21 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/07/2012
CINA-VATICANO
L'ordinazione illecita ad Harbin rafforza il partito degli "scomunicati". Liberato l'amministratore apostolico fedele al papa
di Jian Mei
Giuseppe Yue Fusheng è stato ordinato vescovo di Heilongjiang da cinque vescovi riconosciuti dalla Santa Sede. Sempre più vescovi "autoeletti" nella leadership dell'Associazione patriottica. P. Giuseppe Zhao e il suo viceparroco sono stati rilasciati subito dopo la cerimonia di ordinazione. I cattolici di Harbin pregano per il pentimento di Yue.

Harbin (AsiaNews) - Nonostante le critiche dei cattolici locali e perfino gli avvertimenti del Vaticano,p. Giuseppe Yue Fusheng si è fatto ordinare vescovo senza mandato pontificio questa mattina nella cattedrale di Harbin (Heilongjiang).

La liturgia è stata presieduta da mons. Johan Fang Xinyao di Linyi (Shandong), presidente nazionale dell'Associazione patriottica. Altri vescovi concelebranti intervenuti sono: mons. Pei Junmin di Liaoning; mons. Meng Qinglu of Hohhot (Mongolia Interna); mons. Wang Renlei di Xuzhou (Jiangsu) e mons. Yang Yongqiang di Zhoucun (Shandong).

Tutti i vescovi ordinanti erano approvati dalla Santa Sede, compreso mons. Wang, che è stato legittimato lo scorso maggio. Non si sa se la loro partecipazione è spontanea o è stata obbligata, come è avvenuto in altre ordinazioni.

Secondo un resoconto online apparso su "Chiesa cattolica in Cina", pubblicazione in cinese a cura dell'Associazione patriottica, alla messa vi erano più di 40 sacerdoti e circa 1000 fedeli. Durante la liturgia, invece del mandato del papa, è stata letta la lettera del Consiglio dei vescovi, un organismo approvato dal governo e non riconosciuto dalla Santa Sede.

Prima della conclusione, Yue si è rivolto ai presenti dicendo di comprendere che la strada avanti a lui è difficile, ma che egli è desideroso di portare la sua croce. "Oggi - ha aggiunto - sono scelto come vescovo di Heilongjiang e so che è una grossa responsabilità. E so che essere vescovo non è un onore, ma un servizio".

Mons. Giuseppe LI Shan di Pechino e mons. Qu Ailin di Hunan hanno inviato messaggi di congratulazione al nuovo vescovo. Essendo entrambi malati e in ospedale non hanno potuto attendere la liturgia.

Ora, nella leadership dell'Associazione patriottica, scelta nel dicembre 2010, sono compresi cinque vescovi illeciti - Ma Yinglin, Lei Shiyin, Guo Jincai, Huang Bingzhang e Yue Fusheng - due vescovi legittimi - Shen Bin di Haimen, Meng Qinglu di Hohhot - oltre ai due laici Liu Yuanlong e Shu Nanwu (Jiangxi) e la suora Wu Lin.

Il nuovo vescovo Yue Fusheng, 48 anni, era stato ordinato come sacerdote di Harbin, pur provenendo dall'Hebei. Egli è uno dei vicepresidenti dell'Ap a livello nazionale. Negli anni '80 ha studiato nel seminario di Shenyang. Nel 1995 ha partecipato alla Giornata mondiale della gioventù di Manila, dove per la prima volta è giunta una delegazione cinese. Nello stesso anno, per breve tempo ha studiato a Hong Kong e in Corea del Sud. Da marzo 1997 a luglio '98 ha studiato all'università cattolica di Lovanio.

Nell'ottobre '99 è stato candidato ad essere vescovo della diocesi di Heilongjiang, e votato da un comitato ecclesiale locale solo nel maggio 2012.

Secondo la pubblicazione dell'Ap, nella diocesi vi sono circa 80mila fedeli.

Con l'ordinazione di Yue, si è risolta la "scomparsa" di p. Giuseppe Zhao Hongchun, amministratore apostolico di Harbin, riconosciuto dalla Santa Sede. Subito dopo la cerimonia p. Giuseppe e p. Zhang Xisheng, il suo vice-parroco, sono stati rilasciati.

P. Zhao era stato fermato il 4 luglio pomeriggio; p. Zhang era stato sequestrato dalla pubblica sicurezza nella mattina di ieri.

Fonti locali hanno dichiarato ad AsiaNews che alcune personalità del governo hanno fatto visita al vescovo sotterraneo mons. Wei Jingyi di Qiqihar, chiedendogli di convincere la Santa Sede ad approvare l'ordinazione di p. Yue. Essi hanno anche intimato a mons. Wei di non lasciare il suo domicilio in questo periodo.

Alcuni cattolici di Harbin hanno confidato ad AsiaNews che essi hanno pregato con molta intensità in questi giorni perché p. Yue si pentisse della sua decisione, per il rilascio dei due sacerdoti sotterranei e per le sofferenze della Chiesa dell'Heilongjiang.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/06/2012 VATICANO - CINA
Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
di Bernardo Cervellera
11/07/2012 CINA – VATICANO
La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
di Jian Mei
11/07/2012 CINA - VATICANO
Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
di Justina Li
10/07/2012 VATICANO - CINA
Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
di Bernardo Cervellera
28/06/2012 CINA - VATICANO
Ancora rimandata l'ordinazione episcopale illecita ad Harbin: vincono "le preghiere e i digiuni dei fedeli"
di Bernardo Cervellera

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate