05/08/2013, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Latte in polvere contaminato, la Cina blocca i prodotti dalla Nuova Zelanda

Nei derivati importati dalla Fonterra, la più grande esportatrice di caseari al mondo, vi sono batteri che causano botulismo infantile. Il bando non è ancora ufficiale, ma il ministro neozelandese del Commercio appoggia la decisione: “Daremo tutto l’aiuto necessario”.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Il governo cinese ha fermato l'importazione di latte in polvere dalla Nuova Zelanda, dopo che nei prodotti del maggior esportatore caseario al mondo - la Fonterra - sono stati individuati batteri che possono causare botulismo, una pericolosa intossicazione alimentare che in caso di attacco fulminante può anche uccidere nel giro di 24 ore.

La decisione non è stata ancora formalizzata dalle autorità cinesi, che hanno preferito - visti anche i numerosi scandali alimentari che colpiscono i propri prodotti - chiedere all'azienda produttrice di "mantenere in stand-by" gli ordini in consegna. Il ministro per il Commercio neozelandese, Tim Groser, ha definito la mossa "assolutamente appropriata" e ha garantito "tutto l'aiuto possibile" agli acquirenti. L'80 % del latte in polvere importato in Cina viene proprio dalla Nuova Zelanda.

Da parte sua, il premier neozelandese John Key ha accusato il colosso caseario di aver "tardato troppo" a lanciare l'allarme dopo la scoperta. Negli ultimi giorni, il gruppo ha fatto sapere di aver venduto nel maggio scorso proteine del siero di latte concentrate prodotte in Nuova Zelanda a Cina, Malaysia, Arabia Saudita, Thailandia e Vietnam. Proprio Hanoi ha deciso di richiamare tutti i prodotti in circolazione per distruggerli, mentre il governo russo ha invitato i cittadini a "buttare via" le confezioni acquistate e ne ha fermato l'importazione.

Key si è detto "preoccupato" per l'impatto che l'episodio può avere sulla reputazione della Nuova Zelanda, famosa per le sue esportazioni di latte pulito e naturale."Sono sconcertato - ha aggiunto - non capisco perché a maggio del 2012, quando il siero è stato prodotto, i test non hanno rivelato nulla e Fonterra l'abbia fatto uscire fuori. In un Paese che considera questo business essenziale, ciò non sarebbe dovuto succedere, perché è un'industria che si basa sulla salute e la fiducia dei consumatori". Per ora, la Cina ha fatto sapere che "non ci saranno ripercussioni" per gli acquirenti, dato che le importazioni riprenderanno dall'Europa.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Latte contaminato, la Fonterra apre agli ispettori del governo
06/08/2013
Morto un secondo neonato per il latte in polvere “alla plastica”
15/09/2008
Tre morti e oltre 6 mila neonati colpiti dal latte avvelenato
17/09/2008
Cina e Nuova Zelanda eliminano i dazi al commercio
07/04/2006
Seguace di Falun Gong bloccata all'aeroporto
07/12/2004