24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 14/01/2012, 00.00

    TAIWAN - CINA

    Le elezioni a Taiwan invidiate dai cinesi

    Paul Hong

    Si prospetta un testa a testa fra Ma Ying-jeou e Tsai Ing-wen, la prima donna a candidarsi come presidente. L'incognita di James Soong rischia di far perdere Ma. I cinesi della Repubblica popolare guardano con interesse i dibattiti alla tivu taiwanese e le critiche degli abitanti ai loro politici. Ammirazione per la democrazia dell’isola.
    Taipei (AsiaNews) – Almeno 18 milioni di taiwanesi si sono recati oggi ai seggi per le elezioni presidenziali. Ma vi sono molti milioni di cinesi che non si recano a votare, e diversi fra loro guardano con invidia la democrazia goduta dagli abitanti sull’isola da tanti decenni: sono i cinesi della Cina popolare.

    L’attuale presidente, Ma Ying-jeou, del Kuomintang (Kmt), cerca la rielezione, basata sul successo da lui avuto nell’appianare i rapporti con Pechino, aprendo l’isola e il continente agli investimenti reciproci, con contatti aerei, navali e postali quotidiani. É applaudito soprattutto dai grandi imprenditori taiwanesi che commerciano con la Cina ed è il candidato preferito da Pechino.

    La sfidante, Tsai Ing-wen, laureata alla London School of Economics, è la prima donna a concorrere alla presidenza. La sua militanza nel Dpp (Partito democratico progressista) la rende più vicina agli operai e agli agricoltori taiwanesi, e difende l’autonomia dell’isola di fronte a quella che appare a molti come una dipendenza economica dal gigantesco vicino.

    Fra i candidati vi è anche James Soong, ex Kmt, che rischia di sottrarre voti a Ma. Le inchieste prima del voto mostrano un testa a testa fra Ma e Tsai, mentre l’incognita Soong fa temere una sconfitta per l’attuale presidente.

    Al di là di ogni risultato, le elezioni a Taiwan sono un successo soprattutto perché mostrano che la democrazia – simile a quella occidentale - è possibile nel mondo cinese. La leadership di Pechino continua da anni a predicare la necessità di riforme politiche, ma si premura subito a precisare che per la Cina è esclusa una democrazia di tipo occidentale. Ma finora essi non hanno attuato alcun altro tipo di democrazia, né alcuna riforma politica.

    I commenti dei cinesi della Repubblica popolare riportati in molti blog, mostrano invidia per la libertà dei taiwanesi. Uno di loro scrive: “Ho 24 anni. Prima che muoia potrò votare per scegliere il leader del mio Paese?”.

    E un altro: “Quando ero giovane, ho sognato di riportare Taiwan dentro la Cina. Ma ora vorrei che la Cina venga ‘riportata’ a Taiwan”.
    Un altro blogger pubblicizza il fatto che i taiwanesi – pur essendo Taiwan riconosciuta solo da 23 Paesi – posseggono tutti il passaporto e possono viaggiar liberamente in almeno 124 Paesi.

    Anche i cinesi che vanno in visita a Taiwan mostrano interesse verso la sua democrazia. Si è scoperto che il milione e passa di turisti della Repubblica popolare vedono con gusto i dibattiti parlamentari alla televisione e le critiche della gente verso i loro politici.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/01/2012 TAIWAN – CINA
    Taiwan, Ma Ying-jeou vince le elezioni
    ll candidato del Kmt ha battuto con il 51% dei voti la sfidante Tsai Ing-wen, che si è fermata al 45,7%. Per Ma, la rielezione a presidente è frutto del successo delle politiche di apertura verso la Cina.

    20/05/2016 09:03:00 TAIWAN
    Taipei, si insedia Tsai Ing-wen: Rispetto la storia, ma Taiwan viene prima

    La nuova presidente, prima donna al vertice della Repubblica di Cina, pronuncia un lungo discorso davanti a 20mila sostenitori. I cinque punti del suo programma partono dalla trasformazione delle strutture economiche dell’isola e auspicano un ritorno della “giustizia sociale”. Il rapporto con Pechino arriva verso la fine: nessun accenno diretto al “Consenso del 1992”, ma un impegno per il mantenimento dei rapporti “stabili e pacifici” sullo Stretto.



    11/01/2012 TAIWAN - CINA
    Businessmen per Ma Ying-jeou; Lee Teng-hui per l’opposizione
    Dopo un lungo testa a testa, i sondaggi danno un piccolo vantaggio per Ma Ying-jeou. Rimane l’incognita della candidatura di Soong, che potrebbe ridurre del 5-10% il sostegno a Ma. Negli ultimi anni i rapporti economici fra Taiwan e Cina sono profondamente migliorati.

    18/01/2016 10:23:00 TAIWAN
    Dalle lacrime alla gioia, il trionfo di Tsai Ying-wen

    Il primo presidente donna di Taiwan ha iniziato la sua scalata al successo “grazie” alla sconfitta del Partito democratico del 2012: con umiltà e voglia di rappresentare tutti, ha ottenuto una vittoria storica. L’impegno a non creare mutamenti dannosi per l’Asia si coniuga con la “necessità” di non nascondere la propria identità, anche davanti a un colosso come la Cina.



    25/06/2007 TAIWAN
    L’ex presidente del Kmt corre per le presidenziali, promette la crescita dell’economia
    Il Kuomintang ha nominato ieri in maniera ufficiale Ma Ying-jeou, ex sindaco di Taipei, come proprio candidato alle prossime elezioni presidenziali, previste per il marzo del 2008. Ma promette una crescita economica del 6 %, in caso di elezione.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®