23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/11/2005, 00.00

    INDIA - GIORNATA MONDIALE AIDS

    La Chiesa indiana si impegna a "mantenere le promesse" per la lotta all'Aids

    Nirmala Carvalho

    La Conferenza episcopale promette di potenziare le attività per la preparazione del personale medico, per la sensibilizzazione dei poveri delle zone rurali e contro la discriminazione legata alla malattia.

    Mumbai (AsiaNews) - La Chiesa cattolica in India ribadisce il suo impegno nella lotta all'Hiv e Aids, che si diffonde in modo preoccupante nel Paese. Alla vigilia della 18esima "Giornata mondiale dell'Aids", Joseph Babu - portavoce della Conferenza episcopale indiana (Cbci) - spiega ad AsiaNews che la Chiesa ha intenzione di "mantenere le promesse", potenziando il suo lavoro nella preparazione del personale medico, contro la discriminazione legata a questa malattia e alla cura dei malati più poveri nelle remote zone dell'India rurale.

    "La Chiesa - dice il sacerdote - userà la sua rete di istituzioni sanitarie per raggiungere le aree più isolate del Paese e sensibilizzare sulla prevenzione del virus". Rispetto alle persone già contagiate, Babu assicura che i centri di assistenza gestiti dai cattolici continueranno ad adottare un approccio "non discriminatorio". Secondo il portavoce della Cbci, proprio questo atteggiamento "manderà a tutta la società un forte messaggio: che i malati di Aids hanno il diritto di una vita dignitosa come qualsiasi persona affetta da altre malattie".

    Secondo il rapporto sull'epidemia dell'Aids publicato di recente dal Programma dell'Onu per la lotta all'Aids (Onusida) e dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), solo in India, ci sono 5,31 milioni di persone infette; il Paese occupa così il primo posto in Asia e il secondo nel mondo. Lo stesso rapporto dichiara che il tasso di infezione dell'Hiv (Human immunodeficiency virus) "in alcuni Stati indiani sembra essersi stabilizzato (tra questi Tamil Nadu, Andhra Pradesh, Karnataka e Maharashtra)". Ciò non toglie che in altri Stati i contagi "continuino a crescere soprattutto tra la popolazione ad alto rischio", determinando il generale aumento dell'infezione nel Paese. Notizia positiva, invece, il basso tasso di infezioni tra le donne incinta negli Stati poveri e densamente popolati del nord, come Uttar Pradesh e Bihar. In 4 città dei piu industrializzati Stati dell'ovest, del sud e del nordest (Manipur e Nagaland) la percentuale di donne in gravidanza contagiate è dell'1%.

    Nel sud l'Hiv si diffonde per di più a causa di rapporti sessuali non protetti, mentre nel nordest tramite l'assunzione di droghe. Il rapporto registra un significativo aumento dei contagi tra le donne sposate, le quali ricevono il virus dai mariti che frequentano prostitute.

    Mons. Bernard Moras, arcivescovo di Bangalore e presidente della Commissione salute della Cbci, ha invitato la comunità ad "osservare oltre alla Giornata mondiale dell'Aids, anche la 'Domenica dell'Aids'", chiamata per il 4 dicembre.

    Il tema della Giornata mondiale di quest'anno è "Contenere l'Aids, adempiere alle promesse". Nel suo messaggio per il 1 dicembre, mons. Moras ricorda che anche per la Chiesa indiana la vera sfida nella lotta all'Aids è "mantenere le promesse". Per questo si rivolge a tutti "istituzioni, parrocchie, congregazioni religiose e fedeli a considerare come una missione quella di attuare gli impegni presi: contenere la diffusione del virus, alleviare le sofferenze di chi è già malato assicurando una vita dignitosa e prevenendo le discriminazioni.
    In India sono 70 le istituzioni cattoliche dedite esclusivamente ai malati emarginati e abbandonati dalla società. La Commissione salute della Cbci ha istituito una cattedra all'Università nazionale Indira Gandhi con corsi di studio su "Hiv e educazione familiare" e un diploma di laurea in Lavoro sociale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/12/2004 giornata mondiale dell'aids - india
    Camilliani tra i malati terminali di Aids, "come una madre verso i suoi figli"
    I religiosi del centro Snehadaan considerano "un privilegio" poter servire i malati sieropositivi.

    01/12/2004 Giornata Mondiale dell'Aids - vaticano
    Vaticano su Aids: "castità e fedeltà, vie per sconfiggere il virus mortale"
    Messaggio del Pontificio consiglio per la salute. Particolare cura alle donne colpite dalla malattia. Oltre il 25% dei centri per i malati di Aids nel mondo sono cattolici.

    29/01/2005 INDIA - GIORNATA MONDIALE DEI MALATI DI LEBBRA
    Chiesa in India oltre i pregiudizi per sconfiggere la lebbra
    P. Torriani, missionario Pime in India: "i lebbrosi ci testimoniano l'esistenza del regno di Dio. La situazione in India migliora, debellare la malattia è possibile, bisogna concentrarsi su educazione e ricerca scientifica".

    30/11/2005 CINA - GIORNATA MONDIALE DELL'AIDS
    Sono 840.000 i malati di HIV in Cina

    Ma il fenomeno è molto più esteso dei casi accertati. L'Oms prevede 10 milioni di casi per il 2010, se non ci sarà adeguata prevenzione. Scarse l'informazione e l'istruzione nelle zone rurali e per i lavoratori migranti. I deludenti risultati dovuti anche alla poca colleborazione dei governi locali.



    01/12/2005 Thailandia - Giornata mondiale dell'aids
    Thailandia, i malati di Aids "hanno bisogno di essere curati anche nello spirito"

    In occasione di un incontro interreligioso sulle problematiche legate all'Aids i cattolici sottolineano la necessità di cure anche spirituali per gli infetti ed auspicano una società più aperta, unico mezzo per ridare la voglia di vivere. In Thailandia 1.092.327 persone sono infette dal virus dell'Hiv, di cui 50.620 bambini.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®