25/05/2007, 00.00
COREA
Invia ad un amico

Martiri della Nord Corea, al via il primo processo di beatificazione

di Joseph Yun Li-sun
Lo ha annunciato l’ordine di S. Benedetto dell’abbazia sudcoreana di Waegwan, che ha competenza territoriale ecclesiastica anche sull’abbazia di Tokwon, nel Nord. I martiri sono 36, morti nei lager comunisti durante la persecuzione di Kim Il-sung.
Seoul (AsiaNews) – Si è aperto in Corea il processo di beatificazione per 36 Servi di Dio nordcoreani, che hanno accettato il martirio pur di non rinnegare la fede cristiana durante le persecuzioni del regime stalinista di Kim Il-sung, avvenute fra il 1949 ed il 1952.
 
Lo ha annunciato l’ordine di S. Benedetto dell’abbazia sudcoreana di Waegwan, che sin dalla separazione della penisola ha competenza territoriale ecclesiastica anche sull’abbazia di Tokwon, nel Nord.
 
Secondo l’abate Simon Pietro Ri Hyeong-u, anche Amministratore apostolico di Tokwon, “la nostra comunità aspira all’onore di poter testimoniare la grande testimonianza di fede dimostrata dai nostri predecessori. Per questo abbiamo ottenuto il permesso di ricoprire il ruolo di ‘attore’ nel corso del procedimento canonico”.
 
L’apertura del processo ha anche un valore in qualche modo “politico”. Fino ad oggi, infatti, il governo di Seoul aveva sempre esercitato la sua influenza per evitare di far ricordare questi martiri e provocare in questo modo una sorta di “incidente diplomatico” con l’attuale regime, retto da Kim Jong-il, figlio di Kim Il-sung.
 
Il processo è intitolato “Beatificazione del vescovo abate Bonifacio Sauer osb, di p. Benedict Kim osb e dei loro compagni”. Questi, sottolinea p. Sabas Lee Seong-geun (il vice-postulatore della causa), “sono tutti morti in prigione o nei lager nordcoreani durante la terribile ondata di persecuzione anti-cattolica avvenuta dopo la presa di potere dei comunisti. Li ricordiamo insieme perchè erano tutti in qualche modo collegati all’abbazia di Tokwon”.
 
La situazione della Chiesa cattolica in Corea del Nord è drammatica. Dalla fine della guerra civile, infatti, le tre circoscrizioni ecclesiastiche nordcoreane (Pyongyang, Tokwon e Hamhung) hanno subito distruzioni, ruberie, violenze. L’intera comunità cattolica è stata decimata in maniera brutale dal regime stalinista, che non ha lasciato vivo alcun sacerdote locale ed ha cacciato quelli stranieri. Si stimano in oltre 300mila i cristiani “scomparsi” durante i primi anni della persecuzione.
 
Ad oggi, non vi sono strutture ecclesiastiche né sacerdoti residenti. Dopo l’inaugurazione della prima chiesa ortodossa, avvenuta nella capitale nordcoreana lo scorso agosto, la comunità cattolica rimane dunque l’unica a non avere alcun ministro per la loro fede.
 
Il numero ufficiale di cattolici riconosciuti da fonti vaticane è 800, un numero molto inferiore ai 3mila dichiarati di recente dal governo. La cosiddetta Associazione dei cattolici nordcoreani, un’organizzazione creata e gestita dal regime, continua a dichiararsi l’interlocutore ufficiale per i cattolici locali. La Santa Sede, tuttavia, ha sempre scoraggiato una visita dei dirigenti dell’Associazione a Roma, dato che permangono seri dubbi sul loro status giuridico e canonico. Ci sono infatti sospetti che siano solo funzionari di partito, neppure cattolici.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Cheong: “Preghiera e carità per far rinascere la Chiesa del Nord”
23/03/2007
Seoul: nel 2005 accolti quasi 1400 rifugiati dal Nord
24/01/2006
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
Un anno dopo la visita di papa Francesco, la Corea “colpita al cuore”
13/08/2015
Card. Cheong: "Preghiamo affinché l'eucarestia possa tornare in Corea del Nord"
22/09/2006