31 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 01/08/2012, 00.00

    CINA – ASIA

    Mar Cinese meridionale: Pechino nega atti “ostili”, ma prosegue la politica di espansione



    Per i vertici militari le decisioni servono solo a “tutelare gli interessi nazionali” e a perseguire “diritti legittimi”. E rilanciano la proposta di accordi bilaterali e soluzioni amichevoli. Tuttavia, nei fatti ostacolano i progetti economici dei Paesi vicini e lanciano critiche al governo giapponese per le rivendicazioni territoriali nel mar Cinese orientale.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - L'esercito cinese nega un atteggiamento "ostile" nell'affrontare le dispute territoriali nella regione Asia-Pacifico e spiega che le recenti mosse dei vertici politici e militari a Pechino - fra cui la creazione di una guarnigione militare a Sansha - sono volte a "tutelare gli interesse nazionali" nel mar Cinese meridionale. In una conferenza stampa dedicata alla strategie di difesa, in vista dell'85mo anniversario dalla fondazione del People's Liberation Army (Pla), i vertici spiegano che la Cina intende mantenere legami "amichevoli" con le altre nazioni e rilanciano la proposta di "colloqui bilaterali" nella risoluzione dei problemi. Una prospettiva invisa a Filippine e Vietnam, due fra le nazioni dell'area che contendono a Pechino porzioni di oceano, le quali propendono per un accordo complessivo e vincolante per tutti i Paesi. Intanto l'esercito cinese ha promosso ai vertici un alto ufficiale favorevole alle riforme democratiche; una mossa, secondo gli esperti, per mostrare al mondo una immagine "soft" e dialogica.

    Geng Yansheng, colonnello e portavoce del ministero cinese per la Difesa nazionale, sottolinea che è sbagliato confondere "i diritti legittimi" di Pechino, con presunte politiche espansioniste o "attività ostili" verso altri Paesi. Il militare aggiunge che le recenti mosse nel mar Cinese meridionale, fra cui l'inaugurazione di presidio nelle Paracel (cfr. AsiaNews 23/07/2012 Pechino crea una guarnigione militare per controllare il mar Cinese meridionale), è una mossa che va nella direzione di "salvaguardare la sovranità della Cina, l'integrità territoriale, i diritti e gli interessi marittimi" ma "non sono mirate a colpire altre nazioni o partiti". E anche la corsa agli armamenti dell'esercito è solo una spinta alla "modernizzazione", nonostante il livello resti "di gran lunga inferiore" rispetto ad altre realtà fra cui gli Stati Uniti.

    Al contempo, Pechino non risparmia critiche all'annuale rapporto sulla difesa del governo giapponese. La Cina definisce "sbagliate e irresponsabili" le rivendicazioni territoriali di Tokyo nel mar Cinese orientale e la definizione di "minaccia" associata alla crescita militare promossa da Pechino. Nel rapporto del governo nipponico emerge anche una "crescente complessità" nei rapporti fra leadership comunista e vertici dell'esercito cinese, che in futuro "influenzerà" sempre più la politica estera. Per i media di Stato cinesi l'analisi di Tokyo è "errata" e finirà per "mettere in crisi" i rapporti bilaterali.

    Intanto si è rivelata un mezzo flop l'asta indetta nei giorni scorsi dal governo filippino per l'esplorazione di tre aree ricche di petrolio e gas naturale nel mar Cinese meridionale, che Manila chiama mare Filippino occidentale. Finora l'esecutivo del presidente Benigno Aquino ha accettato le offerte di quattro compagnie e, a dispetto delle attese, solo sei si sono presentate alla gara su 38 che avevano fatto richiesta in precedenza. Jose Layug, sottosegretario filippino all'Energia, nega che le tensioni "abbiano avuto un impatto negativo sui nostri sforzi". Tuttavia, valgono su tutti le parole di Gordon Kwan, capo del gigante per la ricerca energetica con base a Hong Kong Mirae Asset Securitis: "nessuno può permettersi di irritare i cinesi e restare ai margini del [loro] mercato". All'asta hanno partecipato solo le imprese che "non hanno alcuna speranza [di fare affari] in Cina".

    Le isole Spratly e Paracel, comprese nell'arcipelago nel mar Cinese meridionale, potenzialmente ricco di giacimenti petroliferi sottomarini, sono conteso da Cina, Vietnam, Brunei, Taiwan, Filippine e Malaysia. Manila e Hanoi accusano Pechino di una politica aggressiva e "imperialista" (cfr. AsiaNews 04/07/2012 Pechino contro tutti. La Cina sempre più dura in politica estera), che nelle scorse settimane ha causato scontri fra pescherecci dei tre Paesi. La tensione fra Manila e Pechino si è innalzata lo scorso aprile quando navi pattuglia cinesi hanno bloccato - al largo delle Scarborough Shoal - imbarcazioni della marina filippina, mentre stavano per arrestare pescherecci cinesi che avevano sconfinato. Le mire egemoniche di Pechino preoccupano anche gli Stati Uniti che hanno accresciuto la loro presenza navale nel Pacifico.

    Tuttavia la Cina sembra voler mostrare una immagine "soft" al mondo esterno e in questa prospettiva, secondo gli analisti, si può inquadrare la recente promozione di Liu Yazhou da tenente generale a ufficiale generale. La leadership di Pechino sembra quindi voler sfoggiare "apertura mentale" e disposizione al dialogo nei confronti della comunità internazionale. Liu. 60 anni, considerato un sostenitore del processo democratico sin dai primi anni '80, ha più volte avvertito in passato la necessità di sposare uno stile "democratico sullo stile degli Stati Uniti" per poter sopravvivere; in caso contrario, spiega l'alto ufficiale, la nazione è destinata a "collassare come l'Unione Sovietica".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/07/2012 FILIPPINE – CINA
    Mar Cinese meridionale: Manila mette all'asta tre aree contese da Pechino
    L’area contesa è al largo dell’isola occidentale di Palawan. Per il governo filippino la zona, ricca di gas naturali, si trova all’interno del territorio nazionale. Sottosegretario all’energia: “diritti non negoziabili”. All’asta prevista la partecipazione di compagnie locali e straniere, fra cui Total, Eni e Shell.

    04/09/2012 VIETNAM – CINA
    Mar Cinese meridionale nei colloqui strategici fra Hanoi e Pechino
    Ieri nella capitale vietnamita riunione fra alti funzionari di Cina e Vietnam. Fra gli obiettivi, il rafforzamento del dialogo bilaterale e della cooperazione. Il lavoro della diplomazia di Pechino per rendere sicura la regione Asia-Pacifico. Ma un esperto avverte: non al prezzo della sovranità e dell’integrità territoriale. Clinton chiede “unità” ai Paesi Asean.

    06/08/2012 CINA – STATI UNITI – VIETNAM
    Mar Cinese meridionale: è guerra – di parole – fra Pechino e Washington
    Pechino convoca il numero due dell’ambasciata Usa e accusa: gli Stati Uniti “manipolano” i fatti e “si immischiano” nelle vicende interne cinesi. Nei giorni scorsi il governo americano aveva criticato la decisione di creare una guarnigione militare nelle Paracel. Hanoi arresta 50 manifestanti, in piazza contro “l’imperialismo” cinese.

    05/09/2012 CINA – STATI UNITI
    Hillary Clinton a Pechino, per placare le tensioni nel mar Cinese meridionale
    Il segretario di Stato Usa ha incontrato il presidente Hu Jintao. Al centro dei colloqui le dispute sui confini nella regione Asia-Pacifico. Cancellato all’ultimo il faccia a faccia con il futuro leader Xi Jinping. I media cinesi attaccano Washington, accusata di “seminare discordia”. Tra gli altri argomenti di discussione la Siria e il nucleare iraniano e nord-coreano.

    09/01/2014 CINA - FILIPPINE - VIETNAM
    Pechino accelera i programmi di "polizia e controllo" sul mar Cinese meridionale
    Il governo cinese vuole rafforzare il dominio sulla regione imponendo a pescherecci o navi straniere un permesso di transito. Una norma difficile da applicare, ma che rivela gli obiettivi di Pechino. Manila chiede “chiarimenti” ufficiali tramite l’ambasciata. Analisti temono escalation della tensione.



    In evidenza

    CINA – VATICANO
    Ripensare agli accordi fra Cina e Vaticano (anche con un po' di ironia)

    Il prete eremita del Nord (华北的山人神父)

    Le diverse discrepanze nelle discussioni sui rapporti fra Cina e Santa Sede. Pur non essendovi ancora alcun accordo pubblico, molti commentatori ne parlano a più non posso, come un elemento di pettegolezzo. I vescovi troppo spesso ridotti a burattini; la mancanza di fiducia reciproca fra le due parti; la questione di Taiwan: questi alcuni dei problemi delineati dal sagace autore che si firma “il prete eremita del Nord”, un sacerdote blogger molto famoso in Cina.


    BANGLADESH
    “Io, musulmano convertito al cristianesimo, respinto dalla famiglia e dalla società”

    Ismail Jaffar

    Parla ad AsiaNews Anil Gomes (nome modificato per motivi di sicurezza). L’uomo si è convertito al cristianesimo dopo aver letto una brano del Nuovo Testamento. Da quel momento ha perso ogni lavoro. Il suo corpo riporta le ferite di aggressioni e tentativi di uccisione. “Non riesco a mantenere la mia famiglia. Pregate per me”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®