22 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 14/01/2012, 00.00

    TAIWAN - CINA

    Le elezioni a Taiwan invidiate dai cinesi

    Paul Hong

    Si prospetta un testa a testa fra Ma Ying-jeou e Tsai Ing-wen, la prima donna a candidarsi come presidente. L'incognita di James Soong rischia di far perdere Ma. I cinesi della Repubblica popolare guardano con interesse i dibattiti alla tivu taiwanese e le critiche degli abitanti ai loro politici. Ammirazione per la democrazia dell’isola.
    Taipei (AsiaNews) – Almeno 18 milioni di taiwanesi si sono recati oggi ai seggi per le elezioni presidenziali. Ma vi sono molti milioni di cinesi che non si recano a votare, e diversi fra loro guardano con invidia la democrazia goduta dagli abitanti sull’isola da tanti decenni: sono i cinesi della Cina popolare.

    L’attuale presidente, Ma Ying-jeou, del Kuomintang (Kmt), cerca la rielezione, basata sul successo da lui avuto nell’appianare i rapporti con Pechino, aprendo l’isola e il continente agli investimenti reciproci, con contatti aerei, navali e postali quotidiani. É applaudito soprattutto dai grandi imprenditori taiwanesi che commerciano con la Cina ed è il candidato preferito da Pechino.

    La sfidante, Tsai Ing-wen, laureata alla London School of Economics, è la prima donna a concorrere alla presidenza. La sua militanza nel Dpp (Partito democratico progressista) la rende più vicina agli operai e agli agricoltori taiwanesi, e difende l’autonomia dell’isola di fronte a quella che appare a molti come una dipendenza economica dal gigantesco vicino.

    Fra i candidati vi è anche James Soong, ex Kmt, che rischia di sottrarre voti a Ma. Le inchieste prima del voto mostrano un testa a testa fra Ma e Tsai, mentre l’incognita Soong fa temere una sconfitta per l’attuale presidente.

    Al di là di ogni risultato, le elezioni a Taiwan sono un successo soprattutto perché mostrano che la democrazia – simile a quella occidentale - è possibile nel mondo cinese. La leadership di Pechino continua da anni a predicare la necessità di riforme politiche, ma si premura subito a precisare che per la Cina è esclusa una democrazia di tipo occidentale. Ma finora essi non hanno attuato alcun altro tipo di democrazia, né alcuna riforma politica.

    I commenti dei cinesi della Repubblica popolare riportati in molti blog, mostrano invidia per la libertà dei taiwanesi. Uno di loro scrive: “Ho 24 anni. Prima che muoia potrò votare per scegliere il leader del mio Paese?”.

    E un altro: “Quando ero giovane, ho sognato di riportare Taiwan dentro la Cina. Ma ora vorrei che la Cina venga ‘riportata’ a Taiwan”.
    Un altro blogger pubblicizza il fatto che i taiwanesi – pur essendo Taiwan riconosciuta solo da 23 Paesi – posseggono tutti il passaporto e possono viaggiar liberamente in almeno 124 Paesi.

    Anche i cinesi che vanno in visita a Taiwan mostrano interesse verso la sua democrazia. Si è scoperto che il milione e passa di turisti della Repubblica popolare vedono con gusto i dibattiti parlamentari alla televisione e le critiche della gente verso i loro politici.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/01/2012 TAIWAN – CINA
    Taiwan, Ma Ying-jeou vince le elezioni
    ll candidato del Kmt ha battuto con il 51% dei voti la sfidante Tsai Ing-wen, che si è fermata al 45,7%. Per Ma, la rielezione a presidente è frutto del successo delle politiche di apertura verso la Cina.

    20/05/2016 09:03:00 TAIWAN
    Taipei, si insedia Tsai Ing-wen: Rispetto la storia, ma Taiwan viene prima

    La nuova presidente, prima donna al vertice della Repubblica di Cina, pronuncia un lungo discorso davanti a 20mila sostenitori. I cinque punti del suo programma partono dalla trasformazione delle strutture economiche dell’isola e auspicano un ritorno della “giustizia sociale”. Il rapporto con Pechino arriva verso la fine: nessun accenno diretto al “Consenso del 1992”, ma un impegno per il mantenimento dei rapporti “stabili e pacifici” sullo Stretto.



    11/01/2012 TAIWAN - CINA
    Businessmen per Ma Ying-jeou; Lee Teng-hui per l’opposizione
    Dopo un lungo testa a testa, i sondaggi danno un piccolo vantaggio per Ma Ying-jeou. Rimane l’incognita della candidatura di Soong, che potrebbe ridurre del 5-10% il sostegno a Ma. Negli ultimi anni i rapporti economici fra Taiwan e Cina sono profondamente migliorati.

    18/01/2016 10:23:00 TAIWAN
    Dalle lacrime alla gioia, il trionfo di Tsai Ying-wen

    Il primo presidente donna di Taiwan ha iniziato la sua scalata al successo “grazie” alla sconfitta del Partito democratico del 2012: con umiltà e voglia di rappresentare tutti, ha ottenuto una vittoria storica. L’impegno a non creare mutamenti dannosi per l’Asia si coniuga con la “necessità” di non nascondere la propria identità, anche davanti a un colosso come la Cina.



    25/06/2007 TAIWAN
    L’ex presidente del Kmt corre per le presidenziali, promette la crescita dell’economia
    Il Kuomintang ha nominato ieri in maniera ufficiale Ma Ying-jeou, ex sindaco di Taipei, come proprio candidato alle prossime elezioni presidenziali, previste per il marzo del 2008. Ma promette una crescita economica del 6 %, in caso di elezione.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®