27 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/07/2012, 00.00

    THAILANDIA

    La crisi economica globale fa paura alla Thailandia

    Weena Kovidhavanij

    Oscillazioni della valuta thai, disoccupazione e prezzi di carburanti e risorse sono i fattori a rischio da tenere sotto controllo. Analisti economici sottolineano la buona ripresa dopo le alluvioni del 2011. Il Pil segna una crescita del 4,5%, che nel 2013 potrebbe salire al 5%.

    Bangkok (AsiaNews) - Tenere sotto controllo la valuta, ridurre la disoccupazione e mantenere stabili i prezzi di carburante e risorse: sono queste le chiavi per preservare la Thailandia dalla crisi economica mondiale. Ne è convinto Kitirat Na Ranong, ministro thai della Finanza, che ammette "preoccupazione per quanto sta accadendo in Europa", soprattutto "per le possibili ripercussioni sulla nostra nazione. Anche se i Paesi della Ue hanno deciso quali strategie seguire per risolvere i loro problemi, anche la Thailandia deve correre ai ripari".

    Tra maggio e giugno, il livello di disoccupazione è rimasto abbastanza alto, in parte anche per gli studenti universitari che si sono laureati, andando così a ingrossare la fascia di chi cerca un lavoro. Secondo una ricerca condotta a livello nazionale, i posti di lavoro non corrispondono alle qualifiche richieste. Per affrontare tale questione, il ministero delle Finanze ha passato la palla ai ministeri del Lavoro, dell'Industria e dell'Educazione.

    Sul fronte della crescita economica, Somchai Sjjapong, direttore dell'Ufficio per le politiche fiscali della Bank of Thailand, nota che "nel primo trimestre del 2012, si è avuto una crescita di appena il 2%, dopo essere scesa a -9% nell'ultimo trimestre del 2011 a causa delle alluvioni". Per questo motivo, secondo l'analista i problemi legati a una stagione secca, i prezzi della benzina nel mercato globale e le crisi economiche dei vari Paesi "sono fattori da tenere sotto controllo, perché potrebbero avere ripercussioni sul Pil thai".

    Nonostante tutto, al momento il Pil segna una crescita del 4,5%, che dovrebbe arrivare al 5% nel prossimo anno. Per sostenere questa tendenza positiva, spiega Kiriya Paopijit, economista per il sudest asiatico alla Banca mondiale, "è fondamentale che la Thailandia si concentri sulle esportazioni". Grazie a queste, aggiunge, "le entrate dovrebbero essere del 16,8% del Pil; le spese del 22,8%, con un debito pubblico del 42,1%".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/07/2010 GIAPPONE
    Tokyo, cresce la disoccupazione, scende il prodotto industriale
    Meno forte del previsto la ripresa economica, che comunque tutti ritengono proseguire. Esperti: è conseguenza delle minori esportazioni in Europa e dello yen forte, ma c’è fiducia. Il governo promette aiuti all’economia e creazione di nuovi posti di lavoro.

    31/10/2009 INDONESIA
    L’economia indonesiana lotta per ridurre disoccupazione e povertà
    Una crescita del 7% entro il 2014 l’obiettivo fissato da Yudhoyono per il Paese. Creato un pannello di esperti chiamati a monitorare la situazione e “rimuovere” gli ostacoli allo sviluppo. Gli esperti manifestano dubbi sulle cifre, ma concordano sulle potenzialità della nazione.

    03/03/2009 INDIA
    Crollano le esportazioni, a rischio almeno 10 milioni di posti di lavoro
    Negli ultimi mesi il Paese ha subito gli effetti della crisi economica mondiale in misura molto maggiore del previsto. Ora ci si interroga sulle conseguenze per il settore agricolo e per i 220 milioni di persone già sotto la soglia della povertà.

    22/12/2008 GIAPPONE
    Crollano le esportazioni giapponesi, cresce il deficit nel commercio
    Esportazioni in caduta libera verso Usa e Europa ma anche in Asia. Autoveicoli ed elettronica i settori più colpiti, la Toyota in perdita per la prima volta da 71 anni. Il governo approva nuovi aiuti per famiglie e imprese.

    05/08/2009 CINA
    E’ sempre grave la disoccupazione in Cina
    Il governo ammette che si sono almeno 4 milioni di migranti disoccupati nei centri urbani. C’è preoccupazione perché nell’economia mondiale permane la crisi e la produzione cinese è tuttora orientata soprattutto all’esportazione.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®