare lo scontro fra i Paesi amici di Assad e chi sostiene i ribelli.

Turchia e Qatar sono accusati da Teheran di sostenere il Free Syrian Army e l'opposizione per far cadere Assad. Ad ogni modo, secondo l'agenzia di Stato iraniana, il ministro turco degli esteri, Ahmet Dautoglu e quello del Qatar, Sheikh Hamad Bin Jassim Bin Jabr, si sono detti disponibili a cercare il rilascio dei pellegrini.

Intanto, mentre l'esercito siriano si prepara con circa 20mila soldati all'attacco finale su Aleppo per sgominare i ribelli, giunge oggi notizia che il primo ministro siriano, Riad Hijab, è fuggito in Giordania insieme alla famiglia. La televisione siriana aveva annunciato che egli era stato dimesso. Hijab, sunnita e uno dei leader del Baath, nominato lo scorso 23 giugno da Assad, ha annunciato di essersi unito all'opposizione "a causa dei crimini di guerra e del genocidio" commessi dal regime.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/04/2012 TURCHIA -SIRIA
Dai Paesi del Golfo cento milioni di dollari ai ribelli per cacciare Assad
21/08/2012 TURCHIA - SIRIA
L'ombra dei kurdi e della Siria nell'attentato a Gaziantep
di NAT da Polis
16/09/2011 SIRIA
L’opposizione siriana crea un “Consiglio nazionale” per abbattere Assad
04/09/2012 TURCHIA - SIRIA
Scontri fra kurdi e turchi sul confine siriano; 30 morti
13/08/2012 TURCHIA - SIRIA
Erdogan, l'incubo curdo e la fine di Assad
di NAT da Polis

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate