05/03/2015, 00.00
TAIWAN
Invia ad un amico

L'incontro con Cristo "cambia ogni prospettiva, è una forza radicale"

di Xin Yage
La storia del prof. Wang, pioniere dell'industria dell'animazione digitale a Taiwan, che nel 2008 decide di essere battezzato dopo aver "toccato con mano" la testimonianza dei cristiani locali. Oggi "la fede è tutto e ha stravolto tutto, migliorando la mia vita sotto ogni aspetto".

Taipei (AsiaNews) - Ogni problema che prima sentiva fortissimo "con Gesù è arrivato a una svolta fondamentale. Lui ci ha dato la luce, ha cambiato ogni prospettiva". Con queste parole il prof. Wang (王年燦教授), professore di animazione digitale da ormai ventitré anni all'università nazionale di arte di Taiwan, (國立台灣藝術大學, National Taiwan University of Arts) racconta la "svolta" che la conversione ha imposto alla sua vita.

"Sono stato battezzato nel 2008 da padre John Jao (饒志成神父) - racconta - mentre mia moglie è entrata nella Chiesa nel 2009, alla Sacra Famiglia di Taipei. All'asilo sono andato dai cattolici, c'erano le suore, era vicino a casa mia ed era gratis. A quel tempo la maggior parte della popolazione e delle famiglie erano povere".

La vita del prof. Wang non è stata facile: "Ho studiato e lavorato duro per conquistarmi una buona educazione e una solida formazione tecnica. La scelta più azzardata è forse legata all'esperienza in Inghilterra: avevo già un figlio piccolo e con mia moglie siamo andati allo sbaraglio: siamo partiti in tre e ho fatto un dottorato in computer aided design nel Regno Unito. Quel dottorato mi ha reso pioniere dell'animazione digitale a Taiwan. È stata un'ottima scelta, ma non facile a quel tempo: vivevamo in casa di un amico, ed ho ricevuto la conferma della borsa di studio solo dopo essere arrivati là".

Dopo aver finito il dottorato, continua, "sono tornato in contatto coi cattolici. Un mio carissimo amico di Taipei era un entusiasta di natura, nonché un cristiano e un medico di oncologia, uno che ha fatto della sua professione una missione. Lui è stato il mio esempio. Attraverso di lui e altri amici ho incontrato Gesù. Tramite la passione del mio amico e l'impegno dimostrato da p. Jao nel seguire personalmente quanti si avvicinavano al catechismo, nel 2006 mi sono iscritto al gruppo parrocchiale della Sacra Famiglia di Taipei con mia moglie. Ho fatto il catechismo e la preparazione per due anni e poi mi sono fatto battezzare".

L'ingresso nella fede cristiana ha cambiato tutto: "A quel tempo avevo due figli in Canada che studiavano alla scuola secondaria. Ora hanno completato l'università. C'era pressione economica per pagare gli studi dei figli. Ogni problema diventava grandissimo ma con la fede in Gesù abbiamo sentito una svolta fondamentale. Ci ha dato la luce, ci ha cambiato ogni prospettiva".

Anche sul lavoro le cose sono cambiate: "Io lavoravo nella prima generazione di animazione digitale. I miei studenti adesso hanno aperto tutti compagnie di animazione digitale, video-games, progettazioni urbane, addirittura un paio hanno una società legata all'industria aerospaziale. Io ero poi responsabile di Siggraph Asia (la conferenza mondiale dell'animazione digitale di avanguardia) fino al 2005 e ora mi dedico col mio team a organizzare altri grandi eventi. Ma al di là di tutti i successi, nostri o dei nostri alunni, la cosa più importante sono i valori umani in cui crediamo e per cui viviamo".

La fede in Gesù, riprende, "mi ha aiutato nella vita famigliare e nella mia professione. Ora il mio lavoro è concentrato nel fundraising per la chiesa cattolica e per le fondazioni caritative legate ad essa. Con mia moglie sentiamo una forza incredibile, lei mi spinge sempre di più a collaborare con la missione della Chiesa".

Le cose sono cambiate anche con gli studenti: "Adesso che sono cattolico, sentono che questo dà un sapore particolare al mio rapporto con loro. Altri amici dicono che la fede mi ha cambiato in meglio e mi permette di ascoltare i problemi degli altri. Quello che vivo in famiglia e nella comunità cattolica lo vivo anche nella professione all'università. Trasmettere i valori, dal mio punto di vista, è la cosa più importante. Spesso i giovani artisti sono confusi, hanno bisogno di punti di riferimento. Abbiamo scoperto che i valori proposti da Gesù e dalla chiesa risultano molto attraenti. Per quanto riguarda la comunità cristiana a cui appartengo, mi ha aiutato collaborare con gli altri e sentire il loro incoraggiamento. Condividere una missione è una cosa che dà forza a tutti, così come lo spirito di raccogliere fondi per progetti importanti significa dare a tutti l'opportunità di essere protagonisti in una missione comune".

In questa Quaresima, conclude, "prego per la mia famiglia e per tutte le persone, soprattutto tra i miei studenti in difficoltà, perché possano ricevere la forza dello spirito di Gesù". 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Taipei, incontrare Dio fra le aule di matematica
18/03/2015
Taipei, imprenditrice e donna: la conversione "completa un desiderio del cuore"
10/03/2015
Taipei, nel miglior ristorante della città “si sente il profumo del Vangelo”
01/04/2015
Un film per ricordare p. Frans Van der Lugt, ucciso ad Homs cinque anni fa (video)
03/04/2019 11:37
A Bali mille ragazzi per una tre giorni di animazione missionaria
22/07/2008