29 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/08/2012
SIRIA - ONU
L'esercito si riprende Damasco; combattimenti ad Aleppo
Sporadici combattimenti a Tadamon e Dumar. Bombardamenti con artiglieria ed elicotteri nella capitale economica del Paese. L'Assemblea generale Onu passa una risoluzione non vincolante che critica la Siria e il Consiglio di sicurezza.

Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Da ieri sera l'esercito siriano è entrato nel quartiere Tadamon, l'ultimo dominato finora dai ribelli, riprendendo il controllo di tutta la capitale, anche se qua e là vi sono scambi di armi da fuoco. Intanto si registrano continui scontri armati in molte aree di Aleppo, la capitale economica del Paese.

Secondo attivisti, migliaia di soldati siriani hanno presidiato il quartiere Tadamon e stanno operando controlli casa per casa. Ma vi sono esplosioni anche nel quartiere di Dumar e nel centro della capitale.

Ad Aleppo per tutta la notte le truppe governative hanno bombardato le zone presidiate dai ribelli con artiglieria ed elicotteri da guerra.

Ieri l'Assemblea generale dell'Onu ha condannato le violenze del governo siriano e soprattutto l'immobilismo del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite. La risoluzione, passata con 133 voti a favore, 12 contrari e 31 astenuti, era stata presentata dall'Arabia saudita, profondamente implicata nel sostegno dei ribelli anti-Assad.

Senza farne i nomi, la risoluzione - che non ha valore vincolante - critica Russia e Cina come ostacoli a un'azione comune contro il governo di Assad.

Vitaly Churkin, ambasciatore russo all'Onu, ha criticato la risoluzione come di parte e sostenitrice dell'opposizione armata.

La presentazione della risoluzione era stata decisa dopo le dimissioni di Kofi Annan da inviato Onu per il processo di pace in Siria.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/08/2012 SIRIA - ONU
Onu diviso: Kofi Annan si dimette, cresce la guerra in Siria
07/06/2012 SIRIA - ONU
Accuse reciproche fra Damasco e i ribelli sul nuovo massacro di Qubair
07/06/2012 SIRIA
Vicario apostolico di Aleppo: no alla morte dei bambini sfruttata per fini politici e strategici
08/01/2013 ONU-SIRIA
Ban Ki-moon critica Assad per le terribili sofferenze della popolazione siriana
03/04/2012 SIRIA - ONU
Assad promette la fine delle violenze entro il 10 aprile, secondo il piano di pace dell'Onu

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate