26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/07/2012
CINA-VATICANO
L'ordinazione illecita ad Harbin rafforza il partito degli "scomunicati". Liberato l'amministratore apostolico fedele al papa
di Jian Mei
Giuseppe Yue Fusheng è stato ordinato vescovo di Heilongjiang da cinque vescovi riconosciuti dalla Santa Sede. Sempre più vescovi "autoeletti" nella leadership dell'Associazione patriottica. P. Giuseppe Zhao e il suo viceparroco sono stati rilasciati subito dopo la cerimonia di ordinazione. I cattolici di Harbin pregano per il pentimento di Yue.

Harbin (AsiaNews) - Nonostante le critiche dei cattolici locali e perfino gli avvertimenti del Vaticano,p. Giuseppe Yue Fusheng si è fatto ordinare vescovo senza mandato pontificio questa mattina nella cattedrale di Harbin (Heilongjiang).

La liturgia è stata presieduta da mons. Johan Fang Xinyao di Linyi (Shandong), presidente nazionale dell'Associazione patriottica. Altri vescovi concelebranti intervenuti sono: mons. Pei Junmin di Liaoning; mons. Meng Qinglu of Hohhot (Mongolia Interna); mons. Wang Renlei di Xuzhou (Jiangsu) e mons. Yang Yongqiang di Zhoucun (Shandong).

Tutti i vescovi ordinanti erano approvati dalla Santa Sede, compreso mons. Wang, che è stato legittimato lo scorso maggio. Non si sa se la loro partecipazione è spontanea o è stata obbligata, come è avvenuto in altre ordinazioni.

Secondo un resoconto online apparso su "Chiesa cattolica in Cina", pubblicazione in cinese a cura dell'Associazione patriottica, alla messa vi erano più di 40 sacerdoti e circa 1000 fedeli. Durante la liturgia, invece del mandato del papa, è stata letta la lettera del Consiglio dei vescovi, un organismo approvato dal governo e non riconosciuto dalla Santa Sede.

Prima della conclusione, Yue si è rivolto ai presenti dicendo di comprendere che la strada avanti a lui è difficile, ma che egli è desideroso di portare la sua croce. "Oggi - ha aggiunto - sono scelto come vescovo di Heilongjiang e so che è una grossa responsabilità. E so che essere vescovo non è un onore, ma un servizio".

Mons. Giuseppe LI Shan di Pechino e mons. Qu Ailin di Hunan hanno inviato messaggi di congratulazione al nuovo vescovo. Essendo entrambi malati e in ospedale non hanno potuto attendere la liturgia.

Ora, nella leadership dell'Associazione patriottica, scelta nel dicembre 2010, sono compresi cinque vescovi illeciti - Ma Yinglin, Lei Shiyin, Guo Jincai, Huang Bingzhang e Yue Fusheng - due vescovi legittimi - Shen Bin di Haimen, Meng Qinglu di Hohhot - oltre ai due laici Liu Yuanlong e Shu Nanwu (Jiangxi) e la suora Wu Lin.

Il nuovo vescovo Yue Fusheng, 48 anni, era stato ordinato come sacerdote di Harbin, pur provenendo dall'Hebei. Egli è uno dei vicepresidenti dell'Ap a livello nazionale. Negli anni '80 ha studiato nel seminario di Shenyang. Nel 1995 ha partecipato alla Giornata mondiale della gioventù di Manila, dove per la prima volta è giunta una delegazione cinese. Nello stesso anno, per breve tempo ha studiato a Hong Kong e in Corea del Sud. Da marzo 1997 a luglio '98 ha studiato all'università cattolica di Lovanio.

Nell'ottobre '99 è stato candidato ad essere vescovo della diocesi di Heilongjiang, e votato da un comitato ecclesiale locale solo nel maggio 2012.

Secondo la pubblicazione dell'Ap, nella diocesi vi sono circa 80mila fedeli.

Con l'ordinazione di Yue, si è risolta la "scomparsa" di p. Giuseppe Zhao Hongchun, amministratore apostolico di Harbin, riconosciuto dalla Santa Sede. Subito dopo la cerimonia p. Giuseppe e p. Zhang Xisheng, il suo vice-parroco, sono stati rilasciati.

P. Zhao era stato fermato il 4 luglio pomeriggio; p. Zhang era stato sequestrato dalla pubblica sicurezza nella mattina di ieri.

Fonti locali hanno dichiarato ad AsiaNews che alcune personalità del governo hanno fatto visita al vescovo sotterraneo mons. Wei Jingyi di Qiqihar, chiedendogli di convincere la Santa Sede ad approvare l'ordinazione di p. Yue. Essi hanno anche intimato a mons. Wei di non lasciare il suo domicilio in questo periodo.

Alcuni cattolici di Harbin hanno confidato ad AsiaNews che essi hanno pregato con molta intensità in questi giorni perché p. Yue si pentisse della sua decisione, per il rilascio dei due sacerdoti sotterranei e per le sofferenze della Chiesa dell'Heilongjiang.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/06/2012 VATICANO - CINA
Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
di Bernardo Cervellera
11/07/2012 CINA – VATICANO
La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
di Jian Mei
11/07/2012 CINA - VATICANO
Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
di Justina Li
10/07/2012 VATICANO - CINA
Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
di Bernardo Cervellera
28/06/2012 CINA - VATICANO
Ancora rimandata l'ordinazione episcopale illecita ad Harbin: vincono "le preghiere e i digiuni dei fedeli"
di Bernardo Cervellera

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate