30 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/02/2015, 00.00

    EGITTO - LIBIA - ISLAM

    La Quaresima dei 21 martiri copti egiziani decapitati in Libia

    Bernardo Cervellera

    I boia dello Stato islamico, dicono di combattere per Dio, ma in realtà vivono di un delirio di onnipotenza perché loro si sentono Dio. I timidi 21 martiri che sussurrano il nome di Gesù hanno testimoniato fino alla fine che al centro della loro vita non c'è il loro benessere, ma Gesù stesso. Quest'anno, papa Francesco, nel suo Messaggio quaresimale ha chiesto di sconfiggere la "globalizzazione dell'indifferenza": “mentre io sto relativamente bene e comodo, mi dimentico di quelli che non stanno bene. Questa attitudine egoistica, di indifferenza, ha preso oggi una dimensione mondiale, a tal punto che possiamo parlare di una globalizzazione dell'indifferenza”.

    Roma (AsiaNews) - Quest'anno la Quaresima si riflette in un'icona speciale: quella dei 21 giovani copti egiziani decapitati dai miliziani dello Stato islamico sulle rive del Mediterraneo, nella zona di Tripoli. Il video-rito della loro esecuzione è stato diffuso qualche giorno prima del Mercoledì delle Ceneri, mentre in occidente si festeggiava il Carnevale. L'orrore, la sofferenza e lo sdegno per quelle immagini crudeli e raffinate, girate con mezzi sofisticati, trovano una pausa nell'inquadratura di uno dei giovani, Guergues Milâd Sanyût che, la testa tenuta ferma dal boia, sussurra le parole "Ya Rabbi Yasou" ("Gesù, mio Signore!"). Con lui, si vedono anche altri pronunciare sommesse parole di preghiere, lo sguardo amareggiato per quanto sta per accadere.

    Alcuni analisti dicono che con ogni probabilità i boia dello Stato islamico hanno dato loro la possibilità di convertirsi all'islam per sfuggire la morte. E tutti loro sono rimasti attaccati alla fede in Gesù, che hanno invocato prima di morire.

    Il patriarca copto ortodosso Tawadros li ha proclamati martiri e ha fissato al 15 febbraio la loro memoria liturgica. Anche papa Francesco ha celebrato messa per loro e ha sottolineato spesso il fatto che questi giovani copti sono stati "uccisi perché cristiani".

    Questi martiri, così simili a Gesù nella morte, ci devono accompagnare per tutta la Quaresima e per la vita.

    Quest'anno, papa Francesco, nel suo Messaggio quaresimale ha chiesto di sconfiggere la "globalizzazione dell'indifferenza".

    "Quando noi stiamo bene e ci sentiamo comodi - egli dice -  certamente ci dimentichiamo degli altri... non ci interessano i loro problemi, le loro sofferenze e le ingiustizie che subiscono... allora il nostro cuore cade nell'indifferenza: mentre io sto relativamente bene e comodo, mi dimentico di quelli che non stanno bene. Questa attitudine egoistica, di indifferenza, ha preso oggi una dimensione mondiale, a tal punto che possiamo parlare di una globalizzazione dell'indifferenza. Si tratta di un disagio che, come cristiani, dobbiamo affrontare".

    Tutti noi, prima del martirio dei 21 giovani egiziani, pensando a questo messaggio abbiamo programmato azioni per i poveri, per gli emarginati, per le "periferie" (oggi tanto di moda grazie alle sottolineature del papa). Dopo l'esecuzione sulla spiaggia di Tripoli c'è stato chi voleva lanciare una guerra in Libia, chi si impegnava a un "intenso dialogo diplomatico", chi voleva cacciare i musulmani dalla propria terra. Tutte queste reazioni - comprensibili, certo, ma poco adeguate alla situazione - rischiano di sciogliersi come neve al sole e dopo qualche tempo fanno ritornare la nostra vita al tran-tran comodo ed egoista di sempre. Perché non toccano il cuore da cui proviene l'indifferenza. Il papa è molto chiaro: "Dio non ci chiede nulla che prima non ci abbia donato: 'Noi amiamo perché egli ci ha amati per primo' (1 Gv 4,19). Lui non è indifferente a noi. Ognuno di noi gli sta a cuore, ci conosce per nome, ci cura e ci cerca quando lo lasciamo. Ciascuno di noi gli interessa; il suo amore gli impedisce di essere indifferente a quello che ci accade". E' impossibile vincere l'indifferenza se non scopriamo quanto Dio ci ha amati, se non vinciamo l'indifferenza verso Dio.

    E' l'indifferenza verso Dio a renderci indifferenti - superficiali o reattivi - verso il prossimo, incapaci di vera e continua attenzione, perché eliminando Dio dall'orizzonte della vita, rimaniamo solo noi come centro del mondo e gestori della realtà, su cui riversiamo il nostro potere e la nostra violenza.

    I boia dello Stato islamico, dicono di combattere per Dio, ma in realtà vivono di un delirio di onnipotenza perché loro si sentono Dio.  I timidi 21 martiri che sussurrano il nome di Gesù hanno testimoniato fino alla fine che al centro della loro vita non c'è il loro benessere, ma Gesù stesso: "la tua grazia vale più della vita", dice un salmo (Ps 62, 4). La loro testimonianza sta cambiando anche il modo in cui il mondo islamico vive la sua fede e la convivenza coi cristiani, come appare da alcuni segnali che provengono dall'imam di Al-Azhar e dal presidente al-Sisi in Egitto, che hanno partecipato al lutto dei cristiani.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/02/2015 EGITTO-LIBIA-ISLAM
    Copti decapitati in Libia: il calvario delle famiglie, il dolore dei musulmani
    I giovani uccisi dallo Stato islamico erano in Libia per lavorare, molti di loro aspettavano di sposarsi e intanto aiutavano i loro parenti in patria. Padri, madri, mogli, fratelli degli uccisi sotto shock. Svenimenti, cadute, ricoveri in ospedale dopo la notizia della tragedia. La solidarietà dei villaggi, delle Chiese, della nazione, sempre più unita. La lista degli uccisi. Dal corrispondente di AsiaNews in Egitto. Prima parte.

    16/02/2015 EGITTO-LIBIA-ISLAM
    Raid aerei egiziani contro lo Stato islamico in Libia, dopo la decapitazione di 21 copti
    Colpiti campi di addestramento e arsenali militari in Libia. Per Al-Sisi "l'Egitto e il mondo intero" devono fronteggiare la sfida islamista. Diffuso il video della decapitazione di 21 lavoratori egiziani. Forte connotazione confessionale, come "vendetta" contro "la gente della croce". "Siamo a sud di Roma". Evacuata l'ambasciata italiana a Tripoli.

    17/02/2015 EGITTO-LIBIA-ISLAM
    Il cuore dell'Egitto commosso e devastato
    La decapitazione di 21 egiziani copti sta rafforzando l'unità nazionale. Il presidente al-Sisi li ha definiti "martiri" della patria. Visite e condoglianze al patriarca Tawadros anche da parte del rappresentante vaticano al Cairo. Bloccati tutti i visti per la Libia; si programma il rimpatrio degli egiziani. In Libia vi sono 1,5 milioni di egiziani. Le violenze dello Stato islamico condannate anche dai movimenti salafiti.

    23/02/2015 EGITTO-LIBIA
    Via dall'inferno libico: migranti egiziani raccontano odissea e torture dello Stato islamico
    Oltre 10mila egiziani sono ritornati in patria. Molti di loro, rapiti dalle bande islamiche, erano obbligati a lavorare senza cibo e acqua. Diversi sono stati marchiati sul cuoio capelluto con una "S" per disprezzo verso al Sisi, il presidente egiziano. Almeno 45 dei ritornati necessitano cure mediche e psicologiche per gli shock subiti.

    05/01/2015 LIBIA - EGITTO
    Preoccupa la sorte di 20 copti egiziani rapiti in Libia
    Sospettato il gruppo di Ansar al-Sharia. Ci sono già stati casi di cristiani rapiti e uccisi dai fondamentalisti islamici. Il 23 dicembre era stata sequestrata la famiglia di un medico egiziano. L'uomo e la moglie sono stati assassinati lo stesso giorno e il corpo della loro figlia di 13 anni è stato ritrovato due giorni dopo.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    SIMPOSIO ASIANEWS 2016

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®