22 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/09/2017, 09.02

    SIRIA

    L’esercito siriano rompe l’assedio dell’Isis e Deir Ezzor



    Inferte numerose sconfitte alle milizie jihadiste. Per il governatore “entro poche ore” l’esercito entrerà in città. Parte della popolazione è già scesa in piazza per celebrare la sconfitta del “Califfato”. I civili sono riusciti a sopravvivere grazie agli aiuti (circa 300 lanci in un anno) inviati dal cielo. 

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - L’esercito governativo e le milizie alleate hanno impresso un’accelerata all’avanzata verso Deir Ezzor, enclave fedele al presidente siriano Bashar al-Assad sul fiume Eufrate nell’est del Paese, da anni sotto l’assedio dello Stato islamico (SI, ex Isis). Nei giorni scorsi i militari hanno sconfitto a più riprese i jihadisti, le cui difese sembrano essere crollate all’improvviso e in modo inaspettato. 

    Nelle scorse settimane l’esercito siriano, sostenuto dai raid aerei e dalle operazioni di terra delle forze russe, ha conquistato terreno su diversi fronti. Secondo quanto riferisce l’Osservatorio siriano per i diritti umani, Ong con base a Londra e una fitta rete di osservatori sul terreno, i soldati stanno lottando per riconquistare una base strategica (Brigata 137) alla periferia della città. 

    Mohammed Ibrahim Samra, governatore della provincia di Deir Ezzor, ha dichiarato in una intervista telefonica alla Reuters che “entro poche ore” l’esercito dovrebbe arrivare in città. Intanto parte della popolazione è già scesa per le strade (nella foto) per celebrare l’arrivo dei soldati e la possibile sconfitta dei jihadisti. 

    La provincia è ricca di petrolio e di gas naturali e i soldati dell’esercito hanno già ripreso il controllo  del giacimento petrolifero di Al-Kharata. Stime delle Nazioni Unite affermano che vi sono almeno 93mila persone nell’enclave governativa sotto assedio, che comprende gran parte della città, la base militare Brigata 137 e l’aeroporto. 

    Le milizie dell’Isis hanno controllato per anni gran parte della provincia e il suo capoluogo, Deir Ezzor. Le forze governative hanno ripreso il controllo di alcuni settori nel 2015, ma da allora sono stati oggetto di assedio da parte dei jihadisti. La popolazione civile è riuscita a sopravvivere grazie agli aiuti sganciati dal cielo dagli aerei governativi; solo nell’ultimo anno sono stati effettuati circa 300 lanci di cibo e generi di prima necessità. 

    Intensi combattimenti si stanno consumando anche in queste ore attorno alla città. Analisti ed esperti ritengono assai probabile la vittoria dei governativi entro i prossimi giorni, a dimostrazione dei crescenti successi militari di Assad sostenuto dai raid aerei russi e dalle milizie sciite (fra cui Hezbollah) sul terreno di battaglia. 

    In Siria, come nel vicino Iraq, lo Stato islamico perde porzioni sempre più ampie di territorio e anche la stessa roccaforte siriana, Raqqa, è finita nel mirino della coalizione internazionale a guida statunitense. La tv di Stato siriana riferisce che le truppe di Daesh [acronimo arabo per lo SI] sono sull’orlo del “collasso” di fronte all’avanzata governativa, che abbraccia ormai diversi fronti. (DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/04/2016 08:57:00 SIRIA
    Conflitto siriano, i ribelli strappano allo Stato islamico il controllo di al-Rai

    La cittadina del nord si torva lungo la direttrice che collega Siria e Turchia. Una rotta strategica per il passaggio di merci e rifornimenti. Un successo importante in vista della battaglia principale per il controllo di Aleppo. Alla periferia di Damasco i jihadisti attaccano una fabbrica e sequestrano 200 operai. 



    11/08/2017 11:27:00 SIRIA - IRAQ - ONU
    Onu: a dispetto delle sconfitte militari, lo Stato islamico resta una minaccia globale

    Il gruppo jihadista continua a “motivare e rendere possibili” attacchi in tutto il mondo e fornisce armi e risorse ai sostenitori. L’obiettivo è rafforzare la presenza internazionale, come mostrano gli attacchi in Europa e le violenze in Asia. Il problema dei minori radicalizzati che tornano nei Paesi di origine. 

     



    02/11/2015 SIRIA
    Lo Stato islamico avanza nella provincia di Homs, nel mirino una cittadina cristiana
    Nel fine settimana i miliziani hanno strappato all’esercito governativo il controllo di Maheen; una località strategica sede di un vasto complesso militare e di un deposito di armi. Ora l’obiettivo è Sadad, centro a maggioranza assiro, dove si parla ancora oggi l’aramaico antico. Fissati alcuni “punti importanti” nei colloqui di Vienna.

    06/05/2016 12:36:00 SIRIA
    Vescovo siriano: l’attacco al campo profughi di Idlib è anomalo. Ad Aleppo “violenza cieca”

    Mons. Abou Khazen invita alla cautela sull’attacco al centro per rifugiati al confine turco, in cui sono morte 28 persone. Ad Aleppo la gente “vive nel terrore”, in molti “hanno ripreso a scappare”. La tregua “infranta migliaia di volte”, si profila una “catastrofe umanitaria”. Caritas Siria lancia una campagna di raccolta sangue per i feriti di Aleppo. Stasera a Damasco si prega per la pace. 



    03/07/2015 SIRIA
    Aleppo, gli islamisti all'attacco per cacciare le truppe di Assad e introdurre la sharia
    Un’alleanza di forze ribelli, guidata da un gruppo affiliato ad al Qaeda, vuole conquistare la seconda città della Siria. Aleppo è un centro economico e industriale di enorme importanza strategica. Nell’attacco non sarebbero coinvolte le milizie dello Stato islamico. Finora quattro morti e 70 feriti fra i civili.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®