25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/08/2012
IRAN - SIRIA
L'Iran chiede aiuto a Turchia e Qatar per i 48 pellegrini catturati dai ribelli siriani
Per Teheran i 48 sono pellegrini, fra cui vi sono donne e bambini. Per i ribelli essi sono Guardie rivoluzionarie mandate dall'Iran in ricognizione, e in un video mostrano soltanto gli uomini. Rischi di acuire il conflitto fra sunniti e sciiti. Il primo ministro siriano si rifugia in Giordania.

Damasco (AsiaNews/Agenzie) - L'Iran ha chiesto a Turchia e Qatar di aiutare il rilascio di 48 iraniani catturati dai ribelli in Siria. Questi li considerano membri delle Guardie rivoluzionarie; l'Iran afferma che essi sono solo dei pellegrini.

La denuncia del loro rapimento è venuta due giorni fa dalla TV iraniana: il gruppo di fedeli sciiti sarebbe stato preso da un autobus mentre si essi recavano in visita alla moschea di Sayyeda Zeinab, a pochi chilometri dal luogo del rapimento.

Secondo i ribelli essi sono Guardie rivoluzionarie che andavano a Damasco per svolgere delle ricognizioni. Ieri in un video (v. foto), un gruppo ha rivendicato il rapimento, accusando Teheran di sostenere Bashar el Assad. Ma il colonnello Malik al Kurdi, vicecomandante del Free Syrian Army si è dissociato dall'azione, dicendo che i ribelli avevano compiuto il rapimento senza nemmeno comunicarlo loro.

L'ambasciata iraniana a Damasco precisa che il gruppo di pellegrini viaggiava per conto suo, in un tour privato e che fra loro vi sono donne e bambini. Il video diffuso ieri sera mostra invece solo uomini catturati e i loro documenti iraniani.

L'incidente rischia di fomentare ancora di più un conflitto fra sunniti e sciiti e aumentare lo scontro fra i Paesi amici di Assad e chi sostiene i ribelli.

Turchia e Qatar sono accusati da Teheran di sostenere il Free Syrian Army e l'opposizione per far cadere Assad. Ad ogni modo, secondo l'agenzia di Stato iraniana, il ministro turco degli esteri, Ahmet Dautoglu e quello del Qatar, Sheikh Hamad Bin Jassim Bin Jabr, si sono detti disponibili a cercare il rilascio dei pellegrini.

Intanto, mentre l'esercito siriano si prepara con circa 20mila soldati all'attacco finale su Aleppo per sgominare i ribelli, giunge oggi notizia che il primo ministro siriano, Riad Hijab, è fuggito in Giordania insieme alla famiglia. La televisione siriana aveva annunciato che egli era stato dimesso. Hijab, sunnita e uno dei leader del Baath, nominato lo scorso 23 giugno da Assad, ha annunciato di essersi unito all'opposizione "a causa dei crimini di guerra e del genocidio" commessi dal regime.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/04/2012 TURCHIA -SIRIA
Dai Paesi del Golfo cento milioni di dollari ai ribelli per cacciare Assad
21/08/2012 TURCHIA - SIRIA
L'ombra dei kurdi e della Siria nell'attentato a Gaziantep
di NAT da Polis
16/09/2011 SIRIA
L’opposizione siriana crea un “Consiglio nazionale” per abbattere Assad
04/09/2012 TURCHIA - SIRIA
Scontri fra kurdi e turchi sul confine siriano; 30 morti
13/08/2012 TURCHIA - SIRIA
Erdogan, l'incubo curdo e la fine di Assad
di NAT da Polis

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate