18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/11/2017, 11.22

    FILIPPINE

    Manila, una suora contro la tratta di persone

    Santosh Digal

    La tratta di persone è un business dai grandi profitti, che coinvolge una vasta rete di associazioni criminali organizzate. Le donne ed i bambini delle comunità indigene e delle aree remote sono i più vulnerabili. L’esperienza della Visayan Forum Foundation e l’impegno di suor Cecil Espenilla contro il fenomeno.

    Manila (AsiaNews) – Suor Cecil Espenilla (foto), religiosa domenicana di santa Caterina da Siena, da diversi anni dedica la sua missione alle vittime della tratta di persone e della schiavitù moderna nelle Filippine. “Affinché ciò sia possibile, sono necessari programmi di sensibilizzazione dell'opinione pubblica, attraverso istruzione e campagne con i governi locali, organizzazioni religiose, gruppi della società civile, congregazioni religiose e diocesi, istituti di formazione pubblici e privati, movimenti delle donne”.

    La Visayan Forum Foundation (Vff), con sede a Manila, è una casa rifugio per donne sopravvissute alla tratta. Questo è uno dei tanti centri che collaborano con suor Cecil, dove la religiosa conduce con regolarità programmi di formazione. Crizel, una delle ragazze ospitate nella struttura, è arrivata a Manila accompagnata da un conoscente, con la promessa di un impiego come collaboratrice domestica. La giovane è stata invece venduta come prostituta. Con l’aiuto di alcune persone locali e della polizia, Vff ha salvato Crizel, che ora sta frequentando il programma di riabilitazione e di formazione professionale.

    “Grazie a Dio, Vff mi ha salvato prima che fosse troppo tardi. Ho trovato una nuova alba nella mia vita”, dichiara la ragazza ad AsiaNews. “Ho scoperto in me stessa una rinnovata forza e bellezza, il mio valore e la mia dignità – aggiunge – Questa è una casa per andare avanti con speranza, coraggio e convinzione”. “I leader religiosi, gli operatori sociali, i funzionari del governo, la polizia ed il pubblico devono rimanere vigili e combattere il traffico di esseri umani, nel Paese ed ovunque. L’obiettivo deve essere la tolleranza zero”, suggerisce Crizel.

    “Dobbiamo alzare la voce contro la schiavitù moderna ed il traffico di esseri umani – ribadisce suor Cecil – La dignità della persona umana è la ragione del nostro impegno contro tutto ciò. Siamo tutti creature di Dio. Dobbiamo rispettarci l'un l'altro. La vita umana è sacra. La dignità dell’essere umano è il fondamento di una visione morale della società”.

    La tratta di persone è un business dai grandi profitti, che coinvolge una vasta rete di associazioni criminali organizzate. L’augurio di suor Cecil è che la giustizia non abbandoni le vittime della tratta; che i sopravvissuti possano avere il coraggio di portare a termine lunghi e traumatizzanti processi; che avvocati e giudici non cedano alla tentazione di accettare tangenti per proteggere ed assolvere i trafficanti; che i trafficanti e le organizzazioni criminali si convertano e diventino contrari alla schiavitù.

    La religiosa sta attraversando il Paese al fine di mobilitare e coinvolgere la società civile, le autorità e gli organismi religiosi nella sua crociata contro traffico di esseri umani. Negli ultimi mesi, suor Cecil ha condotto programmi di formazione e di sensibilizzazione contro la tratta di persone nelle diocesi di Bukidnon, Zamboanga, Samar, Masbate, Butuan e Novaliches. “Questa lotta ha bisogno di una risposta globale. Non si può condurre da soli. Deve essere uno sforzo collettivo”, osserva la suora. Lei e gli operatori di diverse case rifugio sono impegnati nel recupero, la riabilitazione ed il reinserimento dei sopravvissuti al traffico di esseri umani fornendo loro assistenza psicosociale e spirituale, formazione professionale e formazione umana.

    Tra il primo aprile ed il 31 dicembre 2016, le autorità filippine hanno condotto 553 indagini per casi di tratta di persone, incluse 109 operazioni di sorveglianza. Tuttavia, le organizzazioni non governative affermano che i numero potrebbero essere più alti. Il lavoro forzato ed il mercato del sesso sono un grave problema nelle Filippine. Le donne ed i bambini delle comunità indigene e delle aree remote del Paese sono le categorie più vulnerabili. Il traffico di esseri umani assume forme diverse, come la sottomissione alla servitù domestica, all'agricoltura forzata, al lavoro in piccole fabbriche e alla prostituzione in località come Manila, Cebu, Luzon e Mindanao. Lo sfruttamento della prostituzione, anche minorile, è diffuso nelle zone turistiche come Boracay, Angeles City, Olongapo, Puerto Galera e Surigao, dove vi è una forte domanda.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/05/2009 FILIPPINE
    Filippine: quattro milioni di schiavi-bambini, sfruttati per sesso o lavoro
    Vengono impiegati nel settore della pesca, agricolo, nelle miniere o nelle abitazioni, come collaboratori domestici per 12 euro al mese. Più di 100mila minori vittime del racket della prostituzione. La Chiesa cattolica chiede misure efficaci al governo per combattere lo sfruttamento.

    30/10/2017 16:06:00 FILIPPINE
    Manila, donne cattoliche unite contro l’aborto

    La Casa di maternità e asilo nido “Grace to be born” funge sia da rifugio per le madri che da orfanotrofio. Speranza, cibo, assistenza e nutrimento spirituale offerti per tutta la durata della gravidanza. Il programma ha già aiutato più di 263 mamme e sottratto 221 bambini all’aborto. Circa mille filippine muoiono ogni anno per le complicazioni dell'interruzione di gravidanza.



    24/06/2016 11:30:00 FILIPPINE
    La tratta di esseri umani “è il più crudele dei crimini. Ma non va punito con il patibolo”

    Il presidente della Commissione episcopale filippina per i migranti e gli itineranti, mons. Ruperto Santos, risponde al nuovo governo che vuole includere il traffico di uomini nella lista dei reati punibili con la morte. Il traffico “è un atto barbarico che viola la natura stessa dell’uomo. Ma lo si combatte con indagini serie e punizioni severe, fino all’ergastolo. Nessun uomo può uccidere un altro uomo in nome della legge”.



    14/11/2017 14:48:00 FILIPPINE
    Manila, l’impegno dell’Asean per la tutela dei lavoratori migranti

    Trattamento equo, diritti familiari e documenti al centro di un accordo siglato. Mons. Ruperto Cruz Santos: “Iniziativa amorevole ed utile”. L’intesa “fulcro” della presidenza filippina al blocco Asean. Malesia, Singapore e Thailandia i centri migratori con 6,5 milioni di immigrati, il 96% del totale. Nel 2015, circa 52,8 miliardi di euro inviati dai lavoratori verso i Paesi di appartenenza.



    10/11/2017 14:25:00 FILIPPINE
    Giovani cattolici: la Chiesa a sostegno della gioventù filippina

    Il Paese affronta numerosi problemi sociali, dal traffico umano fino alle gravidanze adolescenziali. In questo contesto, i giovani cercano la guida della Chiesa. I programmi per formare la spiritualità e la loro fede.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®