22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/07/2007, 00.00

    SRI LANKA

    Le Tigri confermano la perdita dell’ultima roccaforte nell’est



    Ieri l’esercito governativo ha conquistato Thoppigala, in mano ai ribelli da 13 anni. Portavoce delle Ltte annuncia: ora nell’est passeremo a “tattiche di guerriglia”. Colombo si complimenta con i soldati e promette di riprendersi il nord del Paese.
    Colombo (AsiaNews/Agenzie) – L’esercito dello Sri Lanka ha conquistato l’ultima roccaforte dei ribelli tamil nell’est del Paese. La conferma arriva oggi dagli stessi militati del Liberation Tigers of Tamil Eelam (LTTE), che annunciano il passaggio a “tattiche di guerriglia” nella regione.
     
    “Commandos dell'esercito hanno raggiunto la base di Thoppigala - hanno reso noto ieri fonti delle forze armate di Colombo - con questa vittoria l'esercito ha preso un centro nevralgico dei terroristi tamil”. Oggi il portavoce delle Tigri, Rasiah Ilanthiriyan, ha dichiarato alla BBC che i militanti “hanno abbandonato Thoppigala (che controllavano da 13 anni) e quelli rimanenti nell’est passeranno alla guerriglia”.
     
    Teatro del conflitto tra Ltte ed esercito governativo sono le regioni del nord e dell’est, che i combattenti tamil vorrebbero indipendenti da Colombo. Ora l’esercito promette di “focalizzarsi” sul nord, dove il potere dei ribelli è ancora forte.
     
    Il presidente dello Sri Lanka, Mahinda Rajapkse, si è complimentato con i militari per il successo dell’operazione, che coincide con il rinnovato impegno della mediazione norvegese per riportare al tavolo dei negoziati le due parti. Le Ltte promettono di riprendere i dialoghi di pace solo se le forze governative cesseranno gli attacchi militari. Nonostante il cessate-il-fuoco firmato nel 2002, da un anno e mezzo si può dire che il Paese è ripiombato nella guerra civile. Il conflitto, in corsa da oltre 20 anni, ha ucciso 60mila persone, di cui 5mila solo negli ultimi 19 mesi.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/12/2006 SRI LANKA
    Circa 3300 civili in fuga dagli scontri nel nord-est
    La denuncia della Croce Rossa dopo due giorni di intensi combattimenti tra ribelli ed esercito: morte 110 persone, tra cui decine di civili.

    27/06/2007 SRI LANKA
    Politico tamil ai ribelli: l’indipendenza è un “sogno”, accettate il federalismo
    V. Anandasangaree, presidente del TULF, scrive al capo delle Tigri, accusandolo di aver instaurato un regno del terrore e di avere fatto precipitare il Paese nel baratro di povertà e dolore: “La situazione è fuori controllo,l’unica soluzione è trattare sul federalismo”.

    07/08/2006 SRI LANKA
    Sri Lanka: giustiziati 15 operatori umanitari tamil

    Le Tigri accusano il governo, che non commenta. Ieri ancora nuovi bombardamenti.



    17/07/2006 SRI LANKA
    Tamil reclutati con la forza per l'"assalto finale" contro il governo

    Fonti di AsiaNews in Sri Lanka raccontano che i ribelli nel nord e nell'est costringono un membro a famiglia all'addestramento militare, giurando che la prossima guerra sarà quella " decisiva"  per ottenere uno Stato indipendente.



    06/06/2008 SRI LANKA
    Mina contro un bus a Colombo, 21 morti
    Ennesimo attacco ad un mezzo pubblico nella capitale; le vittime sono tutte civili, la maggior parte donne. L’esercito indica nei ribelli delle Tigri tamil i responsabili della strage.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®