27 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/04/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Lahore, cristiani e indù contro il "fascismo religioso" delle conversioni forzate all'islam

    Jibran Khan

    Ragazze cristiane e indù rapite, convertite con la forza e sposate contro la loro volontà; giovani cristiani sottoposti a circoncisione forzata; ragazzi indù imprigionati perché amici di ragazze musulmane. Negli ultimi cinque anni almeno 400-500 cristiani costretti a convertirsi all'islam. Critiche alla lentezza del governo e della polizia.

    Lahore (AsiaNews) - "Molte ragazze indù sono state rapite di notte dalle loro case e obbligate a convertirsi all'islam. Di solito alla loro conversione segue la firma di un contratto matrimoniale (nikahnama) con un musulmano, che rafforza la posizione dei rapitori. Questi infatti rivendicano sempre la 'totale libertà' della conversione. Non possiamo stare a guardare": è quanto dichiara ad AsiaNews Dilip Kumar, un attivista indù. Ieri, insieme a decine di altri indù e cristiani e a rappresentanti di ong per i diritti umani, Dilip ha partecipato a una manifestazione per denunciare le conversioni forzate di ragazze e ragazzi e la lentezza con cui il governo risponde a questo problema, definito "fascismo religioso".

    P. John Mall, della diocesi di Lahore ricorda che "quando ragazze indù o cristiane vengono rapite, nella maggior parte dei casi finiscono poi per essere vendute come prostitute e schiave del sesso. Sta crescendo un vero e proprio mercato odioso e le autorità continuano a chiudere gli occhi per non vedere". P. Mall ricorda il caso di Rinkle Kumari (v. foto), rapita, convertita e costretta a sposare un musulmano (v.: 28/03/2012 Ragazza indù alla Corte suprema: meglio morta, che convertita a forza all'islam). "Alla corte lei ha gridato: Piuttosto uccidetemi qui, ma non mandatemi in prigione o nelle mani della persona che mi ha convertito. E la corte cosa ha fatto? Invece di permetterle di ritornare in famiglia, è stata rinchiusa in prigione per tre settimane per farla riflettere sulla sua conversione all'islam. Col rischio che se dice di essersi convertita, viene spedita al suo formale marito".

    Peter Jacob, direttore della Commissione nazionale di Giustizia e pace, dà ad AsiaNews le dimensioni del problema: "negli ultimi cinque anni vi sono stati 400-500 conversioni forzate di cristiani. È qualcosa di orribile: so di giovani del Punjab o del Baluchistan che sono stati sottomessi alla circoncisione forzata. Di questo passo, dove andremo a finire?".

    Un altro attivista, Diyal Singh, racconta: "Due mesi fa, una ragazza musulmana ha fatto amicizia con tre ragazzi indù. La sua famiglia è riuscita a far arrestare i tre ragazzi e ha ucciso i genitori indù. Tutto questo è barbarie".

    I dimostranti hanno anche scandito slogan contro il capo della polizia di Lahore, da poco apparso in corte sul caso legato alla distruzione dell'edificio di Gosh-e-Aman (v.: 17/02/2012 Lahore: per il tribunale niente blasfemia nella demolizione dell'istituto cattolico ).  Una delle vittime, la cristiana Zenobia Richard, ha presentato denuncia per "blasfemia" contro di lui per aver dissacrato bibbie, una statua della Madonna e rosari. La corte ha chiesto all'ufficiale di presentare un rapporto sull'incidente entro tre settimane.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/04/2012 PAKISTAN
    Devono tornare dai mariti musulmani le tre ragazze indù costrette a convertirsi
    Lo ha deciso la Corte suprema pakistana. Le tre erano state rapite in febbraio nella provincia del Sindh e costrette a sposare uomini musulmani. Familiari denunciano le pressioni dei potenti gruppi musulmani. Le giovani sono state minacciate di morte.

    17/08/2012 PAKISTAN - INDIA
    Minoranze indù e cristiane perseguitate in Pakistan; senza garanzie in India
    Le famiglie indù che fuggono dal Pakistan temono per le loro figlie rapite, convertite e sposate a forza a musulmani. Le minoranze cristiane subiscono le stesse violenze. In India non vi è una legge per i rifugiati e gli indù fuggiti attendono da decenni la cittadinanza indiana. Il partito nazionalista indù chiede protezione solo per gli indù. "I cristiani doppiamente discriminati". È urgente una politica verso le minoranze in tutta l'Asia del sud.

    30/03/2017 14:10:00 PAKISTAN
    Detenuti cristiani spinti a convertirsi all’islam. Chiesa pakistana: Vergogna per la giustizia

    I procuratori promettono in cambio la liberazione. La protesta della comunità cristiana. Conversioni forzate per le ragazze, costrette a sposare musulmani. Case bruciate e percosse per i giovani cristiani che sposano musulmane. Anche ad Asia Bibi è stato offerto di convertirsi all’islam.



    06/08/2011 PAKISTAN
    Punjab, violenze anticristiane: convertita a forza all’islam e costretta a sposare il rapitore
    Mariam Gill è stata rapita mentre si trovava al mercato. Il padre e il fratello hanno sporto denuncia, ma la polizia non è intervenuta perché il rapitore “è un rispettabile uomo d’affari musulmano”. Leader islamico: ha agito secondo la Shariah, gesto nobile. Vescovo di Islamabad: “crescita allarmante” delle conversioni forzate.

    08/04/2013 PAKISTAN
    Punjab, conversione all’islam o morte: da oltre 20 anni l’incubo di una famiglia cristiana
    Dalla fine degli anni ’80 Sadiq Masih Zafar e i suoi parenti vivono sotto la costante minaccia di gruppi islamisti. Nel 1998 una delle figlie è stata vittima di sequestro e ferita in modo grave. Oggi una sorella rischia analoga sorte. Nonostante le denunce, la polizia non è mai intervenuta. Sacerdote a Lahore: gli estremisti godono di impunità.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®