01 Ottobre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/12/2004, 00.00

    PALESTINA

    La maggioranza dei palestinesi contraria alla violenza contro gli israeliani



    Gerusalemme (AsiaNews) – Per la prima volta dall'inizio della nuova intifada, la maggioranza dei palestinesi si dice contraria ad atti di violenza contro gli israeliani, militari compresi.  Un sondaggio del 'Jerusalem Media and Communication Center', del quale riferisce il sito internet del quotidiano israeliano Haaretz, evidenzia che il 52% dei palestinesi nei Territori gli attacchi contro gli israeliani sono controproducenti per i loro interessi. Lo scorso giugno, alla stessa domanda, le risposte contro la violenza erano stata circa la metà, appena il 27%. Il sondaggio evidenzia anche la diminuzione di coloro che giudicano gli attentati una giusta risposta all'occupazione israeliana dei Territori (sono 41%, a giugno erano il 65%).

    Se poi il 59% si dice ottimista riguardo al futuro, il 47% è scettico per l'esito del processo di pace e solo il 26% lo ritiene ancora vivo. Il 57% è comunque favorevole alla soluzione dei "due Stati", mentre il 24% è per un unico Stato binazionale e solo il 12% per uno Stato islamico nel territorio compreso tra il fiume Giordano e il Mediterraneo.

    Secondo il sondaggio, infine, l'orientamento dei palestinesi per le prossime elezioni presidenziali sembra confermare una prevalenza di Abu Mazen (per il quale dice di voler votare il 32% degli intervistati) su Marwan Barghouti, per il quale sarebbe orientato il 26% dei palestinesi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/05/2015 ISRAELE - PALESTINA
    Svolta a destra e maggioranza risicata: il nuovo governo israeliano del premier Netanyahu
    Con un accordo dell’ultima ora il Primo ministro raggiunge l’intesa sul futuro esecutivo. Nella coalizione (61 seggi su 120) entra Naftali Bennett, contrario allo Stato palestinese e favorevole agli insediamenti. Per i palestinesi è un “governo di guerra”. Lieberman esclude il sostegno perché “non è abbastanza nazionalista”.

    07/01/2005 PALESTINA
    Palestinesi alle urne fra speranze e insicurezza

    Domenica 9 gennaio i palestinesi sceglieranno il successore di Arafat: Abu Mazen favorito per la vittoria abbassa i toni contro Israele e promette un “cessate il fuoco” dopo le elezioni.



    09/03/2016 08:58:00 ISRAELE - PALESTINA
    Intifada dei coltelli, un morto e 12 feriti. Israeliani: gli insediamenti non aiutano la sicurezza

    Un cittadino americano è rimasto ucciso durante un assalto sferrato da un 21enne palestinese. Dopo aver colpito in quattro punti di Tel Aviv, il giovane è stato ucciso dalla polizia. Biden incontra Netanyahu e Abbas. Secondo un sondaggio il 30% degli israeliani pensa che le colonie siano una minaccia alla sicurezza. E i musulmani sono discriminati rispetto agli ebrei. 



    19/10/2012 ISRAELE – PALESTINA
    Israele approva 800 nuovi insediamenti a Gerusalemme est
    La costruzione riguarda l’insediamento di Gilo, a sud di Gerusalemme est. Ira dei palestinesi: la decisione distruggerà la prospettiva dei due Stati. Appello del negoziatore Saeb Erakat alla comunità internazionale. Ieri, il premier Netanyahu ha dichiarato di voler adottare alcuni passi di un rapporto, in cui si afferma che le case dei coloni non sono illegali.

    18/11/2009 ISRAELE - PALESTINA
    Case palestinesi demolite; approvati 900 nuovi insediamenti israeliani
    Distrutte 24 case a Al-Isawiya. La crescita dell’insediamento illegale di Gilo (dove vivono già 40 mila israeliani) rende impossibile l’unità territoriale di un futuro Stato palestinese. Ban Ki-moon: Queste azioni minano la pace.Tiepide reazioni Usa dopo il voltafaccia di Barack Obama.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®