26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/12/2015, 00.00

    IRAQ

    Lo Stato islamico contro il Natale, festa “eretica”. A Kirkuk profanati due cimiteri cristiani

    Joseph Mahmoud

    A Mosul i jihadisti hanno affisso cartelli in cui vietano ai musulmani di ricordare il Natale dei cristiani, bollati come “eretici”. A Kirkuk gruppi estremisti hanno fatto irruzione in due cimiteri, profanando tombe. Ma la comunità cristiana rivendica il diritto e il desiderio di celebrare la festa. Parlamentare cristiano denuncia la decimazione della comunità.

    Baghdad (AsiaNews) - Nuovi attacchi contro i cristiani e le feste del Natale nel nord dell’Iraq per mano di Daesh [acronimo arabo dello Stato islamico, SI] e altri gruppi estremisti. Fonti di AsiaNews nel nord del Paese riferiscono che i miliziani dell’Isis a Mosul hanno affisso dei cartelli in città, in cui ordinano ai musulmani “di non festeggiare” in alcun modo il Natale con i cristiani, perché “sono eretici”. A Kirkuk, invece, gruppi di estremisti islamici hanno fatto irruzione all’interno di due cimiteri cristiani, profanando e distruggendo diverse tombe. 

    I cristiani irakeni rispediscono al mittente gli attacchi di queste ultime ore e affermano di voler celebrare la festa, senza curarsi di minacce e intimidazioni. 

    Il patriarcato caldeo condanna i nuovi episodi di violenza e intimidazione ai danni della comunità cristiana irakena, e lo fa utilizzando le stesse parole contenute nel Corano e in cui si afferma che i cristiani non sono eretici e la Trinità è una espressione teologica della rivelazione dell’unico Dio. 

    Il libro sacro dei musulmani, spiegano i vertici della Chiesa caldea, descrive il Cristo come “portavoce della parola di Dio”. I cristiani non sono politeisti, né degli infedeli ed è per questo che il Corano afferma che “sono i più vicini a coloro che credono”. 

    Alcuni fedeli della capitale, interpellati da AsiaNews, invitano i musulmani a “occuparsi della loro fede” e “di lasciarci vivere e celebrare liberamente la nostra” come dice il Corano stesso che vieta “costruzioni” in tema di fede e afferma: “Io ho la mia religione e voi la vostra”. 

    Intanto il parlamentare cristiano Yonadam Kanna, presidente del gruppo Rafeedain, ha mostrato all’Assemblea un documento in cui emerge che oltre 700mila cristiani hanno lasciato il Paese a causa del conflitto e delle violenze negli ultimi 30 anni. Le migrazioni sono iniziate già negli ultimi anni del regime di Saddam Hussein ed è precipitato negli ultimi anni.

    La comparsa dello Stato islamico e l’esodo di centinaia di migliaia di persone da Mosul e dalla piana di Ninive nell’estate del 2014 sono l’ultimo di una serie di attacchi, con profanazione di chiese e luoghi di culto, violenze a singoli e gruppi, sradicamento e spossessamento di beni e proprietà. Dagli oltre 1,5 milioni del 2003 si è passati oggi a meno di 500mila. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/08/2015 IRAQ
    Mar Sako: ad un anno dalla tragedia di Mosul, solo unità e riconciliazione salveranno l’Iraq
    Nel primo anniversario del grande esodo dalla piana di Ninive, il patriarca caldeo invia una lettera appello al governo e al Parlamento. Egli denuncia le difficili condizioni in cui vivono ancora oggi cristiani e yazidi, e le migliaia di morti fra i musulmani. La pace unica risposta alla violenza dei gruppi estremisti che “sfruttano la religione”.

    05/08/2015 IRAQ
    Vescovo curdo: raid aerei turchi nuova minaccia per i cristiani fuggiti dallo Stato islamico
    Mons. Rabban al Qas, vescovo di Duhok, afferma che gli attacchi dei caccia di Ankara “cominciano a fare paura”. Le bombe provocano danni e vittime, i timori alimentano “il desiderio di fuga”. Intanto i profughi della piana di Ninive cercano di ricostruirsi una vita, con una casa e un lavoro. Nel fine settimana 50 bambini della diocesi riceveranno la prima comunione.

    03/08/2015 IRAQ
    Arcivescovo di Erbil: scuola, istruzione per salvare i cristiani dalla barbarie dello Stato islamico
    Ad un anno dall’invasione della piana di Ninive. mons. Bashar Warda racconta la situazione dei profughi cristiani. La regione curda è “sicura” ma “aspettiamo la liberazione” delle nostre terre. Alloggi, strutture sanitarie, scuole le priorità. L’istruzione e l’alfabetizzazione dei ragazzi la risposta alle violenze jihadiste, per il futuro dei cristiani in Iraq.

    02/02/2015 IRAQ
    Patriarca di Baghdad: "Non parole ma gesti concreti contro il terrorismo". A gennaio oltre 1300 morti
    Intervenendo alla settimana (governativa) per l’Armonia fra religioni, Mar Sako chiede di bloccare le risorse finanziare del terrorismo e smantellare la cultura della violenza: "Basta sfruttare la religione per finalità criminali". Ma a Mosul lo Stato islamico vende al mercato i beni rubati ai cristiani. E solo nel mese scorso ci sono state quasi 800 vittime civili.

    11/05/2016 13:33:00 IRAQ
    Patriarcato caldeo: a Mosul non ci sono famiglie cristiane, voci false sul pagamento della tassa

    Nel “Califfato” vi sarebbero “alcune” famiglie cristiane, costrette a pagare la a jizya ai miliziani jihadisti. Chiesa irakena: a Mosul solo “alcuni prigionieri” e disabili che non sono riusciti a fuggire. Attentato jihadista a Baghdad: decine di morti nello scoppio di una autobomba in un mercato. 





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®