31 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/06/2012
INDIA
Manmohan Singh: Nuove infrastrutture, per rilanciare l’economia dell’India
Autostrade, porti e aeroporti, per un investimento complessivo di 1000 miliardi di dollari, spalmato su cinque anni. Il primo ministro spera di attirare nuovi investimenti e riconquistare consensi. Le prossime elezioni generali sono previste per il 2014.

Mumbai (AsiaNews/Agenzie) - L'India realizzerà autostrade, porti, aeroporti e altre nuove infrastrutture, per far ripartire l'economia del Paese. Questa la proposta del primo ministro Manmohan Singh, che ha dichiarato: "In tempi così difficili, dobbiamo fare tutto il possibile per ridare vita a investimenti e affari, pubblici e privati". Dopo anni di grande espansione economica, il 2012 è iniziato in salita per il Paese: il tasso di crescita è stato il più lento degli ultimi 10 anni, a cause di un forte deficit commerciale e scarsi investimenti. I lavori dovrebbero partire entro al chiusura di questo anno fiscale (2012/2013), ed essere completati nei prossimi cinque anni. Il costo complessivo è stimato intorno a 1000 miliardi di dollari.

Tra i progetti presentati da Sing vi sono: 9.500 km di strade; tre nuovi aeroporti a Navi Mumbai, Goa e Kannur; almeno tre o quattro di cinque aeroporti - Lucknow, Varanasi, Coimbatore, Trichy e Gaya - saranno ristrutturati in linea con standard internazionali; due nuovi snodi per l'aviazione militare; due nuovi porti in Andhra Pradesh e West Bengal.

Il progetto è imponente, e per questo il premier ha richiamato il governo alla compattezza: "La sfida è quella di lavorare insieme per raggiungere questi obiettivi. Voglio esortare tutti i ministri a collaborare e risolvere in fretta eventuali differenze o ostilità che potrebbero sorgere strada facendo".

Singh sta attraversando uno dei periodi più difficili dal 2004, anno d'inizio del suo mandato come primo ministro. Stretto tra deficit commerciale, inflazione elevata, deprezzamento della rupia e la lunga serie di scandali legati alla corruzione, il governo deve reagire alla crisi economica e sociale che il Paese sta attraversando. Con il lancio di questi progetti, la speranza è di attrarre nuovi investimenti, per riguadagnare consensi prima delle prossime elezioni generali, previste per il 2014. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/03/2015 INDIA
India, bilancio 2015/2016: Stimoli alla crescita, ma sulle spalle dei bambini
di Nirmala Carvalho
30/11/2010 INDIA
L’economia indiana vola a +8,9% nel 3° trimestre
17/04/2012 INDIA
Per favorire la crescita economica l’India taglia i tassi d’interesse
07/07/2009 INDIA
Bilancio indiano: far crescere il Paese e sostenere i poveri
di CT Nilesh
20/03/2012 INDIA
Il rallentamento dell’economia indiana: a rischio il futuro dei giovani
di CT Nilesh

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate