31 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/07/2012
THAILANDIA
La crisi economica globale fa paura alla Thailandia
di Weena Kovidhavanij
Oscillazioni della valuta thai, disoccupazione e prezzi di carburanti e risorse sono i fattori a rischio da tenere sotto controllo. Analisti economici sottolineano la buona ripresa dopo le alluvioni del 2011. Il Pil segna una crescita del 4,5%, che nel 2013 potrebbe salire al 5%.

Bangkok (AsiaNews) - Tenere sotto controllo la valuta, ridurre la disoccupazione e mantenere stabili i prezzi di carburante e risorse: sono queste le chiavi per preservare la Thailandia dalla crisi economica mondiale. Ne è convinto Kitirat Na Ranong, ministro thai della Finanza, che ammette "preoccupazione per quanto sta accadendo in Europa", soprattutto "per le possibili ripercussioni sulla nostra nazione. Anche se i Paesi della Ue hanno deciso quali strategie seguire per risolvere i loro problemi, anche la Thailandia deve correre ai ripari".

Tra maggio e giugno, il livello di disoccupazione è rimasto abbastanza alto, in parte anche per gli studenti universitari che si sono laureati, andando così a ingrossare la fascia di chi cerca un lavoro. Secondo una ricerca condotta a livello nazionale, i posti di lavoro non corrispondono alle qualifiche richieste. Per affrontare tale questione, il ministero delle Finanze ha passato la palla ai ministeri del Lavoro, dell'Industria e dell'Educazione.

Sul fronte della crescita economica, Somchai Sjjapong, direttore dell'Ufficio per le politiche fiscali della Bank of Thailand, nota che "nel primo trimestre del 2012, si è avuto una crescita di appena il 2%, dopo essere scesa a -9% nell'ultimo trimestre del 2011 a causa delle alluvioni". Per questo motivo, secondo l'analista i problemi legati a una stagione secca, i prezzi della benzina nel mercato globale e le crisi economiche dei vari Paesi "sono fattori da tenere sotto controllo, perché potrebbero avere ripercussioni sul Pil thai".

Nonostante tutto, al momento il Pil segna una crescita del 4,5%, che dovrebbe arrivare al 5% nel prossimo anno. Per sostenere questa tendenza positiva, spiega Kiriya Paopijit, economista per il sudest asiatico alla Banca mondiale, "è fondamentale che la Thailandia si concentri sulle esportazioni". Grazie a queste, aggiunge, "le entrate dovrebbero essere del 16,8% del Pil; le spese del 22,8%, con un debito pubblico del 42,1%".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/07/2010 GIAPPONE
Tokyo, cresce la disoccupazione, scende il prodotto industriale
31/10/2009 INDONESIA
L’economia indonesiana lotta per ridurre disoccupazione e povertà
di Rosalia Royani
03/03/2009 INDIA
Crollano le esportazioni, a rischio almeno 10 milioni di posti di lavoro
22/12/2008 GIAPPONE
Crollano le esportazioni giapponesi, cresce il deficit nel commercio
05/08/2009 CINA
E’ sempre grave la disoccupazione in Cina

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate