Skin ADV
05 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/07/2012, 00.00

    CINA

    La moglie di Bo Xilai accusata di omicidio



    L'accusa è stata confermata dalla Corte popolare di Hefei. Gu Kailai e Zhang Xiaojun, il maggiordono, avrebbero avvelenato Neil Heywood, faccendiere britannico, nella sua stanza d'albergo.

    Pechino (AsiaNews/ Agenzie) -  La Corte popolare di Hefei incrimina Gu Kailai, moglie di Bo Xilai, l'ex dirigente del partito comunista di Chongqing, per l'omicidio di Neil Heywood, cittadino britannico e consigliere della famiglia. Il tribunale ha accusato anche Zhang Xiaojun, il maggiordomo, che avrebbe aiutato la moglie di Bo ad assassinare Heywood. Secondo la Xinhua, agenzia semiufficiale cinese, vi sono innumerevoli prove contro i due. Gu Kailai e Xiaojun avrebbero avvelenato l'uomo per evitare rivelazioni sui torbidi affari della famiglia all'estero e minacce contro il figlio Bo Guagua.

    L'annuncio della Corte giunge una settimana dopo la decisione di Devillers Patrick, architetto francese vicino alla famiglia Bo, di partecipare al processo contro il leader comunista.

    I sospetti sull'omicidio di Neil Heywood erano emersi in febbraio. In marzo è scoppiato il caso di Bo Xilai che ha messo in seria crisi il partito comunista cinese. La sua caduta è uno dei più spettacolari drammi politici della Cina dai tempi di Tiananmen. Fino a poche settimane dalla sua epurazione, avvenuta lo scorso 15 marzo,  egli era visto come un uomo di successo, destinato a entrare nel Comitato permanente del Politburo. La sua campagna populista di rivitalizzare il maoismo distribuendo ricchezze ai poveri era condivisa anche da varie frange del Partito, fra cui alcuni "principini" come Xi Jinping, successore in pectore del presidente Hu Jintao. Nel suo tentativo di "pulire Chongqing" dalle triadi mafiose, egli ha usato metodi poco legali e ha arrestato anche centinaia di membri del Partito.

    La facciata di populismo maoista non ha impedito a Bo e alla sua famiglia di accumulare enormi ricchezze in patria e all'estero. Secondo illazioni, proprio la minaccia di rivelare ai media l'entità di tali ricchezze, ha segnato il destino di Heywood, considerato fino ad allora "un vecchio amico di famiglia". 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/04/2012 CINA
    Bo Xilai espulso dal Partito; la moglie sospettata di omicidio
    Bo sarebbe implicato nell'assassinio di un britannico, Neil Heywood, amico di famiglia, poi ucciso dalla moglie di Bo. Voci di un colpo di Stato. Il Quotidiano del popolo esorta alla "unità" del Partito e rivendica la sua "santità" e "purezza". La lotta interna per il potere in previsione del Congresso del Partito. Le trame molto simili a quelle di Chen Xitong, di Chen Liangyu e di Lin Biao.

    22/08/2013 CINA
    Jinan, inizia il processo contro Bo Xilai. Per molti è una farsa
    Bo è apparso disteso e abbronzato. Ha negato di aver preso alcune tangenti, a differenza di quanto dichiarato in un'inchiesta interna del Partito. Dimostranti e suoi sostenitori portati via dalla polizia. Ai media stranieri proibita la presenza al processo. I media cinesi invitati a far uso dei dispacci ufficiali della Xinhua. Per Bao Tong a questo processo il Partito processa se stesso.

    26/08/2013 CINA
    'Nessuna pietà' per Bo Xilai, che accusa: Wang Lijun è stato l'amante di mia moglie Gu Kailai
    Il combattivo ex capo di Chongqing ammette "abusi di potere" ed è spiacente verso il Partito. Ma definisce "bugiardo" l'ex capo della polizia e suo ex braccio destro, in combutta con la moglie. Le molte rivelazioni offrono una fotografia dello squallore in cui versa tutta la leadership del Partito. Una "Dinasty" comunista.

    18/09/2012 CINA
    In segreto e poi in pubblico si apre il processo contro Wang Lijun
    Ieri vi è stata una sessione segreta. Oggi si apre la sessione pubblica, ma proibita ai giornalisti. Wang è accusato di corruzione e di uso della legge a scopi egoistici, ma soprattutto di esser fuggito per cercare rifugio nel consolato Usa di Chengdu. La sua fuga ha portato alla caduta di Bo Xilai e alla condanna a morte della moglie Gu Kailai, e alla rivelazione della corruzione presente nel Partito.

    20/09/2012 CINA
    L'ombra di Bo Xilai nel processo a Wang Lijun
    Un resoconto della Xinhua cita - di traverso - l'ex capo del Partito di Chongqing, al quale Wang Lijun aveva comunicato i suoi sospetti sulla moglie, assassina del faccendiere Heywood. E Bo ha preso a schiaffi Wang. Forse a breve ci sarà un processo contro Bo. La data del Congresso non è stata ancora comunicata.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®