16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/05/2016, 10.50

    IRAQ

    Lo Stato islamico attacca il villaggio cristiano di Teleskuf, nella piana di Ninive



    Colpiti alcuni cristiani a guardia del villaggio; i feriti sono stati soccorsi negli ospedali della zona. Gli abitanti erano fuggiti nell’agosto 2014, con l’ascesa di Daesh. Da tempo il villaggio era tornato sotto il controllo dei Peshmerga e di volontari cristiani. Timori del patriarcato caldeo che teme una escalation di attacchi jihadisti e una nuova ondata di sfollati.

    Baghdad (AsiaNews) - Nelle prime ore di oggi le milizie dello Stato islamico (SI) hanno sferrato un pesante attacco contro Teleskuf, un villaggio cristiano nei pressi di Alqosh, nella piana di Ninive, causando gravi danni. La zona è a nord di Mosul, roccaforte in Iraq del gruppo jihadista che da due anni controlla la regione. Secondo quanto riferisce una nota del patriarcato caldeo inviata ad AsiaNews, nell’assalto sono rimasti coinvolti alcuni cristiani, che facevano la guardia agli ingressi del villaggio. I feriti sono stati subito trasportati negli ospedali della zona.

    Le comunità cristiane della piana di Ninive hanno abbandonato le loro case e i loro villaggi fra il giugno e l’agosto del 2014, in concomitanza con l’ascesa di Daesh [acronimo arabo per lo SI] nella regione. In particolare gli abitanti di Teleskuf sono fuggiti ad agosto, cercando rifugio a Erbil e in altre aree del Kurdistan irakeno. Qualche mese più tardi (verso la fine del 2014) i miliziani jihadisti sono indietreggiati abbandonando l’area, che è poi finita sotto il controllo dei Peshmerga [i combattenti curdi] i quali ne hanno scongiurato la distruzione. Da qualche tempo il controllo e la guardia dell’area è affidato a gruppi di cristiani, rimasti coinvolti oggi nell’attacco. 

    Fonti del patriarcato caldeo manifestano ad AsiaNews profonda preoccupazione “per la presenza dello Stato islamico nel villaggio” e per le distruzioni causate. Il timore è che gli scontri e le violenze si possano estendere ai villaggi vicini, costringendo i cristiani a fuggire di nuovo. A complicare il quadro la possibilità che “vi possano essere ancor più famiglie di sfollati” rispetto alle “molte che già ci sono” e che vanno sostenute e curate. “Facciamo affidamento alle persone di buona volontà - conclude la nota del patriarcato - perché si fermino questi atti di terrorismo”.

    La situazione in Iraq non sembra dunque migliorare e oggi anche i cristiani sono finiti nel mirino dei jihadisti del Califfato. Non più tardi di ieri il patriarca caldeo Mar Louis Raphael Sako aveva lanciato un durissimo monito contro la classe politica e istituzionale irakena, incapace di avviare un programma “condiviso” di rinascita del Paese. In precedenza l’ausiliare di Baghdad mons. Shlemon Warduni aveva affermato che l’Iraq ha raggiunto “il momento più basso” della sua storia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/05/2017 12:49:00 IRAQ
    Piana di Ninive, no del patriarcato caldeo all'enclave cristiana rilanciata da vescovi siri

    Un prelato siro-cattolico e due siro-ortodossi rilanciano l’idea di un’area protetta per i cristiani nel nord. E chiedono autonomia amministrativa e protezione internazionale. Una posizione che non rappresenta la linea del patriarca Sako. Dai caldei e dalla Chiesa irakena l’invito all’unità territoriale, contro la trappola dei ghetti.

     



    04/07/2017 12:03:00 IRAQ
    Patriarca di Baghdad: Il dopo-Isis. Il futuro di Ninive nelle mani dei locali

    In una nota condivisa con i vescovi irakeni mar Sako traccia le prospettive della piana dopo le devastazioni dello Stato islamico. Alle popolazioni indigene della regione il compito di ricostruire a livello politico, sociale e umano. L’impegno comune di cristiani e musulmani per la convivenza secondo i principi di cittadinanza e stato di diritto. Fine delle ingerenze esterne e straniere. 

     



    31/10/2016 08:59:00 IRAQ
    Qaraqosh, la prima messa nella cattedrale devastata dallo Stato islamico

    L’arcivescovo siro-cattolico ha visitato la più importante città cristiana d’Iraq, da poco strappata ai jihadisti. Qaraqosh porta le “cicatrici” dei combattimenti. Necessario sminare i terreni disseminati di ordigni prima di far tornare la popolazione. Prioritario ricostruire le infrastrutture. Per gentile concessione del L’Orient-LeJour. 

     



    22/07/2017 08:23:00 IRAQ
    Karamles, dopo l’Isis, torna la prima famiglia cristiana: “Alle spalle un peso portato a lungo”

    Labib Rammo, assieme alla moglie e i figli, ha lasciato l’esilio di Ankawa per rientrare nella propria casa e nella propria terra. Dopo tre anni “ci sentiamo davvero nel posto giusto”. La speranza di ritrovare una convivenza con i musulmani; la ricostruzione un “dovere”; le sofferenze hanno “rafforzato la fede”.



    29/10/2016 10:28:00 IRAQ
    La rinascita di Mosul dopo le distruzioni sistematiche dello Stato islamico

    Analisti, politici e leader religiosi affermano che Daesh non ha annientato l’anima multiculturale della città. Tuttavia, ci vorrà tempo perché essa torni un crocevia di etnie, culture e religioni. L’auspicio che siano i giovani a fare il loro ingresso, per primi, nella Mosul liberata. Dall’ascesa dei jihadisti nell’antica Ninive all’offensiva finale, il racconto di due anni di violenza e terrore.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®