3 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/07/2012
THAILANDIA
La crisi economica globale fa paura alla Thailandia
di Weena Kovidhavanij
Oscillazioni della valuta thai, disoccupazione e prezzi di carburanti e risorse sono i fattori a rischio da tenere sotto controllo. Analisti economici sottolineano la buona ripresa dopo le alluvioni del 2011. Il Pil segna una crescita del 4,5%, che nel 2013 potrebbe salire al 5%.

Bangkok (AsiaNews) - Tenere sotto controllo la valuta, ridurre la disoccupazione e mantenere stabili i prezzi di carburante e risorse: sono queste le chiavi per preservare la Thailandia dalla crisi economica mondiale. Ne è convinto Kitirat Na Ranong, ministro thai della Finanza, che ammette "preoccupazione per quanto sta accadendo in Europa", soprattutto "per le possibili ripercussioni sulla nostra nazione. Anche se i Paesi della Ue hanno deciso quali strategie seguire per risolvere i loro problemi, anche la Thailandia deve correre ai ripari".

Tra maggio e giugno, il livello di disoccupazione è rimasto abbastanza alto, in parte anche per gli studenti universitari che si sono laureati, andando così a ingrossare la fascia di chi cerca un lavoro. Secondo una ricerca condotta a livello nazionale, i posti di lavoro non corrispondono alle qualifiche richieste. Per affrontare tale questione, il ministero delle Finanze ha passato la palla ai ministeri del Lavoro, dell'Industria e dell'Educazione.

Sul fronte della crescita economica, Somchai Sjjapong, direttore dell'Ufficio per le politiche fiscali della Bank of Thailand, nota che "nel primo trimestre del 2012, si è avuto una crescita di appena il 2%, dopo essere scesa a -9% nell'ultimo trimestre del 2011 a causa delle alluvioni". Per questo motivo, secondo l'analista i problemi legati a una stagione secca, i prezzi della benzina nel mercato globale e le crisi economiche dei vari Paesi "sono fattori da tenere sotto controllo, perché potrebbero avere ripercussioni sul Pil thai".

Nonostante tutto, al momento il Pil segna una crescita del 4,5%, che dovrebbe arrivare al 5% nel prossimo anno. Per sostenere questa tendenza positiva, spiega Kiriya Paopijit, economista per il sudest asiatico alla Banca mondiale, "è fondamentale che la Thailandia si concentri sulle esportazioni". Grazie a queste, aggiunge, "le entrate dovrebbero essere del 16,8% del Pil; le spese del 22,8%, con un debito pubblico del 42,1%".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/07/2010 GIAPPONE
Tokyo, cresce la disoccupazione, scende il prodotto industriale
31/10/2009 INDONESIA
L’economia indonesiana lotta per ridurre disoccupazione e povertà
di Rosalia Royani
03/03/2009 INDIA
Crollano le esportazioni, a rischio almeno 10 milioni di posti di lavoro
22/12/2008 GIAPPONE
Crollano le esportazioni giapponesi, cresce il deficit nel commercio
05/08/2009 CINA
E’ sempre grave la disoccupazione in Cina

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate