27 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/08/2012, 00.00

    IRAN - SIRIA

    L'Iran chiede aiuto a Turchia e Qatar per i 48 pellegrini catturati dai ribelli siriani



    Per Teheran i 48 sono pellegrini, fra cui vi sono donne e bambini. Per i ribelli essi sono Guardie rivoluzionarie mandate dall'Iran in ricognizione, e in un video mostrano soltanto gli uomini. Rischi di acuire il conflitto fra sunniti e sciiti. Il primo ministro siriano si rifugia in Giordania.

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - L'Iran ha chiesto a Turchia e Qatar di aiutare il rilascio di 48 iraniani catturati dai ribelli in Siria. Questi li considerano membri delle Guardie rivoluzionarie; l'Iran afferma che essi sono solo dei pellegrini.

    La denuncia del loro rapimento è venuta due giorni fa dalla TV iraniana: il gruppo di fedeli sciiti sarebbe stato preso da un autobus mentre si essi recavano in visita alla moschea di Sayyeda Zeinab, a pochi chilometri dal luogo del rapimento.

    Secondo i ribelli essi sono Guardie rivoluzionarie che andavano a Damasco per svolgere delle ricognizioni. Ieri in un video (v. foto), un gruppo ha rivendicato il rapimento, accusando Teheran di sostenere Bashar el Assad. Ma il colonnello Malik al Kurdi, vicecomandante del Free Syrian Army si è dissociato dall'azione, dicendo che i ribelli avevano compiuto il rapimento senza nemmeno comunicarlo loro.

    L'ambasciata iraniana a Damasco precisa che il gruppo di pellegrini viaggiava per conto suo, in un tour privato e che fra loro vi sono donne e bambini. Il video diffuso ieri sera mostra invece solo uomini catturati e i loro documenti iraniani.

    L'incidente rischia di fomentare ancora di più un conflitto fra sunniti e sciiti e aumentare lo scontro fra i Paesi amici di Assad e chi sostiene i ribelli.

    Turchia e Qatar sono accusati da Teheran di sostenere il Free Syrian Army e l'opposizione per far cadere Assad. Ad ogni modo, secondo l'agenzia di Stato iraniana, il ministro turco degli esteri, Ahmet Dautoglu e quello del Qatar, Sheikh Hamad Bin Jassim Bin Jabr, si sono detti disponibili a cercare il rilascio dei pellegrini.

    Intanto, mentre l'esercito siriano si prepara con circa 20mila soldati all'attacco finale su Aleppo per sgominare i ribelli, giunge oggi notizia che il primo ministro siriano, Riad Hijab, è fuggito in Giordania insieme alla famiglia. La televisione siriana aveva annunciato che egli era stato dimesso. Hijab, sunnita e uno dei leader del Baath, nominato lo scorso 23 giugno da Assad, ha annunciato di essersi unito all'opposizione "a causa dei crimini di guerra e del genocidio" commessi dal regime.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/04/2012 TURCHIA -SIRIA
    Dai Paesi del Golfo cento milioni di dollari ai ribelli per cacciare Assad
    Serviranno per i salari dei combattenti. L'Arabia saudita vorrebbe armarli, ma si teme una guerra civile a tutto campo. Gli Usa sosterranno i ribelli con aiuti umanitari e con strumenti di comunicazione. All'incontro di Istanbul assenti i sostenitori di Assad: Cina, Russia, Iran. L'opposizione divisa.

    21/08/2012 TURCHIA - SIRIA
    L'ombra dei kurdi e della Siria nell'attentato a Gaziantep
    Le vittime sono dei passanti e un bambino. Di solito gli attacchi del Pkk mirano alle forze militari turche. La zona è vicina alla frontiera turco-siriana, divenuta terra di rifugio per i profughi che fuggono dalla guerra in Siria.

    16/09/2011 SIRIA
    L’opposizione siriana crea un “Consiglio nazionale” per abbattere Assad
    L’embrione della futura Assemblea nazionale è nato in Turchia, dove tutti i gruppi di opposizione, dai Fratelli musulmani alla sinistra, si sono accordati per scegliere 140 membri del Consiglio. Resi noti i nomi di soli 72 membri: gli altri sono ancora in Siria. Usa e Francia favorevoli all’iniziativa.

    04/09/2012 TURCHIA - SIRIA
    Scontri fra kurdi e turchi sul confine siriano; 30 morti
    L'attacco avvenuto nella provincia di Sirnak a circa 100 km da Aleppo. I guerriglieri hanno condotto l'assalto con mitragliatrici pesanti, granate e lanciarazzi. Il governo turco accusa i regimi di Damasco e Teheran di fomentare i separatisti per mantenere il caos nella regione.

    13/08/2012 TURCHIA - SIRIA
    Erdogan, l'incubo curdo e la fine di Assad
    Mentre si sbriciola il regime di Assad, al nord della Siria sta nascendo una zona autonoma kurda, in buoni rapporti con il PKK. Erdogan, divenuto nemico di Assad, teme la nascita di uno Stato kurdo, amico dei "terroristi". Per la Turchia è venuto il momento di rispondere coi fatti alle esigenze delle minoranze.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®