25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/10/2007
CINA
Le promesse di Hu Jintao al 17° Congresso
In un discorso durato più di 2 ore e mezza, il segretario generale del Pcc promette maggior ricchezza per tutti, meno inquinamento, più democrazia, meno corruzione. Un fatto nuovo: toni concilianti con Taiwan.

Pechino (AsiaNews) – Una lunga serie di promesse ha caratterizzato il discorso con cui Hu Jintao ha dato il via oggi al 17° Congresso del Partito comunista cinese (Pcc) nella Grande sala del popolo a Pechino. Nella sua prolusione di oltre 2 ore e mezza, il segretario generale del Pcc (e presidente della Repubblica) ha garantito che la Cina continuerà a crescere quadruplicando il Prodotto interno lordo pro capite entro il 2020. Ma tale crescita economica dovrà sottostare a una maggiore cura per l’ambiente e a una riduzione nel consumo delle risorse, riaffermando uno dei suoi slogan preferiti sullo “sviluppo scientifico”.

Nel discorso pieno di retorica comunista, Hu ha sottolineato che il Partito curerà di “mettere la gente al primo posto” e attuare una serie di riforme per diminuire l’abisso fra ricchi e poveri, potenziare la classe media, dare educazione gratuita ai contadini, così che tutta la popolazione potrà godere del diritto al lavoro,  alle cure mediche, alla pensione e alla casa. Le parole “riforme” e “aperture” sono state citate almeno 30 volte. Intanto all’esterno della sala la polizia arrestava e allontanava decine di persone che volevano presentare petizioni.

“Democrazia” è un’altra parola super-citata nel suo discorso: oltre 60 volte. Hu ha promesso di sviluppare la “democrazia del popolo” rafforzando “la democrazia all’interno del Partito” . Rendendo molte cariche elettive all’interno, si garantirà che “il popolo è il padrone” del Paese.

Hu ha pure promesso una decisa guerra contro la corruzione, ricordando che nel 2006 oltre 90 mila membri sono stati richiamati alla disciplina. Egli ha anche esortato tutto il Pcc a “ubbidire alla costituzione e alle leggi”, per non deludere “le aspettative della gente”.

Riferendosi a un altro dei suoi slogan, quello della “società armoniosa”, egli ne ha mostrato le radici nell’antica filosofia cinese e ha detto che la Cina può dare un contributo a costruire l’intero mondo in modo “armonioso”. In questo senso – egli ha precisato – la Cina “rigetta ogni forma di egemonia” e la modernizzazione dell’esercito ha carattere “di difesa nazionale”.

Hu ha usato toni nuovi e morbidi nel parlare di Taiwan. Egli ha condannato i tentativi di “indipendenza” dell’isola, ma ha spinto all’apertura di un dialogo: “Vogliamo fare un appello solenne: sulla base del principio di una-sola-Cina, cerchiamo di discutere e porre fine allo stato di ostilità fra i due lati [dello stretto] e giungere a un accordo di pace”.

Quasi a smorzare le voci di un conflitto fra la “cricca di Shanghai” e il gruppo dei fedeli a Hu, il Congresso ha votato Zeng Qinghong come segretario dei lavori. Zeng è un grande amico di Jiang Zemin, considerato un oppositore di Hu e il punto di riferimento della “cricca di Shanghai”. In uno sfoggio di apparente unità, nella Grande sala del popolo sono presenti le varie “anime” del Partito: Li Peng, il “macellaio di Tiananmen”, l’ex premier Zhu Rongji, l’ex presidente Jiang Zemin e perfino Qiao Shi, ex presidente dell’Assemblea nazionale del popolo, emarginato nel ’98 da Jiang e ridotto da tempo al silenzio. A dare un’immagine nuova del Partito vi sono anche rappresentanti dello sport e dell’imprenditoria, questi ultimi fra le persone più ricche del mondo.

Per la sicurezza del Congresso sono impiegati circa 800 mila persone. Per dare un’immagine di “apertura” alla comunità internazionale, il dipartimento della comunicazione permetterà agli oltre 1000 giornalisti stranieri di partecipare a riunioni e discussioni di 34 delle 38 delegazioni. Intanto però, ai giornali cinesi è proibito diffondere notizie “disarmoniche” su scandali, rivolte, disastri, questioni religiose, petizioni.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/05/2007 CINA
Prima del Congresso nel Partito si discute di democrazia
12/10/2007 CINA
Il 17° Congresso: la “società armoniosa” tradita dal Partito
di Bernardo Cervellera
20/10/2007 CINA
Hu Deping, compagno di Hu Jintao: Il Paese ha bisogno di un sistema politico democratico
16/10/2007 CINA
Storie di “ordinaria corruzione" a margine del Congresso del Pc
27/06/2007 CINA
Hu Jintao traccia le vie politiche del Partito, prima del Congresso

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate