31 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/10/2007
CINA
Le promesse di Hu Jintao al 17° Congresso
In un discorso durato più di 2 ore e mezza, il segretario generale del Pcc promette maggior ricchezza per tutti, meno inquinamento, più democrazia, meno corruzione. Un fatto nuovo: toni concilianti con Taiwan.

Pechino (AsiaNews) – Una lunga serie di promesse ha caratterizzato il discorso con cui Hu Jintao ha dato il via oggi al 17° Congresso del Partito comunista cinese (Pcc) nella Grande sala del popolo a Pechino. Nella sua prolusione di oltre 2 ore e mezza, il segretario generale del Pcc (e presidente della Repubblica) ha garantito che la Cina continuerà a crescere quadruplicando il Prodotto interno lordo pro capite entro il 2020. Ma tale crescita economica dovrà sottostare a una maggiore cura per l’ambiente e a una riduzione nel consumo delle risorse, riaffermando uno dei suoi slogan preferiti sullo “sviluppo scientifico”.

Nel discorso pieno di retorica comunista, Hu ha sottolineato che il Partito curerà di “mettere la gente al primo posto” e attuare una serie di riforme per diminuire l’abisso fra ricchi e poveri, potenziare la classe media, dare educazione gratuita ai contadini, così che tutta la popolazione potrà godere del diritto al lavoro,  alle cure mediche, alla pensione e alla casa. Le parole “riforme” e “aperture” sono state citate almeno 30 volte. Intanto all’esterno della sala la polizia arrestava e allontanava decine di persone che volevano presentare petizioni.

“Democrazia” è un’altra parola super-citata nel suo discorso: oltre 60 volte. Hu ha promesso di sviluppare la “democrazia del popolo” rafforzando “la democrazia all’interno del Partito” . Rendendo molte cariche elettive all’interno, si garantirà che “il popolo è il padrone” del Paese.

Hu ha pure promesso una decisa guerra contro la corruzione, ricordando che nel 2006 oltre 90 mila membri sono stati richiamati alla disciplina. Egli ha anche esortato tutto il Pcc a “ubbidire alla costituzione e alle leggi”, per non deludere “le aspettative della gente”.

Riferendosi a un altro dei suoi slogan, quello della “società armoniosa”, egli ne ha mostrato le radici nell’antica filosofia cinese e ha detto che la Cina può dare un contributo a costruire l’intero mondo in modo “armonioso”. In questo senso – egli ha precisato – la Cina “rigetta ogni forma di egemonia” e la modernizzazione dell’esercito ha carattere “di difesa nazionale”.

Hu ha usato toni nuovi e morbidi nel parlare di Taiwan. Egli ha condannato i tentativi di “indipendenza” dell’isola, ma ha spinto all’apertura di un dialogo: “Vogliamo fare un appello solenne: sulla base del principio di una-sola-Cina, cerchiamo di discutere e porre fine allo stato di ostilità fra i due lati [dello stretto] e giungere a un accordo di pace”.

Quasi a smorzare le voci di un conflitto fra la “cricca di Shanghai” e il gruppo dei fedeli a Hu, il Congresso ha votato Zeng Qinghong come segretario dei lavori. Zeng è un grande amico di Jiang Zemin, considerato un oppositore di Hu e il punto di riferimento della “cricca di Shanghai”. In uno sfoggio di apparente unità, nella Grande sala del popolo sono presenti le varie “anime” del Partito: Li Peng, il “macellaio di Tiananmen”, l’ex premier Zhu Rongji, l’ex presidente Jiang Zemin e perfino Qiao Shi, ex presidente dell’Assemblea nazionale del popolo, emarginato nel ’98 da Jiang e ridotto da tempo al silenzio. A dare un’immagine nuova del Partito vi sono anche rappresentanti dello sport e dell’imprenditoria, questi ultimi fra le persone più ricche del mondo.

Per la sicurezza del Congresso sono impiegati circa 800 mila persone. Per dare un’immagine di “apertura” alla comunità internazionale, il dipartimento della comunicazione permetterà agli oltre 1000 giornalisti stranieri di partecipare a riunioni e discussioni di 34 delle 38 delegazioni. Intanto però, ai giornali cinesi è proibito diffondere notizie “disarmoniche” su scandali, rivolte, disastri, questioni religiose, petizioni.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/05/2007 CINA
Prima del Congresso nel Partito si discute di democrazia
12/10/2007 CINA
Il 17° Congresso: la “società armoniosa” tradita dal Partito
di Bernardo Cervellera
20/10/2007 CINA
Hu Deping, compagno di Hu Jintao: Il Paese ha bisogno di un sistema politico democratico
16/10/2007 CINA
Storie di “ordinaria corruzione" a margine del Congresso del Pc
27/06/2007 CINA
Hu Jintao traccia le vie politiche del Partito, prima del Congresso

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate