27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/02/2010
GIAPPONE-INDIA
Lavora per la promozione della donna l’indiana Bhatt che ha vinto il premio Niwano per la pace
Seguace di Ghandi e detta “la rivoluzionaria gentile” ha fondato la Self-Employed Women’s Association (SEWA) che oggi conta 1.200mila associate, per lo più lavoratrici autonome e povere. L'obiettivo è di educare le donne ad essere in prima persona la guida del loro movimento, attraverso il quale diventino forti e visibili e possano assumere la leadership del cambiamento sociale.

Tokyo (AsiaNews) – E’ l’indiana Ela Ramesh Bhatt la vincitrice del 27mo premio Niwano per la pace. Nata nel 1933 e seguace della filosofia di Gandhi, la Bhatt, detta “la rivoluzionaria gentile” è la fondatrice della Self-Employed Women’s Association (SEWA), un movimento di lavoratrici fondato nel 1972 ad Ahmedabad, in India, che oggi conta 1.200mila associate, per lo più lavoratrici autonome e povere.
 
Il SEWA mira a organizzare le donne lavoratrici e le loro famiglie per ottenere pieno impiego e fiducia in se stesse attraverso l'autosufficienza sul piano economico. L'obiettivo è di educare le donne ad essere in prima persona la guida del loro movimento, attraverso il quale diventino forti e visibili e possano assumere la leadership del cambiamento sociale.
 
Nel 1974 ha foondato la SEWA Cooperative Bank, della quale ora fanno parte tre milioni di donne, e successivamente la International Alliance of Home-based Workers (HomeNet), Street Vendors (StreetNet) e la Women in Informal Employment: Globalizing Organizing (WIEGO). Per decenni è stata membro della Fondazione Rockfeller e attualmente fa parte del Consiglio degli anziani, promosso insieme con Nelson Mandela.
 
La Niwano Peace Foundation è stata fondata nel 1978 per contribuire alla costruzione di un mondo di pace in campi quali religione, filosofia, cultura, scienza. Grazie a donazioni di miliardi di yen, la fondazione organizza attività culturali e scambi internazionali e conferisce ogni anno il Niwano Peace Prize a persone e associazioni che promuovono la pace e il dialogo interreligioso. Per la scelta del candidato, il cui prestigio deve essere riconosciuto in tutto il mondo, la fondazione delega circa 700 persone di diverse religioni provenienti da 125 Paesi e un comitato composto da 12 leader religiosi impegnati a favore della pace e della cooperazione interreligiosa.  
  La Fondazione è legata all'opera di Nikkyo Niwano, figura di rilievo della spiritualità giapponese, che nel 1938 ha fondato l'organizzazione buddista laica Rissho Kosei Kai. Il movimento mira a un rinnovamento dell'insegnamento del buddismo amida e unisce profonda spiritualità, impegno sociale, promozione della pace, dialogo tra le religioni. Tra i vincitori delle passate edizioni ci sono l’aricescovo brasiliano Helder Camara, il pastore Philip A. Potter, segretario del Consiglio mondiale delle Chiese, il cardinale Paulo Evaristo Arns, il villaggio Neve Shalom fondato insieme da palestinesi e israeliani e il principe giordano El Hassan bin Talal.
 
La cerimonia di premiazione avverrà il 13 maggio a Tokyo. La vincitrice riceverà, un attestato, una medaglia e 20 milioni di yen.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/03/2011 GIAPPONE-THAILANDIA
A Sulak Sivaraksa il 29mo premio Niwano per la pace
09/06/2011 INDIA
Kerala: la Chiesa aiuta milioni di donne per sradicare la povertà
di Santosh Digal
07/03/2004 india - giornata mondiale della donna
Sr Nirmala testimone di Cristo fra gli indù del suo paese natale
07/03/2005 INDIA - GIORNATA DELLA DONNA
Card. Toppo: La donna, una nuova Maria per la salvezza del mondo
di Nirmala Carvalho
05/04/2014 GIAPPONE
Il "Nobel dell'architettura" all'uomo delle "case di carta"

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate