21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/08/2012, 00.00

    SIRIA - ONU

    L'esercito si riprende Damasco; combattimenti ad Aleppo



    Sporadici combattimenti a Tadamon e Dumar. Bombardamenti con artiglieria ed elicotteri nella capitale economica del Paese. L'Assemblea generale Onu passa una risoluzione non vincolante che critica la Siria e il Consiglio di sicurezza.

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Da ieri sera l'esercito siriano è entrato nel quartiere Tadamon, l'ultimo dominato finora dai ribelli, riprendendo il controllo di tutta la capitale, anche se qua e là vi sono scambi di armi da fuoco. Intanto si registrano continui scontri armati in molte aree di Aleppo, la capitale economica del Paese.

    Secondo attivisti, migliaia di soldati siriani hanno presidiato il quartiere Tadamon e stanno operando controlli casa per casa. Ma vi sono esplosioni anche nel quartiere di Dumar e nel centro della capitale.

    Ad Aleppo per tutta la notte le truppe governative hanno bombardato le zone presidiate dai ribelli con artiglieria ed elicotteri da guerra.

    Ieri l'Assemblea generale dell'Onu ha condannato le violenze del governo siriano e soprattutto l'immobilismo del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite. La risoluzione, passata con 133 voti a favore, 12 contrari e 31 astenuti, era stata presentata dall'Arabia saudita, profondamente implicata nel sostegno dei ribelli anti-Assad.

    Senza farne i nomi, la risoluzione - che non ha valore vincolante - critica Russia e Cina come ostacoli a un'azione comune contro il governo di Assad.

    Vitaly Churkin, ambasciatore russo all'Onu, ha criticato la risoluzione come di parte e sostenitrice dell'opposizione armata.

    La presentazione della risoluzione era stata decisa dopo le dimissioni di Kofi Annan da inviato Onu per il processo di pace in Siria.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/08/2012 SIRIA - ONU
    Onu diviso: Kofi Annan si dimette, cresce la guerra in Siria
    Per l'ex segretario dell'Onu non c'è collaborazione da parte del governo siriano e da parte dell'opposizione. Ma soprattutto vi è divisione nel Consiglio di sicurezza e nella comunità internazionale con accuse reciproche e appoggi di parte. Ieri sono state uccise 130 persone in conflitti che hanno coinvolto anche Damasco ed Aleppo. Oggi la Lega araba propone una risoluzione all'Assemblea generale delle Nazioni Unite per criticare le minacce della Siria sull'uso di armi chimiche. L'escalation militare di Damasco e dei ribelli sostenuta dagli stessi Paesi del Consiglio di sicurezza.

    07/06/2012 SIRIA - ONU
    Accuse reciproche fra Damasco e i ribelli sul nuovo massacro di Qubair
    Secondo i ribelli, le forze filo-governative degli "shabiha" hanno ucciso 86 persone, fra cui molte donne e bambini. Secondo il governo il massacro di nove persone è stato compiuto da "gruppi terroristi". Nessuna delle due versioni ha conferme indipendenti. Oggi si raduna il Consiglio di sicurezza dell'Onu. La Russia vuole implicare l'Iran nella ricerca di un cessate il fuoco e una transizione del potere di Assad. Contrari Stati Uniti e Paesi arabi sunniti.

    07/06/2012 SIRIA
    Vicario apostolico di Aleppo: no alla morte dei bambini sfruttata per fini politici e strategici
    Mons. Giuseppe Nazzaro condanna il massacro di Qubair e Mazzarzaf (Hama) costato la vita a 78 persone, fra cui donne e bambini. L'Onu ha il dovere morale di verificare il contesto, individuare gli autori e le ragioni della strage. Sanzioni economiche e guerriglieri estremisti islamici iniziano a fare più morti che i soldati del regime.

    08/01/2013 ONU-SIRIA
    Ban Ki-moon critica Assad per le terribili sofferenze della popolazione siriana
    Le parole del presidente siriano non aiutano a trovare una "reale soluzione alla crisi". Lakhdar Brahimi, inviato Onu per il piano di pace, in dialogo con Qatar e Iran.

    03/04/2012 SIRIA - ONU
    Assad promette la fine delle violenze entro il 10 aprile, secondo il piano di pace dell'Onu
    La conferma viene da Kofi Annan. Se Assad blocca le violenze anche i ribelli devono abbandonare le armi. Ma proprio nei giorni scorsi i ribelli hanno ricevuto il sostegno economico da Arabia saudita e Paesi del Golfo. Scettica l'ambasciatrice Usa all'Onu.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®