29 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/01/2016, 00.00

    ASIA

    Manila, Tokyo e Hanoi preoccupate per il test cinese sulle isole Spratly



    Nei giorni scorsi Pechino ha fatto atterrare un velivolo civile su una pista costruita su un atollo artificiale nel mar Cinese meridionale. Immediata la protesta del governo filippino. Il Giappone esprime “grave preoccupazione” per il “cambio unilaterale” dello status quo. Le Filippine pensano a una protesta ufficiale.

    Manila (AsiaNews/Agenzie) - Dopo il Vietnam, Filippine e Giappone sono intervenute oggi con una nota ufficiale di condanna in seguito alla decisione di Pechino di “testare” una pista di atterraggio costruita in una delle isole contese nel mar Cinese meridionale. Sulla vicenda Tokyo esprime “grave preoccupazione” per “l’atto compiuto dalla Cina”, il quale rappresenta “un cambio unilaterale dello status quo” nella regione e un tentativo di far diventare “un fatto compiuto” l’opera di bonifica intrapresa. Sempre oggi si registra la dichiarazione del governo filippino, che intende seguire la direzione intrapresa dal Vietnam e presentare una protesta ufficiale. 

    Di recente Pechino ha completato la realizzazione di una pista in un atollo artificiale delle isole Spratly, nel mar Cinese meridionale, in una zona da tempo al centro di un’aspra controversia economica e territoriale con i Paesi della regione. Nei giorni scorsi il governo cinese ha effettuato un test ufficiale della pista, facendo atterrare un proprio velivolo nella zona. 

    Il Vietnam è stato il primo governo a condannare l’azione, sottolineando che esso viola la sovranità nazionale di Hanoi e ha chiesto al contempo alla Cina di interrompere azioni di questo tipo. In risposta, Pechino ha respinto al mittente le proteste di Hanoi e appare destinata a fare la stessa cosa con le dichiarazioni di queste ore di Manila e Tokyo. 

    Il 2 gennaio scorso Hua Chunying, portavoce del ministero cinese degli Esteri, ha parlato di un “velivolo civile” atterrato sull’isola ("Yongshu Jiao" secondo Pechino) per verificare se la nuova pista realizzata “in territorio cinese” risponde agli standard civili della sicurezza. Le tensioni sono cresciute negli ultimi due anni, con la Cina che ha trasformato gli atolli contesi nelle Spratly in isole che, secondo i governi della regione, Pechino vuole usare per scopi militari. 

    I recenti sviluppi nel mar Cinese meridionale preoccupano diverse cancellerie del continente, compreso il governo giapponese che ha già aperto un contenzioso con Pechino nel mar Cinese orientale sul controllo delle isole Senkaku/Diaoyu. Il Pese del Sol Levante dichiara di “non accettare” una escalation della tensione della regione e intende “cooperare con le altre nazioni” per garantire “la libertà nei mari”. 

    Sempre in queste ore arriva una nota da parte del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, che si unisce alle nazioni dell’Asia-Pacifico esprimendo “preoccupazione” per il test cinese, che è destinato ad acuire la tensione nella regione. 

    Il governo cinese rivendica una fetta consistente di oceano, che comprende le Spratly e le Paracel, isole contese da Vietnam, Taiwan, Filippine, Brunei e Malaysia (quasi l'85% dei territori), e ha avviato la costruzione di una serie di isole artificiali, con impianti militari. In risposta Hanoi e Manila - che per prima ha promosso una vertenza internazionale al tribunale Onu - hanno rinsaldato i legami bilaterali e cercano da tempo di contrapporre un fronte comune. 

    A sostenere i Paesi del Sud-Est asiatico vi sono anche gli Stati Uniti, che hanno giudicato “illegale” e "irrazionale" la cosiddetta “lingua di bue” usata da Pechino per marcare il territorio, fino a comprenderne quasi l'80% dei 3,5 milioni di kmq.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/07/2013 FILIPPINE – VIETNAM
    Mar Cinese meridionale: Manila e Hanoi alleate contro l'egemonia di Pechino
    Nella capitale filippina incontro a livello di ministri degli Esteri. Al centro dei colloqui le dispute territoriali con Pechino, oltre che investimenti nel settore agricolo e nella cooperazione bilaterale. Cresce l’interesse (e la presenza) di Stati Uniti e Giappone nella regione.

    16/10/2015 CINA - ASEAN
    Mar Cinese meridionale: Pechino chiede “pace e stabilità” all’Asean, ma crescono le tensioni
    In corso a Pechino un vertice (a porte chiuse) fra ministri della Difesa di Cina e dei Paesi del Sud-est asiatico. Il ministro cinese chiede di “rafforzare la cooperazione militare”. E accusa “forze esterne” alla regione di fomentare le divisioni. Ma per Hanoi la politica di Pechino è sempre più “aggressiva e brutale” e denuncia l’affondamento di un peschereccio.

    23/02/2013 ASIA - CINA
    Corsa agli armamenti nel Sud-est asiatico, per contrastare "l'imperialismo" cinese
    Vietnam, Filippine e Indonesia in prima fila nell'acquisto di armi. Per gli esperti la regione è considerata un mercato in espansione. L'obiettivo non è sfidare Pechino sul piano militare, ma costituire un "deterrente" strategico. Salgono le richieste di caccia, sottomarini e batterie di missili.

    06/08/2013 VIETNAM – CINA
    Mar Cinese meridionale: l’imperialismo di Pechino preoccupa i vietnamiti
    Continua la politica espansionista del governo cinese nell’area. Scaduto il bando alla pesca, oltre 9mila imbarcazioni pronte a sconfinare nelle acque di Hanoi. Attivisti, economisti ed esperti contro l’accordo fra i vertici dei due Partiti comunisti, che rischia di minare l’integrità del Vietnam. Allarme anche fra i Paesi Asean: Pechino vuole l’80% dei territori.

    05/06/2015 ASIA
    Crociere "per patrioti" e basi aeree congiunte, si rinsalda l’alleanza anti-Pechino nel mar Cinese meridionale
    Il governo vietnamita lancia una "crociera per patrioti", che prevede la circumnavigazione di isole contese con Pechino. Al prezzo di 800 dollari sarà possibile visitare le le Spratly ed effettuare una pesca notturna. Intanto le Filippine aprono al Giappone per l’uso delle basi militari. Tokyo potrebbe così contribuire al compito di pattugliamento dei mari in chiave anti-cinese.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®