5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/07/2012
COREA
L'arcivescovo di Seoul in visita al Museo missionario di Propaganda Fide
Mons. Yeom Soo-junh ha inaugurato l'uso della traduzione in coreano delle audioguide del museo. La lingua coreana è la prima non occidentale presente nel museo. Il 29 giugno il neo arcivescovo ha ricevuto il pallio da Benedetto XVI.

Città del Vaticano (AsiaNews) - Mons. Andrew Yeom Soo-jung, neo arcivescovo di Seoul, si è recato in visita al Museo missionario di Propaganda Fide, in Piazza di Spagna. Il prelato si trova a Roma per aver ricevuto il pallio da Benedetto XVI lo scorso 29 giugno. Per l'occasione, egli ha inaugurato l'uso della traduzione in coreano delle audioguide del Museo. L'arcivescovo era accompagnato da Thomas Han Hong-soon, ambasciatore coreano presso la Santa Sede, che ha sponsorizzato la traduzione in lingua coreana del percorso audiovisivo del museo. Aperto alcuni anni da, il Museo raccoglie alcune opere d'arte (pitture e sculture) occidentali, con opere provenienti dai Paesi di missione, insieme a preziosi documenti sull'evangelizzazione mondiale.

Mons. Yeom ha dichiarato ad AsiaNews: "Sono contento di aver visto il luogo da cui è partita la missione della Chiesa nell'estremo oriente". Propaganda Fide, sorta nel 1622 aveva come scopo sostenere l'evangelizzazione nelle nuove terre a occidente e nelle Indie, cercando di liberarle dal giogo del "padroado", la protezione delle potenze coloniali.

"Con le nuove audioguide - ha spiegato mons. Yeom - i fedeli coreani [in visita  a Roma ] potranno avere la possibilità di imparare ancora di più sul dovere e la visione della missione".

L'ambasciatore Han ha sottolineato che la lingua coreana "è la prima lingua non occidentale" presente nel museo. Anche lui si augura che le visite dei pellegrini coreani  ricevano ispirazione 4e senso della fede "che serve non solo lo sviluppo dela Chiesa, ma anche la costruzione di un mondo migliore, perché la fede costituisce un elemento essenziale per un mondo più umano".

La Chiesa coreana è fra le comunità più missionarie in Asia, con sacerdoti in molti Paesi asiatici e non.

Una delle missioni più vicine per loro è quella della Corea del Nord. Incontrando il papa prima delle cerimonia del pallio, mons. Yeom gli ha chiesto "preghiere per la Corea del Nord". Mons. Yeom è anche amministratore apostolico di Pyongyang.

 

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/03/2010 COREA DEL SUD
Cattolici coreani uniti contro il Progetto dei grandi fiumi
di Theresa Kim Hwa-young
04/05/2011 COREA
I rifugiati dalla Corea del Nord, “missionari di speranza per il Sud”
di Joseph Yun Li-sun
22/01/2011 COREA
Caritas Corea: "Un nuovo strumento per aiutare il Nord"
di Joseph Yun Li-sun
26/06/2010 INDONESIA
Java: esercizi spirituali per ricordare ai sacerdoti l’importanza della preghiera
di Mathias Hariyadi
06/07/2012 COREA DEL SUD - MONGOLIA
La Chiesa mongola festeggia i suoi primi 20 anni: "Dio ha fatto grandi cose per noi"
di Joseph Yun Li-sun

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate