08/11/2005, 00.00
Israele – Vaticano
Invia ad un amico

Le relazioni fra Israele e il Vaticano hanno bisogno di un nuovo slancio

di Arieh Cohen

Si attende una svolta dalla visita del presidente Katzav in Vaticano a metà novembre.

Tel Aviv (AsiaNews) - Le Delegazioni della Santa Sede e dello Stato di Israele hanno tenuto lunedì 7 novembre una sessione di negoziato durata circa 4 ore. La riunione è durata meno del previsto, e si è conclusa senza alcun comunicato stampa. Lo stesso incontro era stato tenuto all'oscuro dalla stampa, rivelato però ad AsiaNews da attendibili fonti israeliane. 

I negoziati di cui le Delegazioni si sono occupate, hanno avuto inizio nel lontano 1999 e avrebbero per fine il riconoscimento definitivo da parte di Israele dei diritti in campo fiscale e di proprietà, acquisiti dalla Chiesa Cattolica nei secoli precedenti la creazione dello Stato di Israele (1948).

L'Accordo fondamentale tra la S. Sede e lo Stato di Israele (1993) prevedeva un accordo in questo senso già entro il 1996. Il notevole ritardo sembra pesare sempre più sui reciproci rapporti.

La necessità e l'urgenza di raggiungere questo accordo potrebbe essere al centro dell'annunciata visita in Vaticano di Moshe Katzav, Presidente dello Stato di Israele, atteso per la metà di questo mese a Roma. Nel mondo ecclesiale e in quello israeliano non manca chi spera che in tale occasione vi sia l'annuncio di una svolta nella politica di Israele che permetta in tempi brevi la conclusione del sospirato accordo.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ambasciatore israeliano: "cauto ottimismo" nei negoziati con il Vaticano
03/12/2004
Benedetto XVI, la chiarezza della fede, unità per i cattolici e base del dialogo con ebrei e islam
19/04/2005
Presto alla prova dei fatti le promesse di Katzav al Papa
18/11/2005
Tanta discrezione nell'incontro Israele – Vaticano
01/04/2005
Santa Sede – Israele, continuano i dialoghi su tasse e libertà dei Luoghi santi
29/10/2009