20 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/05/2012
VATICANO - ITALIA
La famiglia e i figli, il bene più prezioso per la società ed il mercato
di Bernardo Cervellera
Prima giornata di relazioni al Congresso teologico-pastorale, all'interno del VII Incontro mondiale delle famiglie in corso a Milano. La famiglia è una risorsa sociale perché sostiene la maturità della persona, la solidarietà, la dignità della donna. I relatori puntano sulle deviazioni individualistiche e mercantili che soffocano la gratuità e la dignità. Una campagna contro la pubblicità rivolta ai bambini. Ancora più urgente è cambiare la politica che emargina i valori familiari nel privato.

Milano (AsiaNews) - Una famiglia fatta di uomo e donna, con due o più figli è la risorsa più importante per il benessere dell'individuo, per la coesione della società, per rendere umano, vivibile e anche pieno di successo il mercato. Questa può essere la sintesi che emerge dalla prima giornata del Congresso internazionale teologico-pastorale, che  abbraccia i primi tre giorni del VII Incontro mondiale delle famiglie che si tiene alla FieraMilanoCity.

In un salone ripieno di oltre 4mila rappresentanti da 150 Paesi, dopo una cerimonia e una danza di apertura, si sono svolte al mattino le due relazioni principali, quella del card. Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio consiglio per la cultura, e quella del prof. Luigino Bruni, docente di economia politica all'Università di Milano-Bicocca (v.foto). Nel pomeriggio è stata presentata l'inchiesta - sotto la responsabilità del prof. Pierpaolo Donati, di Bologna - sulla famiglia "risorsa della società".

Proprio quest'inchiesta - fatta in Italia nel 2011 su circa 3500 rispondenti, ma applicabile anche al resto del mondo - mostra con cifre alla mano che la famiglia più tradizionale, quella con due figli o più, unita dal legame di fedeltà fra un uomo e una donna, è quella che rende stabile la personalità dei figli, spinge all'aiuto verso gli altri, crea personalità capaci di creatività e responsabilità nel lavoro, aiuta la coesione sociale. I risultati dell'inchiesta sono a dir poco sorprendenti perché cozzano contro l'enorme pubblicità che viene fatta all'individualismo delle convivenze, al privatismo delle coppie omosessuali, alla penalizzazione sociale del rapporto matrimoniale. Invece, la famiglia con figli costruisce coesione, aiuto agli anziani, educazione, moralità, impegno sociale, solidarietà. Da qui una forte richiesta a riconoscere la famiglia non solo nei suoi valori "privati", interni, ma anche come valore all'interno della società. I risultati dell'inchiesta puntano il dito sul sistema politico-amministrativo, incapace di valorizzare e anzi tendente a penalizzare con tasse, consumi, emarginazioni il contributo di padri, madri, nonni e figli.

"Il risultato finale - si legge nella relazione- dice che la famiglia normalmente costituita è ancora la forza primaria della nazione, sebbene stia diventando una minoranza. Così possiamo dire che una minoranza di famiglie forti deve sopportare il peso della coesione sociale, che è finito in crisi grazie alle tendenze individualistiche e privatiste sostenute dal sistema politico amministrativo e, naturalmente, dal mercato". Rimane il fatto che le famiglie tradizionali sono "più felici", più gioiose, anche se "più povere".

Il conflitto sempre più evidente fra la società capitalista e individualista e i valori della famiglia, come pure la necessità di una specie di "rivoluzione sociale" a partire dai valori familiari e dell'umanesimo cristiano, è stato evidenziato anche nella relazione del prof. Bruni, tanto appassionata da  strappare lunghi minuti di applausi. In essa, il docente ha messo in luce il valore del lavoro, da svolgere anzitutto per sé, per la propria dignità, non per il "prezzo" che ha sul mercato; il valore della cura e della solidarietà, che presenta un "di più" difficilmente quantificabile; il gratuito, spesso ridotto a qualcosa di "gratis" e senza valore; l'impegno delle donne (e non solo) in casa, per nulla considerato nella ricchezza globale di una nazione. "Una cultura che apprezza solo ciò che ha un prezzo di mercato - ha detto Bruni - non capisce più il valore, i valori, e quindi neanche il valore delle cose". E ancora: "Le imprese hanno costruito, in questi due secoli di capitalismo, tutto un sistema di incentivi e di ricompense che non riesce però a riconoscere il di più del dono in ogni vero lavoro". Per Bruni, se non si riprende a parlare di dignità del lavoro (non solo del "prezzo") e di gratuità si rischia di scivolare verso una società che compra tutto e che è costituita da "schiavi", da gente che offre solo l'inessenziale operare, senza motivazioni e senza ideali.

Il docente ha anche fatto un appello perché si attui a livello mondiale una moratoria contro la pubblicità diretta ai bambini ("(negli ultimi 20 anni il fatturato della pubblicità per i bambini è aumentata in Europa di oltre 10 volte. I bambini sono troppo preziosi per lasciarli ai mercanti for profit"). Ma egli ha soprattutto spinto perché nella società si comprenda il valore della famiglia che "essendo la principale generatrice di beni relazionali, non serve oggi l'economia consumando di più, ma consumando di meno, consumando cioè meno merci e creando più beni: più beni relazionali, beni spirituali, beni di prossimità, che poi sono anche beni essenziali per la ripresa e per lo sviluppo economico".

Un appunto che tutti i relatori hanno fatto è che le famiglie stesse sono poco coscienti del bene sociale che esse sono, accettando l'emarginazione nel privato (e nel consumo) voluta dal mercato e non lottando per i propri diritti.

A costruire una sintesi fra privato e pubblico, personale e sociale, uomo e donna, genitori e figli, ha pensato la relazione del card. Ravasi. Con immagini dal libro della Genesi, del cantico dei Cantici, del Vangelo, fino all'Apocalisse e con citazioni di autori antichi e contemporanei (Aristotele, Tolstoi, Chesterton, Jorge Louis Borge,...) ha presentato un affresco affascinante sulla famiglia come "casa" alla presenza di Dio; sulla comune e specifica dignità del maschio e della femmina; sul dolore, la fatica e la precarietà del vivere; sullo splendore sperato della città d'oro dell'Apocalisse. Anche lui ha richiamato un'inchiesta controcorrente rispetto alla mentalità dominante: da un'indagine degli "European Values Studies" (2009), risulta che l'84% dei cittadini europei (e il 91% degli italiani) considera fondamentale la famiglia e inaspettatamente 46 paesi su 47 la collocano al primo posto tra le realtà sociali più importanti, prima ancora del lavoro, delle relazioni amicali, della religione e della politica.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/05/2012 VATICANO - ITALIA
Al via il VII Incontro mondiale delle Famiglie, con un occhio alla crisi economica e alla speranza
di Bernardo Cervellera
03/06/2012 VATICANO - ITALIA
Il papa alla Festa delle Famiglie al Parco Nord di Bresso
di Bernardo Cervellera
01/06/2012 VATICANO - ITALIA
Il papa saluta Milano, "crocevia di popoli e culture"
di Bernardo Cervellera
06/06/2012 VATICANO
Papa: non c'è futuro per l'umanità senza la famiglia, "causa stessa dell'uomo e della civiltà"
02/06/2012 VATICANO - ITALIA
Papa: L'amore a Cristo nel celibato, fonte di comunione e missione per le famiglie
di Bernardo Cervellera

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate