23 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/03/2013, 00.00

    PAKISTAN

    Lahore, bruciate oltre 100 case di cristiani per un’accusa di blasfemia

    Jibran Khan

    Il gesto è avvenuto dopo un litigio tra un giovane cristiano e un barbiere islamico: il musulmano ha insultato il cristianesimo e poi ha denunciato il ragazzo per blasfemia. La folla ha saccheggiato, preso a sassate, gettato acido e poi messo al rogo le abitazioni dell’insediamento cristiano. Imam locale: “Troveremo il cristiano e lo uccideremo”.

    Lahore (AsiaNews) - Questa mattina una folla inferocita ha dato fuoco a oltre 100 case dell'insediamento cristiano Joseph Colony, vicino a Badami Bah (Lahore). Gli abitanti della colonia sono stati costretti a fuggire e almeno 35 persone sono rimaste ferite. L'attacco è nato da un'accusa di blasfemia registrata contro uno dei residenti dell'insediamento, Sawan Masih, che nel pomeriggio di ieri ha avuto un alterco con un musulmano.

    Secondo la ricostruzione dei fatti, il 26enne cristiano si era recato da un barbiere islamico per tagliarsi i capelli, ma il proprietario del negozio, Imran Shahid, si è rifiutato di servirlo. Tra i due è nata un'accesa discussione, e il musulmano avrebbe usato parole offensive sul cristianesimo.

    Insieme ad altre persone, Shahid è poi andato alla vicina stazione di polizia: il gruppo ha registrato contro Masih un'accusa di blasfemia (art.295C), sostenendo che il giovane era ubriaco e aveva insultato il profeta Maometto. Poco dopo, le forze dell'ordine hanno arrestato il cristiano. La pena massima prevista da tale legge è l'ergastolo.

    L'ira della comunità islamica non si è placata, e stamani un nutrito gruppo di persone ha saccheggiato la Joseph Colony, per poi dare fuoco alle case. "Stavamo lavorando come ogni giorno - racconta ad AsiaNews Salamat Masih, un abitante dell'insediamento - quando abbiamo iniziato a sentire dei rumori, e all'improvviso un muro di gente è piombato nella colonia. Hanno gettato acido e preso a sassate le nostre case, poi hanno appiccato il fuoco. Le autorità sono intervenute solo quando tutto era distrutto". L'imam locale ha dichiarato che Sawan sarà ucciso non appena trovato.

    Le associazioni per i diritti umani Masihi Foundation e Life for All sono sul posto per aiutare le vittime. Per mons. Rufin Anthony, vescovo di Islamabad-Rawalpindi, "è molto triste vedere che le minoranze in Pakistan non sono al sicuro e sono prese di mira per la loro religione. Dobbiamo assolutamente lavorare per l'armonia nazionale". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/01/2007 PAKISTAN
    Libero dopo due anni cristiano accusato di blasfemia
    Shahbaz Masih Kaka, disabile mentale, era stato condannato a 25 anni da una Corte di Faisalabad che, secondo il suo avvocato, si era piegata alle richieste della comunità islamica locale.

    25/05/2015 PAKISTAN
    Lahore, musulmani mettono a ferro e fuoco una colonia cristiana: nuove accuse di blasfemia
    Un giovane tossicodipendente e con problemi psichici avrebbe bruciato dei giornali contenenti versetti sacri. Leader religiosi islamici ne hanno chiesto la morte; dinanzi al rifiuto della polizia, in centinaia hanno attaccato la comunità cristiana. Ignote le sorti dell’accusato.

    11/03/2013 PAKISTAN
    Pakistan: vandalizzato il memoriale di Shahbaz Bhatti
    La foto è stata coperta con vernice spray e il manifesto accanto strappato. Il fatto è avvenuto nel giorno del rogo alle case cristiane di Lahore. Il ministro per le Minoranze religiose è stato ucciso nel 2011 per la sua lotta alle leggi sulla blasfemia.

    10/11/2014 PAKISTAN - INDIA
    Il governo del Pakistan "è responsabile per la coppia cristiana bruciata viva"
    Secondo Peter Jacob, noto attivista per i diritti umani, l'attuale sistema legale favorisce le violenze compiute in nome delle leggi sulla blasfemia. Un politico pakistano parla di "questione sociale", in cui leader locali "hanno voluto dare un colore religioso a una disputa di soldi". Vescovo indiano: "Atto satanico, è urgente l'intervento di leader religiosi e mondiali".

    30/03/2017 14:10:00 PAKISTAN
    Detenuti cristiani spinti a convertirsi all’islam. Chiesa pakistana: Vergogna per la giustizia

    I procuratori promettono in cambio la liberazione. La protesta della comunità cristiana. Conversioni forzate per le ragazze, costrette a sposare musulmani. Case bruciate e percosse per i giovani cristiani che sposano musulmane. Anche ad Asia Bibi è stato offerto di convertirsi all’islam.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®