27 Gennaio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/07/2006
india
Madhya Pradesh, è ancora più dura la nuova legge anti-conversione

L'Assemblea statale ha approvato ieri – con voto espresso a voce e senza dibattito in aula – il decreto che rafforza la legge anti-conversione. Proteste dell'Associazione cristiana.  



Delhi (AsiaNews) – L'Assemblea dello Stato centro-settentrionale del Madhya Pradesh ha approvato ieri un controverso decreto che rende ancora più dura la Legge anti-conversione statale, in vigore dal 1968, che "previene le conversioni ottenute con la forza o con la frode". Secondo il nuovo decreto, sarà obbligatorio per chi si vuole convertire avvertire delle sue intenzioni il magistrato distrettuale tramite una dichiarazione, che deve avvenire almeno un mese prima la cerimonia: in caso contrario, sono previste multe fino a mille rupie e la galera.

Allo stesso modo, il religioso che non informa le autorità della sua intenzione di officiare la cerimonia di conversione rischia fino a 5 mila rupie di multa ed un anno di galera. Per quest'ultimo è previsto anche l'obbligo di fornire nome ed indirizzo del convertito, oltre alla data in cui intende celebrare la cerimonia.

Dopo questa prima fase, il decreto prevede che la pubblica sicurezza "si informi e verifichi le credenziali del religioso e della sua organizzazione, oltre a dover certificare che la conversione non è stata ottenuta con la forza o con la frode".

Gli emendamenti alla legge sono stati approvati tramite voto espresso a voce e senza alcun dibattimento in aula: i deputati del Congress, che nello Stato sono all'opposizione, si sono scagliati inutilmente contro il testo e contro le modalità d'approvazione.

Secondo i leader cristiani, la nuova legge "dà una nuova arma a coloro che vivono per molestare i nostri missionari". "I cristiani – dice Indira Iyengar, presidente dell'Associazione cristiana – vengono spesso coinvolti in casi di conversione forzata costruiti ad arte. Solo quest'anno abbiamo dovuto affrontare più di 24 attacchi da parte di estremisti nazionalisti, che con la falsa accusa di proselitismo ci hanno più volte molestato". (NC)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/07/2014 INDIA
Madhya Pradesh: "incoraggiati" dal governo, radicali indù perseguitano i cristiani
di Nirmala Carvalho
26/07/2006 INDIA
Card. Toppo: "La Chiesa indiana prega anche per chi la minaccia"
di Nirmala Carvalho
29/03/2011 INDIA
Orissa, arrestati 12 tribali convertiti al cristianesimo senza il permesso delle autorità
di Nirmala Carvalho
15/01/2007 INDIA
Leader musulmano difende i cristiani dell’Himachal Pradesh
di Nirmala Carvalho
10/01/2007 INDIA
Militanti indù bloccano con la forza un presunto “matrimonio misto”

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate