7 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/07/2006
india
Madhya Pradesh, è ancora più dura la nuova legge anti-conversione

L'Assemblea statale ha approvato ieri – con voto espresso a voce e senza dibattito in aula – il decreto che rafforza la legge anti-conversione. Proteste dell'Associazione cristiana.  



Delhi (AsiaNews) – L'Assemblea dello Stato centro-settentrionale del Madhya Pradesh ha approvato ieri un controverso decreto che rende ancora più dura la Legge anti-conversione statale, in vigore dal 1968, che "previene le conversioni ottenute con la forza o con la frode". Secondo il nuovo decreto, sarà obbligatorio per chi si vuole convertire avvertire delle sue intenzioni il magistrato distrettuale tramite una dichiarazione, che deve avvenire almeno un mese prima la cerimonia: in caso contrario, sono previste multe fino a mille rupie e la galera.

Allo stesso modo, il religioso che non informa le autorità della sua intenzione di officiare la cerimonia di conversione rischia fino a 5 mila rupie di multa ed un anno di galera. Per quest'ultimo è previsto anche l'obbligo di fornire nome ed indirizzo del convertito, oltre alla data in cui intende celebrare la cerimonia.

Dopo questa prima fase, il decreto prevede che la pubblica sicurezza "si informi e verifichi le credenziali del religioso e della sua organizzazione, oltre a dover certificare che la conversione non è stata ottenuta con la forza o con la frode".

Gli emendamenti alla legge sono stati approvati tramite voto espresso a voce e senza alcun dibattimento in aula: i deputati del Congress, che nello Stato sono all'opposizione, si sono scagliati inutilmente contro il testo e contro le modalità d'approvazione.

Secondo i leader cristiani, la nuova legge "dà una nuova arma a coloro che vivono per molestare i nostri missionari". "I cristiani – dice Indira Iyengar, presidente dell'Associazione cristiana – vengono spesso coinvolti in casi di conversione forzata costruiti ad arte. Solo quest'anno abbiamo dovuto affrontare più di 24 attacchi da parte di estremisti nazionalisti, che con la falsa accusa di proselitismo ci hanno più volte molestato". (NC)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/07/2014 INDIA
Madhya Pradesh: "incoraggiati" dal governo, radicali indù perseguitano i cristiani
di Nirmala Carvalho
26/07/2006 INDIA
Card. Toppo: "La Chiesa indiana prega anche per chi la minaccia"
di Nirmala Carvalho
29/03/2011 INDIA
Orissa, arrestati 12 tribali convertiti al cristianesimo senza il permesso delle autorità
di Nirmala Carvalho
15/01/2007 INDIA
Leader musulmano difende i cristiani dell’Himachal Pradesh
di Nirmala Carvalho
10/01/2007 INDIA
Militanti indù bloccano con la forza un presunto “matrimonio misto”

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate