20/06/2005, 00.00
ONU – GIORNATA MONDIALE RIFUGIATO
Invia ad un amico

Le cifre dei rifugiati in Asia (Scheda)

Secondo l'Unhcr diminuisce il numero dei "rifugiati" nel mondo, il più basso dal 1980. Sale il numero di sfollati interni e apolidi con bisogno di aiuto: sono 19,2 milioni.

Ginevra (AsiaNews) – Da cinque anni il 20 giugno è la Giornata mondiale del rifugiato. La decisione fu presa nel 2000 dall'Assemblea generale dell'Onu che, con una risoluzione, dedicò a tutti i rifugiati del mondo quello che, fino ad allora, era stato l'Africa Refugee day. Secondo la Convenzione di Ginevra del 1951, il rifugiato è chi è perseguitato personalmente per motivi politici, o religiosi, o di razza, di nazionalità o di appartenenza a un gruppo. I paesi che aderiscono alla Convezione di Ginevra sono perciò tenuti a dare asilo alle persone che si trovano in queste condizioni.

Secondo il Rapporto  dell'Alto Commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr), nel 2004 il numero dei rifugiati nel mondo è sceso del 4%: da 9,6 a 9,2 milioni, il dato più basso degli ultimi 25 anni. Allo stesso tempo l'agenzia Onu rende noto il numero ancora alto di sfollati, migranti interni e apolidi.

In occasione della Giornata mondiale del rifugiato, oggi 20 giugno, l'Unhcr rende noto che lo scorso anno le persone con status di rifugiato, richieste di asilo, rimpatriati, apolidi e "rifugiati interni" sono state 19,2 milioni, in aumento rispetto ai 17 milioni del 2003.

Il principale gruppo di rifugiati proviene ancora dall'Afghanistan: sono 2,1 milioni di persone.

La diminuzione del numero complessivo di rifugiati per il quarto anno consecutivo si può in gran parte attribuire ad un livello di rimpatri volontari praticamente senza precedenti. Complessivamente, dalla fine del 2001 più di 5 milioni di rifugiati hanno potuto fare ritorno nei loro paesi d'origine - 3,5 milioni dei quali nel solo in Afghanistan.

Il numero totale dei rifugiati alla fine del 2004 nell'Asia e paesi del Pacifico è di 836.700 persone; nella zona denominata CASWANAME (Asia centrale, sudovest asiatico, Africa settentrionale e Medio Oriente) sono 2.735.200. Nella lista dei 10 paesi da cui provengono i più numerosi gruppi di rifugiati, 4 sono asiatici: Afghanistan, al primo posto con 2.084.900 (-2.4% rispetto al 2003); Palestina, sesto posto con 350.600 (invariato); Vietnam - settimo posto - 349.800 (-3.7%); al nono posto l'Iraq con 311.800 rifugiati (-15.4%).

I paesi asiatici che accolgono il maggior numero di rifugiati sono l'Iran (primo a livello mondiale) - che ospita 1.046.000 rifugiati soprattutto afghani - e il Pakistan, con 961mila, anche in questo caso per la maggior parte afghani. Al sesto posto la Cina con 299.400 rifugiati.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
“Preoccupa” l’aumento del numero di rifugiati nel mondo
19/06/2008
Birmani in Thailandia, i rifugiati della “più lunga guerra civile del mondo”
19/06/2008
Uno “tsunami silenzioso” investe i rifugiati più deboli
20/06/2008
Jesuit Refugee Service: Il mondo non dimentichi i profughi del Bhutan
20/06/2005
Onu, record di rifugiati nel 2016: 65,6 milioni
20/06/2017 08:23