04/05/2017, 12.44
ASIA - AFRICA

Meno ottimisti, attratti da Putin e sempre più distanti dagli Usa: il ritratto dei giovani arabi

Mosca supera Washington fra le nazioni non arabe come miglior alleato. La maggioranza guarda a Trump con “preoccupazione, ira, paura”. Gli Emirati la meta più ambita. Il 54% parla inglese, non arabo, nella vita quotidiana. Facebook supera giornali e tv come mezzo di informazione. L’esperto: differenze “preoccupanti” fra i vari Paesi, in calo “l’ottimismo” fra i giovani.

 

Dubai (AsiaNews) - Guardano più a Putin e considerano la Russia il miglior alleato fra le nazioni non-arabe, mentre cala l’apprezzamento per gli Stati Uniti la cui influenza si fa sempre più labile; preoccupati per l’economia e il terrorismo, anche se la minaccia dello Stato islamico (SI) diventa meno pressante; un sentimento diffuso di incertezza e un calo di fiducia nell’avvenire; il sogno di vivere negli Emirati. È questo il ritratto dei giovani arabi, che emerge dal rapporto annuale “Arab Youth Survey 2017” elaborato dall’istituto di ricerca con base a Dubai ASDA’A Burson-Marsteller, che traccia un quadro di aspirazioni e prospettive giovanili in Medio oriente e Nord Africa.

Il rapporto, diffuso in questi giorni, è il risultato delle interviste fatte a 3500 giovani, fra i 18 e i 24 anni, in egual numero fra maschi e femmine, di 16 Paesi della regione mediorientale e nord-africana. Le opinioni sono state raccolte fra il 7 febbraio e il 7 marzo scorsi dall’istituto di demoscopia internazionale Penn Schoen Berland Research.

Fra i dati più sorprendenti, la crescita di fiducia verso la Russia e il suo leader che passa dal 9% dello scorso anno al 21% del 2017 fra quanti lo ritengono il “miglior alleato”. Mosca supera così gli Stati Uniti, che calano al 17% rispetto al 25% del 2016. Pesa il diffuso pessimismo verso Donald Trump, la cui presidenza è giudicata con “preoccupazione, ira, paura” dal 64% degli intervistati. Solo il 19% guarda al nuovo inquilino della Casa Bianca con ottimismo. In questo senso vale la pena sottolineare che l’inchiesta è stata promossa subito dopo le leggi anti-immigrazione di Trump; norme che, secondo gli esperti, hanno influito non poco sul giudizio dei cittadini dei Paesi arabi e prima dell’attacco americano in Siria, in risposta al presunto uso di armi chimiche da parte di Damasco.

L’intervento russo in Siria, a sostegno del presidente Bashar al-Assad, ha convinto molte potenze del Golfo a rafforzare le relazioni diplomatiche con Mosca, per la sua presenza sempre più “muscolare” nel contesto del conflitto. E se in Arabia Saudita e Qatar non sembrano apprezzare l’aiuto del Cremlino a Damasco, identificando un “nemico” nella Russia, i giovani di altre nazioni - su tutte il Kuwait - non nascondono il generale apprezzamento e confermano l’apertura a Mosca.

Sul fronte interno, gli Emirati Arabi Uniti (Eau) hanno superato Riyadh nella percezione di miglior alleati e un interpellato su tre (35%) afferma di voler vivere negli Emirati, con una crescita significativa del 13% rispetto allo scorso anno.

La disoccupazione resta il maggior ostacolo allo sviluppo per i giovani arabi (35%), assieme ai jihadisti dello Stato islamico (35%) e al terrorismo in generale (34%). In particolare, per quanto concerne Daesh [acronimo arabo per lo SI] se in Iraq l’82% dei rispondenti ritiene che si sia indebolito, per i giovani di Libia, Yemen e Arabia Saudita si è “rafforzato”. Non mancano poi le critiche ai governi dei Paesi della regione, che per l’80% degli interpellati devono “fare di più” per rispondere ai bisogni dei cittadini.

Per la prima volta lo scorso anno l’inglese è stata la lingua più usata (54%) dai giovani arabi nella vita lavorativa e quotidiana, superando l’arabo. Evidente, infine, la sproporzione e le divergenze di opinioni fra cittadini dei Paesi del Golfo (dove l’85% ritiene che le leadership locali si siano mosse nella giusta direzione negli ultimi cinque anni) e quelli di Iraq, Siria, Yemen in cui per l’85% dei rispondenti [la percentuale è la stessa] i governi si sono mossi nella “direzione sbagliata”.

Vale per ultimo sottolineare che in linea generale per i giovani arabi è Facebook il canale privilegiato per raccogliere informazioni e notizie sull’attualità; il popolare social network supera di gran lunga i siti di notizie online, i giornali cartacei e le televisioni.

Commentando il rapporto 2017 Sunil John, fondatore e amministratore delegato di ASDA’A Burson-Marsteller, conferma le profonde differenze fra gli intervistati dei Paesi del Golfo e quanti vivono nelle regioni del Levante (Siria, Iraq) e in Nord Africa. L’esperto parla di risultati “profondamente preoccupanti” perché in nove anni “non erano mai emerse differenze così marcate”. L’ottimismo, aggiunge, dovrebbe essere il motore ispiratore delle azioni dei giovani ma in troppi Paesi la maggioranza “pensa che i giorni migliori siano alle spalle”. E il problema non consiste solo nella divisione fra “nazioni ricche di petrolio e non”, ma investe una percezione “generale” di “fiducia” nelle leadership.

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Allarme dell’Onu: oltre 25mila stranieri negli eserciti del terrorismo islamico
02/04/2015
I cristiani del Vicino Oriente e l’ideologia islamista
14/09/2011
I giovani arabi contro lo Stato islamico, la faccia violenta del disagio in Medio oriente
13/04/2016 09:19
Vescovo di Tiro: Cristiani in Libano divenuti minoranza nel loro Paese
16/02/2010
Per non perdere il nuovo Risveglio arabo
28/01/2014