01 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/07/2012, 00.00

    ASEAN

    Le controversie sulle isole del Mar cinese meridionale lasciano l'Asean senza parola



    Per la prima volta in 45 anni l'Associazione delle nazioni del sudest asiatico non ha concluso la riunione dei ministri degli esteri con un comunicato congiunto. Sotto accusa la Cambogia, che avrebbe tutelato gli interessi della Cina, contraria a soluzioni multilaterali.

    Phnom Penh (AsiaNews/Agenzie) - Le controversie territoriali sul Mar cinese meridionale hanno impedito - ed è la prima volta in 45 anni - all'Asean, l'Associazione delle nazioni del sudest asiatico, di concludere la riunione dei ministri degli esteri con un comunicato congiunto. Contrasti e polemiche che hanno segnato la riunione sono rimasti anche dopo la fine dell'incontro.

    Oggetto del contendere sono isolette e, a volte, scogli sparsi nel Mar cinese meridionale, ricchi di risorse naturali, compresi gas e, probailente, petrolio. La Cina rivendica la sovranità su quasi tutti questi territori. Le pretese di Pechino vedono l'opposizione di Filippine, Vietnam, Malaysia, Brunei e Taiwan che, a loro volta, avanzano diritti su alcune isole.

    Così, le Spratlys e le Paracels sono al centro di una disputa tra Cina e Vietnam e la Secca di Scarborough (nella foto) oppone Pechino e Manila.

    A Phnom Penh, dove si è tenuto l'incontro dei 10 Paesi che fanno parte dell'Associazione, conclusosi ieri, si sono scontrate di fatto due opzioni: quella cinese, che vuole la risoluzione delle controversie attraverso accordi bilaterali e quella che voleva invece un "Codice di comportamento" su base multilaterale, tesi sostenuta da diversi Paesi, compresi gli Stati Uniti. I fautori di quest'ultima impostazione sostengono che ogni negoziato a due sarbbe sbilanciato, vista la potenza della Cina. Prima dell'incontro era stato anche annunciata l'elaborazione di una serie di regole sui diritti marittimi e la navigazione, oltre che le procedure da seguire in caso di disaccordi fra le nazioni. Ma la Cina non è un Paese membro dell'Asean e ha respinto il tutto.

    Assente per tale motivo, Pechino ha fatto comunque pesare le sue posizioni. Diplomatici cinesi erano a Phnom Penh già prima dell0incontro e proprio la Camboga, Paese ospitante e legato alla Cina, è stata accusata di averne tutelato gli interessi. Le Filippine l'hanno apertamente accusata e il ministero degli esteri thailandese l'ha imputata di essersi "costantemente opposta a qualunque menzione della secca" e di avere più volte insistito che non era possibile emettere un comunicato congiunto.

    Il ministro degli esteri del'Indonesia, Marty Natalegawa, molto impegnato per la ricerca di un accordo, ha espresso "profondo disappunto". "C'è ancora - ha aggiunto - una opinione comune che dobbiamo quanto meno accrescere i nostri sforzi per lavorare a un Codice di condotta per cominciare i nostri colloqui con la Cina sul Codice"

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/11/2012 CINA – USA – ASEAN
    Summit Asean, sul Mar cinese meridionale nessun accordo fra Usa e Cina
    Barack Obama incontra Wen Jiabao e lo richiama alle “comuni responsabilità” su economia e dispute territoriali. Il premier cinese uscente sorride ma non risponde. Nel frattempo il presidente filippino attacca la Cambogia: “Dicono che abbiamo raggiunto un accordo sulla questione dei territori contesi, ma non è vero”. E l’Europa scivola nella graduatoria dei rapporti commerciali con Pechino.

    16/07/2012 CINA - ASEAN
    Mar Cinese meridionale: flotta di 30 pescherecci cinesi arriva alle Spratlys
    È la flotta più grande mai vista nell'arcipelago. La risposta di Pechino alle critiche di Manila e Hanoi che hanno tentato di muovere l'Asean contro le mire espansionistiche della Cina. L'aggressività cinese preoccupa anche gli Stati Uniti.

    09/07/2012 CAMBOGIA
    L’Asean si prepara allo scontro sul Mar cinese meridionale
    Tutto pronto a Phnom Penh per l’incontro delle potenze asiatiche, che si contendono la sovranità degli arcipelaghi ricchi di gas e petrolio. La Clinton parteciperà all’incontro e chiederà ai presenti di approvare un codice di condotta marittimo comune per tutti.

    15/10/2010 VIETNAM - INDIA - CINA
    La Cina sempre più isolata; maggiori rapporti fra Hanoi e New Delhi
    Nel vertice Asean ha raccolto consensi la proposta vietnamita di risolvere le questioni con il dialogo e il confronto internazionale. Pechino insiste che non rimetterà la decisione a terzi. Intanto Vietnam e India concordano collaborazione militare marittima. Riprendono i rapporti Cina-Giappone.

    20/07/2009 ASIA
    L’Asean tutelerà i diritti umani, ma solo se è d’accordo il Paese che li viola
    In corso a Phuket il 42° Summit degli ministri degi Esteri degli Stati Asean. Decisa la creazione di una Commissione per la tutela dei diritti. Esperti: potrà agire solo se c’è l’approvazione unanime degli Stati membri. Si è parlato pure di economia, commercio e lotta al terrorismo.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®