29 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/10/2007, 00.00

    CINA

    Le promesse di Hu Jintao al 17° Congresso



    In un discorso durato più di 2 ore e mezza, il segretario generale del Pcc promette maggior ricchezza per tutti, meno inquinamento, più democrazia, meno corruzione. Un fatto nuovo: toni concilianti con Taiwan.

    Pechino (AsiaNews) – Una lunga serie di promesse ha caratterizzato il discorso con cui Hu Jintao ha dato il via oggi al 17° Congresso del Partito comunista cinese (Pcc) nella Grande sala del popolo a Pechino. Nella sua prolusione di oltre 2 ore e mezza, il segretario generale del Pcc (e presidente della Repubblica) ha garantito che la Cina continuerà a crescere quadruplicando il Prodotto interno lordo pro capite entro il 2020. Ma tale crescita economica dovrà sottostare a una maggiore cura per l’ambiente e a una riduzione nel consumo delle risorse, riaffermando uno dei suoi slogan preferiti sullo “sviluppo scientifico”.

    Nel discorso pieno di retorica comunista, Hu ha sottolineato che il Partito curerà di “mettere la gente al primo posto” e attuare una serie di riforme per diminuire l’abisso fra ricchi e poveri, potenziare la classe media, dare educazione gratuita ai contadini, così che tutta la popolazione potrà godere del diritto al lavoro,  alle cure mediche, alla pensione e alla casa. Le parole “riforme” e “aperture” sono state citate almeno 30 volte. Intanto all’esterno della sala la polizia arrestava e allontanava decine di persone che volevano presentare petizioni.

    “Democrazia” è un’altra parola super-citata nel suo discorso: oltre 60 volte. Hu ha promesso di sviluppare la “democrazia del popolo” rafforzando “la democrazia all’interno del Partito” . Rendendo molte cariche elettive all’interno, si garantirà che “il popolo è il padrone” del Paese.

    Hu ha pure promesso una decisa guerra contro la corruzione, ricordando che nel 2006 oltre 90 mila membri sono stati richiamati alla disciplina. Egli ha anche esortato tutto il Pcc a “ubbidire alla costituzione e alle leggi”, per non deludere “le aspettative della gente”.

    Riferendosi a un altro dei suoi slogan, quello della “società armoniosa”, egli ne ha mostrato le radici nell’antica filosofia cinese e ha detto che la Cina può dare un contributo a costruire l’intero mondo in modo “armonioso”. In questo senso – egli ha precisato – la Cina “rigetta ogni forma di egemonia” e la modernizzazione dell’esercito ha carattere “di difesa nazionale”.

    Hu ha usato toni nuovi e morbidi nel parlare di Taiwan. Egli ha condannato i tentativi di “indipendenza” dell’isola, ma ha spinto all’apertura di un dialogo: “Vogliamo fare un appello solenne: sulla base del principio di una-sola-Cina, cerchiamo di discutere e porre fine allo stato di ostilità fra i due lati [dello stretto] e giungere a un accordo di pace”.

    Quasi a smorzare le voci di un conflitto fra la “cricca di Shanghai” e il gruppo dei fedeli a Hu, il Congresso ha votato Zeng Qinghong come segretario dei lavori. Zeng è un grande amico di Jiang Zemin, considerato un oppositore di Hu e il punto di riferimento della “cricca di Shanghai”. In uno sfoggio di apparente unità, nella Grande sala del popolo sono presenti le varie “anime” del Partito: Li Peng, il “macellaio di Tiananmen”, l’ex premier Zhu Rongji, l’ex presidente Jiang Zemin e perfino Qiao Shi, ex presidente dell’Assemblea nazionale del popolo, emarginato nel ’98 da Jiang e ridotto da tempo al silenzio. A dare un’immagine nuova del Partito vi sono anche rappresentanti dello sport e dell’imprenditoria, questi ultimi fra le persone più ricche del mondo.

    Per la sicurezza del Congresso sono impiegati circa 800 mila persone. Per dare un’immagine di “apertura” alla comunità internazionale, il dipartimento della comunicazione permetterà agli oltre 1000 giornalisti stranieri di partecipare a riunioni e discussioni di 34 delle 38 delegazioni. Intanto però, ai giornali cinesi è proibito diffondere notizie “disarmoniche” su scandali, rivolte, disastri, questioni religiose, petizioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/08/2016 16:35:00 CINA
    La lobby degli intellettuali chiede più libertà. Gli sgambetti dei rivali di Xi Jinping

    Mentre si avvicina il prossimo Congresso del Partito, sui media ufficiali appaiono scontri evidenti fra la linea di Xi e quella dei liberali, della Lega giovanile, della cricca di Shanghai. Intanto Xi mantiene il potere assoluto, come Mao. Dall’esperto di politica e società cinese Willy Lam. Per gentile concessione della Jamestown Foundation (traduzione dall’inglese di AsiaNews).



    07/05/2007 CINA
    Prima del Congresso nel Partito si discute di democrazia
    A pochi mesi dal 17° Congresso, si accrescono le spinte per le riforme politiche. Sullo sfondo vi è la lotta fra Hu e la cricca di Shanghai, ma anche i problemi della corruzione fra i membri del partito. La democrazia potrebbe aiutare a una riconciliazione con Taiwan.

    12/10/2007 CINA
    Il 17° Congresso: la “società armoniosa” tradita dal Partito
    Si prevedono pochi cambiamenti sostanziali mentre la corruzione dilaga fra i membri. Gli slogan di Hu Jintao sembrano parole vuote. La repressione di dissidenti, media e personalità religiose, unica strada per creare una situazione “di gioia e armonia”.

    10/10/2007 CINA
    Petizione per i diritti umani mentre Pechino di prepara ad un “armonico” Congresso
    Oltre 12 mila persone da tutta la Cina hanno inviato una lettera ai leder del Partito per chiedere democrazia e diritto di parola. Forti misure di sicurezza attorno al Comitato centrale frenano ed eliminano “fattori disarmonici” per creare un’atmosfera di “gioia e pace”.

    20/10/2007 CINA
    Hu Deping, compagno di Hu Jintao: Il Paese ha bisogno di un sistema politico democratico
    Il figlio dell’ex segretario del Pc Hu Yaobang, protesta per un Congresso dove i delegati si limitano a ripetere la linea ufficiale. Il padre è stato mentore del presidente Hu Jintao ma è caduto in disgrazia perché troppo “tollerante” verso le proteste studentesche del 1986.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®