20/11/2020, 12.35
CINA
Invia ad un amico

La Cina ha dato a quasi un milione di persone il suo vaccino Covid sperimentale

Il presidente di Sinopharm afferma che non si è verificato un solo caso di infezione dopo l'inoculazione di funzionari, studenti e lavoratori diretti all'estero. Esperti hanno avvertito che prendere scorciatoie sui test e la regolamentazione accettati a livello internazionale potrebbe alimentare una sfiducia del pubblico più ampia nei confronti dei vaccini.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Quasi un milione di persone in Cina hanno preso un vaccino contro il Covid-19 del China National Pharmaceutical Group (Sinopharm)  che è ancora in fase di test. Lo dichiara la stessa Sinopharm che in un'intervista del suo presidente Liu Jingzhen pubblicata su WeChat, non specifica quale dei suoi vaccini sia stato somministrato.

Le autorità cinesi hanno dato il via libera a luglio per selezionare gruppi di persone, inclusi funzionari del governo, studenti e lavoratori che viaggiavano all'estero, prima che i vaccini avessero dimostrato di funzionare. Ora Sinopharm sostiene che tali persone hanno viaggiato in più di 150 Paesi in tutto il mondo e "non c'è stato un solo caso di infezione dopo l'inoculazione del vaccino”. "Solo qualcuno ha avuto alcuni sintomi lievi".

Due candidati vaccini di Sinopharm sono tra i cinque candidati cinesi in fase di sperimentazione clinica internazionale. Almeno tre - tutti vaccini ​​di Sinopharm e Sinovac - sono stati approvati per l'uso di emergenza al di fuori degli studi clinici e alcuni governi locali avrebbero permesso ai residenti di prendere il vaccino Sinovac.

A settembre, gli Emirati Arabi Uniti sono stati il ​​primo paese fuori dalla Cina ad approvare l'uso di emergenza del vaccino di Sinopharm.

I processi all'estero hanno causato qualche polemica, in parte a causa della mancanza di comunicazione da parte delle autorità cinesi. Ad agosto, a 48 operai edili cinesi è stato impedito l'ingresso in Papua Nuova Guinea a causa della preoccupazione di aver ricevuto un vaccino sperimentale senza nome.

Più in generale, tuttavia, la decisione di Paesi come la Cina e la Russia di portare avanti i programmi di vaccinazione prima di completare i test, compresi quelli di fase 3 su larga scala, è stata vista con preoccupazione. Esperti hanno avvertito che prendere scorciatoie sui test e la regolamentazione accettati a livello internazionale potrebbe alimentare una sfiducia del pubblico più ampia nei confronti dei vaccini contro il coronavirus e potenzialmente ridurre la diffusione necessaria a una protezione efficace delle popolazioni.

La Cina ha promesso a più Paesi i suoi vaccini, offrendo promesse potenzialmente contrastanti per dare la priorità a luoghi come le Filippine e nazioni africane. Intervenendo giovedì alla conferenza Apec, il presidente cinese Xi Jinping ha promesso un più stretto coordinamento internazionale sulle politiche per lo sviluppo e la distribuzione di un vaccino.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Jakarta: con l’aiuto di Pechino produrremo 50 milioni di dosi del vaccino anti-Covid
24/08/2020 11:32
Medici indonesiani: finire la sperimentazione per il vaccino anti-Covid
23/10/2020 12:28
Vaccino Pfizer: borse asiatiche in rialzo (tranne in Cina)
10/11/2020 09:05
Influenza aviaria: Hanoi annuncia la sperimentazione di un vaccino
21/06/2007
Cina, cerca cure per il cancro e muore: il gigante web Baidu sotto inchiesta
03/05/2016 07:38