27 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/07/2012
COREA
L'arcivescovo di Seoul in visita al Museo missionario di Propaganda Fide
Mons. Yeom Soo-junh ha inaugurato l'uso della traduzione in coreano delle audioguide del museo. La lingua coreana è la prima non occidentale presente nel museo. Il 29 giugno il neo arcivescovo ha ricevuto il pallio da Benedetto XVI.

Città del Vaticano (AsiaNews) - Mons. Andrew Yeom Soo-jung, neo arcivescovo di Seoul, si è recato in visita al Museo missionario di Propaganda Fide, in Piazza di Spagna. Il prelato si trova a Roma per aver ricevuto il pallio da Benedetto XVI lo scorso 29 giugno. Per l'occasione, egli ha inaugurato l'uso della traduzione in coreano delle audioguide del Museo. L'arcivescovo era accompagnato da Thomas Han Hong-soon, ambasciatore coreano presso la Santa Sede, che ha sponsorizzato la traduzione in lingua coreana del percorso audiovisivo del museo. Aperto alcuni anni da, il Museo raccoglie alcune opere d'arte (pitture e sculture) occidentali, con opere provenienti dai Paesi di missione, insieme a preziosi documenti sull'evangelizzazione mondiale.

Mons. Yeom ha dichiarato ad AsiaNews: "Sono contento di aver visto il luogo da cui è partita la missione della Chiesa nell'estremo oriente". Propaganda Fide, sorta nel 1622 aveva come scopo sostenere l'evangelizzazione nelle nuove terre a occidente e nelle Indie, cercando di liberarle dal giogo del "padroado", la protezione delle potenze coloniali.

"Con le nuove audioguide - ha spiegato mons. Yeom - i fedeli coreani [in visita  a Roma ] potranno avere la possibilità di imparare ancora di più sul dovere e la visione della missione".

L'ambasciatore Han ha sottolineato che la lingua coreana "è la prima lingua non occidentale" presente nel museo. Anche lui si augura che le visite dei pellegrini coreani  ricevano ispirazione 4e senso della fede "che serve non solo lo sviluppo dela Chiesa, ma anche la costruzione di un mondo migliore, perché la fede costituisce un elemento essenziale per un mondo più umano".

La Chiesa coreana è fra le comunità più missionarie in Asia, con sacerdoti in molti Paesi asiatici e non.

Una delle missioni più vicine per loro è quella della Corea del Nord. Incontrando il papa prima delle cerimonia del pallio, mons. Yeom gli ha chiesto "preghiere per la Corea del Nord". Mons. Yeom è anche amministratore apostolico di Pyongyang.

 

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/03/2010 COREA DEL SUD
Cattolici coreani uniti contro il Progetto dei grandi fiumi
di Theresa Kim Hwa-young
04/05/2011 COREA
I rifugiati dalla Corea del Nord, “missionari di speranza per il Sud”
di Joseph Yun Li-sun
22/01/2011 COREA
Caritas Corea: "Un nuovo strumento per aiutare il Nord"
di Joseph Yun Li-sun
06/07/2012 COREA DEL SUD - MONGOLIA
La Chiesa mongola festeggia i suoi primi 20 anni: "Dio ha fatto grandi cose per noi"
di Joseph Yun Li-sun
26/06/2010 INDONESIA
Java: esercizi spirituali per ricordare ai sacerdoti l’importanza della preghiera
di Mathias Hariyadi

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate