30 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/07/2012
INDIA
La “particella di Dio” è (anche) indiana
È stato Satyendra Nath Bose, fisico di Calcutta, ad aver teorizzato negli anni ’20 le particelle elementari indistinguibili, chiamate “bosoni” in suo onore. Ieri il Cern di Ginevra ha confermato l’osservazione del bosone di Higgs, che consente alla realtà di avere massa. Oltre 100 scienziati indiani hanno partecipato all’esperimento.

Mumbai (AsiaNews/Agenzie) - La "particella di Dio" ha un padre e non è (solo) il britannico Peter Higgs: si chiama Satyendra Nath Bose ed era un fisico indiano. È lui infatti - insieme ad Albert Einstein - che negli anni '20 ha studiato e teorizzato la statistica delle particelle elementari indistinguibili ("statistica di Bose-Einstein"), poi chiamate bosoni proprio in suo onore. Eppure, il mondo continua a festeggiare la scoperta del bosone di Higgs fatta ieri al Cern di Ginevra, e nessuno sembra ricordarsi di Nath Bose e del contributo fondamentale che il suo lavoro ha dato alla stessa teoria formulata da Peter Higgs negli anni '60.

Nato a Calcutta nel 1894, Satyendra Nath Bose era il primo di sette figli. Suo padre, Surendranath Bose, lavorava nel dipartimento di Ingegneria dell'East Indian Railway Company. Laureato in fisica e poliglotta (parlava in modo corrente bengalese, inglese, francese, tedesco e sanscrito), Satyendra Bose ha insegnato nell'università di Calcutta e in quella di Dhaka (attuale capitale del Bangladesh). È proprio in quegli anni che lo studioso indaga la legge di Planck, senza però fare riferimento alla fisica classica. Nel 1924, egli invia i risultati della sua ricerca ad Albert Einstein, descrivendo un modello statistico che porterà alla scoperta delle particelle elementari indistinguibili.

Ma anche in vita, Satyendra Nath Bose non ha ottenuto grandi riconoscimenti per i suoi studi: nonostante diversi scienziati abbiamo ricevuto il Nobel per la fisica per ricerche sui bosoni, l'Accademia svedese non ha mai conferito il Premio allo studioso.

Il bosone di Higgs è la particella che garantisce la massa a tutte le altre particelle subatomiche della materia, di cui la realtà è costituita. A ipotizzare per primo la sua esistenza è stato il fisico britannico Peter Higgs, nel 1964. Da allora, diversi studi si sono interrogati su come poterla riprodurre, per dare prova della sua esistenza. Ieri, il Cern di Ginevra ha confermato l'osservazione di tale particella, grazie agli esperimenti condotti con il superacceleratore Lhc (Large Hadron Collider). Ai più, il bosone di Higgs è noto come "particella di Dio", per via di un libro di fisica divulgativa di Leon Lederman, intitolato The God Particle: If the Universe is the Answer, What is the Question? (1993).

Circa 3mila scienziati e fisici da tutto il mondo hanno partecipato all'esperimento del Cern. Di questi, oltre 100 erano indiani. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/01/2013 CINA
Cina: è morto Xu Liangying, il “fisico dissidente” che ispirò Tiananmen
27/04/2006 vaticano
Papa: nelle cause dei santi vanno cercate verità storica e prove concrete
19/05/2010 INDIA
L’esempio di p. Thomas sacerdote e martire, vittima del maoismo
di Nirmala Carvalho
15/07/2010 INDIA
India, centro mondiale per il traffico di esseri umani
di Santosh Digal
25/09/2014 INDIA
Modi a Washington per lanciare il "Make in India"

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate