19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/07/2007, 00.00

    HONG KONG – CINA

    Metropolita ortodosso: Pechino conceda una vera libertà religiosa

    Kevin Wang

    L’arcivescovo Nikitas Lulias, metropolita greco-ortodosso del Territorio e dell’Asia del Sud-Est, ha invitato il governo cinese a riconoscere l’ortodossia fra le religioni ufficiali ed ha espresso preoccupazione per la situazione dei cristiani in Asia.
    Hong Kong (AsiaNews) – Il metropolita greco-ortodosso del Territorio e dell’Asia del Sud-Est ha chiesto al governo di Pechino una piena libertà religiosa per tutte le confessioni presenti nel Paese ed ha espresso preoccupazione per la situazione dei cristiani in Asia.
     
    In un’intervista ad un settimanale cattolico di Hong Kong, l’arcivescovo Nikitas Lulias ha spiegato di non essere d’accordo con la politica del governo cinese in materia di religioni, dato che questo non riconosce l’ortodossia fra le cinque “religioni ufficiali” del Paese (cattolicesimo, cristianesimo protestante, islam, buddismo e taoismo).
     
    Questo Inoltre, ha aggiunto, è “ancora più dannoso se si guarda ai cambiamenti che avvengono in Cina, un Paese in pieno sviluppo. Le religioni dovrebbero godere di piena libertà religiosa, perchè accanto all’economia presto avverranno dei cambiamenti sociali reali”.
     
    Il metropolita, che risponde al Patriarca ecumenico di Costantinopoli, ha poi sottolineato come sia “difficile” la situazione dei cristiani in molti dei Paesi asiatici che ricadono sotto la sua giurisdizione spirituale: “I cristiani sono sempre più spesso vittima di fanatismo ed odio ingiustificato. Noi dobbiamo pregare affinché la loro situazione migliori al più presto”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/10/2006 cina - hong kong
    Card. Zen: Chiesa ufficiale in Cina perseguitata come quella sotterranea

    Il vescovo di Hong Kong afferma che anche i vescovi ordinati in modo illecito nei mesi scorsi stanno domandando perdono al papa.



    14/08/2017 12:57:00 TERRA SANTA
    Teofilo III contro la giustizia israeliana: proprietà greco-ortodosse trafugate in modo ‘illegale’

    Nel 2004 il precedente patriarca aveva venduto proprietà della Chiesa nella Città Vecchia a un’organizzazione di coloni ebraici. Il Patriarcato si era opposto alla vendita autorizzata, avviando una battaglia legale. Il 1 agosto, la corte israeliana ha confermato l’accordo di vendita. Teofilo III annuncia ricorso alla Corte suprema condannando la decisione “politica”. Essa avrà “il più negativo degli effetti sulla presenza cristiana in Terra Santa”.



    27/12/2010 HONG KONG – CINA
    Mons. Tong: Pechino liberi Liu Xiaobo, il clero cattolico e chi lotta per i diritti umani
    Nel suo messaggio natalizio, il vescovo di Hong Kong paragona gli attivisti in prigione alla “stella che ha guidato i Magi fino alla Grotta della natività. Il governo cinese deve lasciare liberi coloro che operano per il miglioramento della società”.

    10/04/2009 HONG KONG - CINA
    Ultima lettera pastorale del card. Zen alla Chiesa di Hong Kong e della Cina
    Un toccante messaggio alla missione dei cattolici di Hong Kong, a sostegno della Chiesa perseguitata in Cina. Un ringraziamento a sacerdoti, suore e fedeli e un saluto ai nuovi cristiani che saranno battezzati la notte di Pasqua.

    02/10/2010 HONG KONG - CINA
    Il governo di Hong Kong censura la Via Crucis dei perseguitati
    La diocesi chiede il permesso di tenere la processione il 16 ottobre in ricordo di tutti i sacerdoti imprigionati in Cina, ma per le autorità si tratta di un’iniziativa “politicamente sensibile”. Attese 150 persone, tra cui anche il card. Zen.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®