22 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/05/2017, 14.11

    BANGLADESH - A. SAUDITA

    La premier Hasina a Riyadh al summit fra Usa e sauditi in chiave anti-iraniana

    Sumon Corraya

    Dal 20 al 23 maggio la capitale saudita ospita un vertice cui partecipano 55 nazioni a maggioranza musulmana. Presente anche il presidente Trump, al primo viaggio ufficiale all’estero. Dhaka valuta l’invio di militari nel regno a protezione dei luoghi santi dell’islam. Si rafforza il progetto di una alleanza arabo-sunnita contro l’Iran sciita.

     

    Dhaka (AsiaNews) - L’invio di militari del Bangladesh in Arabia Saudita a protezione dei luoghi santi dell’islam, per “mettere fine all’ondata di violenze estremiste” che sta insanguinando il Medio oriente. È quanto ha annunciato il ministro degli Esteri AH Mahmood Ali, alla vigilia del summit in programma dal 20 al 23 maggio a Riyadh, cui parteciperanno leader del mondo arabo e nazioni a maggioranza musulmana, oltre al presidente Usa Donald Trump, al suo primo viaggio all’estero.

    Sullo sfondo del vertice internazionale, che vede riuniti leader e rappresentanti di 55 nazioni, il tentativo del padrone di casa saudita di dar vita a una forza chiamata a contrastare l’influenza iraniana nella regione e nel mondo musulmano. Presenti all’incontro anche i leader del Niger, della Turchia, dell’Indonesia e del Brunei a conferma della trasversalità dell’appuntamento.

    Alla guida della delegazione del Bangladesh vi sarà la Primo ministro Sheikh Hasina, che affronterà fra gli altri il tema dell’invio di militari nel regno nel contesto della lotta contro il terrorismo. Una questione delicata, che conferma da un lato il tentativo di rafforzare i legami fra Dhaka e Riyadh e, dall’altro, pone sul piatto il tema dei rapporti con l’Iran.

    Il ministro degli Esteri del Bangladesh ha chiarito che è prematuro parlare di alleanza, perché non vi sono documenti firmati che la certificano. È un discorso, ha aggiunto AH Mahmood Ali, ancora “prematuro”, in “evoluzione” e “al momento ancora in fase di discussione”. Il timore è quello di un coinvolgimento nella contrapposizione fra sauditi e iraniani, specchio della guerra interna all’islam fra sunniti (la grande maggioranza) e sciiti (presenti soprattutto in Iran, Libano e Siria).

    Non ha “alcun fondamento”, ha voluto precisare il titolare della diplomazia di Dhaka, l’ipotesi di “coinvolgimento” del Bangladesh in questa contrapposizione. Tuttavia, secondo gli esperti il pericolo è reale e si verrà a presentare in futuro, anche in considerazione della crescente influenza esercitata dall’Arabia Saudita. Infatti, in tutto il Paese sono sorte almeno 560 moschee grazie alle donazioni provenienti da Riyadh. A questo si aggiunge il fatto che almeno 2,5 milioni di migranti bangladeshi vivono e lavorano nel regno saudita; i proventi vengono spediti alle famiglie di origine rimaste in Bangladesh, creando così un consistente flusso di denaro nelle tasche dello Stato.

    Il prof.  M Sahiduzamman, del dipartimento di Relazioni internazionali all’università di Dhaka, sottolinea il tentativo saudita di “formare un’alleanza” di nazioni musulmane per contrastare “conflitti e terrorismo”, rivendicandone la leadership. Il Bangladesh, aggiunge, riceve molti aiuti dai sauditi ed è arrivato il momento in cui “anche i sauditi chiedono una mano e il Bangladesh lo farà”.

    Gli occhi della comunità internazionale saranno però puntati sul presidente Usa Donald Trump, al primo viaggio diplomatico all’estero dal suo insediamento alla Casa Bianca il 20 gennaio scorso. Una scelta non causale quella di Riyadh, nel tentativo di rilanciare l’alleanza con i sauditi (e le nazioni del Golfo) che si era raffreddata durante il secondo mandato del predecessore Barack Obama. Sullo sfondo la contrapposizione con Teheran - chiamato oggi a scegliere il nuovo presidente - e l’accordo sul nucleare iraniano, che ha tenuto banco anche in queste settimane di incontri e dichiarazioni in preparazione al summit.

    Salman al-Ansar, presidente del Comitato saudita-americano sugli Affari e relazioni pubbliche, ha affermato che l’incontro è un “chiaro messaggio” all’Iran, in merito a un “consenso globale e un accordo globale fra Stati Uniti e mondo arabo e musulmano” in chiave anti-Teheran. Andreas Krieg, del dipartimento Studi sulla difesa del King's College a Londra, aggiunge che re Salman cerca di usare gli Usa per dar vita a una “alleanza pan-islamica sotto la leadership saudita, come baluardo contro il jihadismo e l’Iran”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2016 12:54:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Nella guerra fra Arabia Saudita e Iran l’uso della religione come arma politica

    Nuovo capitolo dello scontro fra le due anime dell’islam. Gran muftì saudita: gli iraniani “non sono musulmani”. Ministro degli Esteri di Teheran: sauditi wahhabiti “predicatori” del terrorismo. A innescare la controversia la mancata partecipazione dei pellegrini iraniani all’Hajj. Sullo sfondo la lotta per la supremazia nell’islam e in Medio oriente. 

     



    05/09/2016 14:24:00 IRAN - ARABIA SAUDITA
    Khamenei contro i sauditi: "Infedeli e blasfemi, piccoli satana nelle mani degli Usa"

    Alla vigilia del pellegrinaggio maggiore dell'Hajj, cui sono esclusi i fedeli iraniani, il grande ayatollah iraniano attacca la leadership di Riyadh. Egli lancia un appello ai musulmani perché riflettano “sulla gestione dei luoghi sacri”. Sullo sfondo lo scontro fra Iran e Arabia Saudita per la supremazia in Medio oriente (e nell’islam). 



    18/03/2017 09:13:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Accordo con Riyadh: via libera per gli iraniani pellegrini alla Mecca

    Sembra superata la crisi dello scorso anno, che ha bloccato i viaggi dei fedeli iraniani al luogo sacro dell’islam. Al pellegrinaggio maggiore prevista la partecipazione di almeno 80mila cittadini della Repubblica islamica. Ministro iraniano degli Esteri: Relazioni “costruttive” con i Paesi dell’area, compresa l’Arabia Saudita.



    30/05/2016 11:15:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Fallita l’ultima trattativa fra Riyadh e Teheran. Nessun pellegrino iraniano all’Hajj

    Per la prima volta in 30 anni nessun cittadino della Repubblica islamica parteciperà al pellegrinaggio maggiore. Per l’Iran gli “ostacoli” frapposti sono insormontabili, Riyadh vuole “bloccare il cammino che conduce ad Allah”. Per i sauditi le condizioni poste da Teheran sono “inaccettabili”. 



    26/05/2016 08:59:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Riyadh: colloqui “positivi” con Teheran per i pellegrini iraniani all’Hajj

    Nuovo incontro ieri fra la delegazione iraniana e una rappresentanza saudita. Al centro delle trattative le modalità di rilascio dei visti e di ingresso nel Paese dei pellegrini iraniani. Attesa entro i prossimi giorni la firma dell’accordo. Resta alta la tensione diplomatica fra le due potenze regionali.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®