01 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 24/02/2010, 00.00

    GIAPPONE-INDIA

    Lavora per la promozione della donna l’indiana Bhatt che ha vinto il premio Niwano per la pace



    Seguace di Ghandi e detta “la rivoluzionaria gentile” ha fondato la Self-Employed Women’s Association (SEWA) che oggi conta 1.200mila associate, per lo più lavoratrici autonome e povere. L'obiettivo è di educare le donne ad essere in prima persona la guida del loro movimento, attraverso il quale diventino forti e visibili e possano assumere la leadership del cambiamento sociale.
    Tokyo (AsiaNews) – E’ l’indiana Ela Ramesh Bhatt la vincitrice del 27mo premio Niwano per la pace. Nata nel 1933 e seguace della filosofia di Gandhi, la Bhatt, detta “la rivoluzionaria gentile” è la fondatrice della Self-Employed Women’s Association (SEWA), un movimento di lavoratrici fondato nel 1972 ad Ahmedabad, in India, che oggi conta 1.200mila associate, per lo più lavoratrici autonome e povere.
     
    Il SEWA mira a organizzare le donne lavoratrici e le loro famiglie per ottenere pieno impiego e fiducia in se stesse attraverso l'autosufficienza sul piano economico. L'obiettivo è di educare le donne ad essere in prima persona la guida del loro movimento, attraverso il quale diventino forti e visibili e possano assumere la leadership del cambiamento sociale.
     
    Nel 1974 ha foondato la SEWA Cooperative Bank, della quale ora fanno parte tre milioni di donne, e successivamente la International Alliance of Home-based Workers (HomeNet), Street Vendors (StreetNet) e la Women in Informal Employment: Globalizing Organizing (WIEGO). Per decenni è stata membro della Fondazione Rockfeller e attualmente fa parte del Consiglio degli anziani, promosso insieme con Nelson Mandela.
     
    La Niwano Peace Foundation è stata fondata nel 1978 per contribuire alla costruzione di un mondo di pace in campi quali religione, filosofia, cultura, scienza. Grazie a donazioni di miliardi di yen, la fondazione organizza attività culturali e scambi internazionali e conferisce ogni anno il Niwano Peace Prize a persone e associazioni che promuovono la pace e il dialogo interreligioso. Per la scelta del candidato, il cui prestigio deve essere riconosciuto in tutto il mondo, la fondazione delega circa 700 persone di diverse religioni provenienti da 125 Paesi e un comitato composto da 12 leader religiosi impegnati a favore della pace e della cooperazione interreligiosa.  
      La Fondazione è legata all'opera di Nikkyo Niwano, figura di rilievo della spiritualità giapponese, che nel 1938 ha fondato l'organizzazione buddista laica Rissho Kosei Kai. Il movimento mira a un rinnovamento dell'insegnamento del buddismo amida e unisce profonda spiritualità, impegno sociale, promozione della pace, dialogo tra le religioni. Tra i vincitori delle passate edizioni ci sono l’aricescovo brasiliano Helder Camara, il pastore Philip A. Potter, segretario del Consiglio mondiale delle Chiese, il cardinale Paulo Evaristo Arns, il villaggio Neve Shalom fondato insieme da palestinesi e israeliani e il principe giordano El Hassan bin Talal.
     
    La cerimonia di premiazione avverrà il 13 maggio a Tokyo. La vincitrice riceverà, un attestato, una medaglia e 20 milioni di yen.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/06/2011 INDIA
    Kerala: la Chiesa aiuta milioni di donne per sradicare la povertà
    “Kudumbashree” è il nome di una missione speciale lanciata nel 1999 e che coinvolge oltre 80mila gruppi di donne nelle zone rurali e urbane sotto il livello di povertà. Le donne diventano strumenti attivi del cambiamento: “ Le donne povere possono giocare un ruolo essenziale nell’iniziativa anti-povertà” ha dichiarato ad AsiaNews suor Mercy Varghese, professoressa al St. Xavier College di Aluva.

    01/03/2011 GIAPPONE-THAILANDIA
    A Sulak Sivaraksa il 29mo premio Niwano per la pace
    Il vincitore del premio destinato a leader religiosi distintisi per la loro azione a favore della pace è un thailandese, fondatore dell’ International Network of Engaged Buddhists (INEB).

    24/02/2016 08:51:00 GIAPPONE – SRI LANKA
    A centro dello Sri Lanka per pace e riconciliazione il Premio Niwano per la pace

    Il Center for Peace Building and Reconciliation è una organizzazione no.profit che promuove la costruzione della pace e la soluzione non violenta dei conflitti. Dà sostegno alla evoluzione personale e sociale all’interno e tra i gruppi etnici, religiosi, linguistici e regionali del Paese.



    07/03/2004 india - giornata mondiale della donna
    Sr Nirmala testimone di Cristo fra gli indù del suo paese natale


    07/03/2005 INDIA - GIORNATA DELLA DONNA
    Card. Toppo: La donna, una nuova Maria per la salvezza del mondo
    L'India rischia di essere intaccata dalle minacce che la famiglia corre anche in occidente. Eletto il nuovo presidente dei vescovi indiani: è mons. Oswald Gracias, arcivescovo di Agra.



    In evidenza

    CINA – VATICANO
    Ripensare agli accordi fra Cina e Vaticano (anche con un po' di ironia)

    Il prete eremita del Nord (华北的山人神父)

    Le diverse discrepanze nelle discussioni sui rapporti fra Cina e Santa Sede. Pur non essendovi ancora alcun accordo pubblico, molti commentatori ne parlano a più non posso, come un elemento di pettegolezzo. I vescovi troppo spesso ridotti a burattini; la mancanza di fiducia reciproca fra le due parti; la questione di Taiwan: questi alcuni dei problemi delineati dal sagace autore che si firma “il prete eremita del Nord”, un sacerdote blogger molto famoso in Cina.


    BANGLADESH
    “Io, musulmano convertito al cristianesimo, respinto dalla famiglia e dalla società”

    Ismail Jaffar

    Parla ad AsiaNews Anil Gomes (nome modificato per motivi di sicurezza). L’uomo si è convertito al cristianesimo dopo aver letto una brano del Nuovo Testamento. Da quel momento ha perso ogni lavoro. Il suo corpo riporta le ferite di aggressioni e tentativi di uccisione. “Non riesco a mantenere la mia famiglia. Pregate per me”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®