23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 03/01/2011, 00.00

    CINA

    Le autorità vietano di “parlare” del sospetto “incidente” di Qian Yunhui



    Il capovillaggio era strenuo difensore dei diritti dei contadini contro gli espropri di terre. Testimoni dicono che ignoti hanno messo il suo corpo davanti al camion che lo ha schiacciato. La polizia disperde chi protesta e arresta i parenti di Qian.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Centinaia di residenti del villaggio di Puqi (Zhejiang) si sono scontrati il 1° gennaio con la polizia, che voleva impedire loro di protestare per la morte “sospetta” di Qian Yunhui, leader nella lotta contro le requisizioni forzate di terreni. Le autorità della vicina Yueqing, invece di chiarire le modalità della morte, hanno ordinato ai residenti di cessare di “diffondere voci” sull’incidente, minacciando gravi pene.

    Qian, capo del villaggio di Zhaiqiao, è stato investito da un furgone guidato da una persone senza patente. La popolazione ha cercato di impedire alla polizia di portare via il cadavere, chiedendo indagini. Sono invece intervenuti centinaia di poliziotti per disperdere la folla con la forza. Sono stati arrestati la figlia, il fratello minore e altri parenti di Qian.

    I giornali Nanfang Daily e Oriental Morning Post hanno citato due diversi testimoni che dicono di avere visto 3 uomini mascherati portare Qian di peso davanti al furgone che lo ha decapitato. La polizia insiste che è un normale incidente e dice che l’unica telecamera del luogo non ha funzionato per “problemi tecnici”.

    In seguito l’attivista per i diritti Pengmomo ha iniziato indagini proprie sulla morte, ma dice che nessuno della zona osa parlare. Questo ordine al silenzio vuole anche impedire simili accertamenti privati.

    Qian ha sempre difeso i diritti dei rurali espropriati delle terre e per questo è stato in carcere 3 anni e mezzo degli ultimi 5 anni. La sua morte ha suscitato grande scalpore su internet. La polizia ha arrestato attivisti che difendono i diritti su internet, come Wang Xiaoshan e Liu Shasha, per “accertamenti”, ma li ha poi rilasciati.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/02/2011 CINA
    La polizia scende in piazza a bloccare proteste inesistenti
    In Cina appaiono su internet numerosi messaggi incitanti alla protesta come in Medio Oriente. Non danno appuntamenti, ma la polizia subito presidia le piazze e arresta oltre 100 dissidenti. Le autorità temono internet, perché milioni di internauti cinesi aggirano la censura collegandosi con reti private.

    07/08/2007 CINA
    Per le Olimpiadi in aumento gli abusi contro i diritti umani
    E’ il timore di Hrw e di Amnesty International. Per i Giochi sono stati sventrati quartieri e cacciati i proprietari, sfruttati gli operai migranti. A Pechino attivisti di Reporters Sans Frontiéres denunciano la censura e sono arrestati. Si teme che la Cina inasprisca il controllo sociale, per offrire al mondo una vetrina perfetta nascondendo i problemi.

    18/11/2008 CINA
    Gansu, la folla fronteggia la polizia con sbarre e zappe e incendia il municipio
    La protesta innescata dall’esproprio forzato delle case di circa 30 persone. Oltre 60 feriti, auto in fiamme, uffici devastati. Nel Paese sono frequenti le proteste di piazza per motivi economici e espropri ingiusti, sostenute da una popolazione che rivendica la tutela dei diritti di base.

    09/07/2007 CINA
    I governi locali requisiscono con l’imbroglio le terre dei contadini
    Secondo il ministero per la Terra e le risorse, tra il 2004 e il 2005 metà degli espropri sono stati fraudolenti. Terre coltivate classificate come non agricole e requisite per progetti pubblici ma poi vendute a privati. Il caso di Qinghe, dove i contadini hanno scoperto di non avere nessuna tutela.

    09/05/2006 Cina
    Cina: si moltiplicano gli espropri di terreni ai danni dei contadini

    Secondo un documento preparato da universitari americani e cinesi, il furto di terreni "è aumentato di 15 volte rispetto a dieci anni fa". Esso "abbassa il tasso di investimento agricolo e crea rabbia nella popolazione, che manifesta sempre più spesso contro il governo".





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®