22 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 19/06/2017, 14.31

    GRAN BRETAGNA-ISLAM

    Leader cristiani, musulmani, ebrei, sikh condannano l’attacco ‘islamofobico’ a Finsbury Park



    La premier Theresa May parla di “attacco terrorista” e di “islamofobia” e promette tolleranza zero contro discorsi estremisti anche sul web. Le comunità musulmane chiedono più sicurezza con l’avvento della festa di Eid, alla fine di questa settimana. Il primate anglicano Justin Welby, il card. Vincent Nichols, il rabbino capo di Gran Bretagna Ephraim Mirvis  e la comunità sikh esprimono solidarietà verso i musulmani e invitano a non coltivare l’odio.

    Londra (AsiaNews) – Leader cristiani, ebrei, sikh condannano unanimi insieme ai musulmani l’attacco vicino alla moschea di Finsbury Park, che ha provocato la morte di un uomo e il ferimento di altre otto persone.

    Non si sa ancora nulla sull’identità dell’attentatore, che subito dopo la mezzanotte ha guidato un camioncino contro dei fedeli appena usciti dalla preghiera notturna dopo la fine del digiuno del Ramadan. Si sa ha 48 anni e che è un “uomo bianco”. La polizia afferma che egli ha agito da solo. Alcune testimonianze all’inizio parlavano di altri due presenti nel veicolo che sarebbero fuggiti. Secondo alcuni testimoni sulla scena il guidatore del veicolo, immobilizato e poi arrestato, ha detto: "Voglio uccidere tutti i musulmani". E a chi lo teneva fermo in attesa della polizia, ha anche domandatodi essere ucciso.

    Il Consiglio dei musulmani della Gran Bretagna, condannando l’attacco, lo ha definito come “motivato dall’islamofobia”. Nelle scorse settimane e mesi, dopo gli attacchi terroristi a Londra e a Manchester, rivendicati dallo Stato islamico, “i musulmani – afferma il segretario del Consiglio, Harun Khan – hanno sopportato molti incidenti di islamofobia, e questo [di oggi] è il più violento”.

    La comunità islamica chiede al governo di “accrescere la sicurezza attorno alle moschee con urgenza”, dato che questa è l’ultima settimana del Ramadan e nel weekend si celebrerà la festa di Eid al-Fitr.

    Di “islamofobia” ha parlato anche la premier Theresa May in una dichiarazione verso le 13 di oggi definendo “terroristico” il gesto di oggi, alla pari con diversi del passato. Ella ha anche promesso di usare tolleranza zero contro ogni discorso estremista e violento sia fra le persone che su internet.

    In effetti, soprattutto su internet crescono espressioni estremiste violente fra i musulmani radicali e fra occidentali intolleranti. Ma fra le comunità religiose si propaga rispetto e solidarietà.

    Nella mattinata si sono susseguite le dichiarazioni di partecipazione al dolore dei musulmani da parte di molti leader. Il primate anglicano Justin Welby in un tweet ha detto che “l’attacco alla moschea di Finsbury Park è ripugnante. Siamo solidali con i nostri amici musulmani e preghiamo per il defunto e per i feriti”.

    Il card. Vincent Nichols, arcivescovo cattolico di Westminster, si è detto “inorridito per il deliberato attacco su della gente che stava lasciando la preghiera notturna, alla fine della loro giornata di digiuno” e ha espresso “la nostra preghiera e sostegno alla leadership della moschea e al Centro musulmano del Welfare [che è vicino alla moschea – ndr]”.

    E ha aggiunto: “La violenza genera violenza. L’odio genera l’odio. Ognuno di noi deve ripudiare l’odio e la violenza in parole ed azioni. Dobbiamo essere tutti costruttori di comprensione, compassione e pace, giorno per giorno, nelle nostre case, al lavoro, e nelle nostre comunità. Questa è la sola strada”.

    Parole molto simili le ha espresso Ephraim Mirvis, rabbino capo della Gran Bretagna: “Spezza il cuore venire a sapere di un nuovo attacco mortale per le strade di Londra, questa volta con obbiettivo dei musulmani che erano stati a pregare. Questa è un’immagine dolorosa del perché non dobbiamo mai permettere che l’odio generi odio. Esso crea una spirale discendente di violenza e terrore con ulteriori morti e maggiore distruzione”.

    “Come sempre – ha aggiunto – i nostri pensieri e preghiere sono con coloro che sono stati colpiti. Davanti a questa tragedia, possa ognuno di noi decidere di rispondere con la stessa compassione e determinatezza per non essere divisi, ciò che ha caratterizzato la nostra società in questi mesi”.

    La Federazione dei Sikh in Gran Bretagna, attraverso il suo presidente, Bhai Amrik Singh, dopo aver espresso vicinanza ai colpiti, ha detto: “Gli incidenti degli ultimi tre mesi suggeriscono che abbiamo bisogno di un dialogo onesto e di un innalzamento fondamentale con cui il governo affronta ogni forma di odio e terrore”.

    “L’odio e il terrore – ha aggiunto - devono essere condannati in modo diretto prendendo di mira coloro che promuovono un’ideologia e una filosofia basata sull’odio e il terrore”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/06/2017 07:19:00 GRAN BRETAGNA-ISLAM
    ‘Potenziale attacco terrorista’ a Londra: un veicolo contro fedeli in uscita dalla moschea. Un morto e otto feriti


    05/09/2007 CINA – GRAN BRETAGNA – USA
    Dopo Berlino e Washington, gli hacker cinesi attaccano Londra
    Secondo il britannico Guardian, alcuni pirati informatici di Pechino avrebbero attaccato i terminali del Parlamento e del ministero degli Esteri. La Cina smentisce ed offre cooperazione contro i crimini su Internet.

    10/08/2006 Gran Bretagna – Medio Oriente
    Londra: sventato un piano terroristico contro 10 aerei

    Aumentata la sicurezza in tutti gli aeroporti britannici. Arrestate 21 persone. Si sospetta la mano di al-Qaeda



    16/05/2014 IRAQ - GRAN BRETAGNA
    Il "miracolo" di p. Ragheed Ganni, esempio e guida per la vita di mio figlio
    Un bambino appena nato che non respira, la preghiera accorata a un martire della violenza insensata che ha decimato i cristiani iracheni, un urlo che significa vita. La vita di p. Ragheed, ucciso a Mosul nel 2007 da terroristi islamici, raccontata dal giovane padre di un nuovo, piccolo Ragheed: il primo inglese con questo nome. Per gentile concessione dell'autore.

    19/09/2010 VATICANO-GRAN BRETAGNA
    Papa in Gran Bretagna: servono laici e insegnanti che sanno e mostrano ciò in cui credono
    Nel giorno della beatificazione del cardinale Newman, davanti a 70mila fedeli,Benedetto XVI ne ripete le parole sulla necessità di un laicato intelligente e preparato. La “vergogna e orrore” per “la spaventosa quantità di morte e distruzione che la guerra porta con sé” spinge a rinnovare l’impegno ad agire per la pace.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®