10/07/2007, 00.00
HONG KONG – CINA

Metropolita ortodosso: Pechino conceda una vera libertà religiosa

Kevin Wang
L’arcivescovo Nikitas Lulias, metropolita greco-ortodosso del Territorio e dell’Asia del Sud-Est, ha invitato il governo cinese a riconoscere l’ortodossia fra le religioni ufficiali ed ha espresso preoccupazione per la situazione dei cristiani in Asia.
Hong Kong (AsiaNews) – Il metropolita greco-ortodosso del Territorio e dell’Asia del Sud-Est ha chiesto al governo di Pechino una piena libertà religiosa per tutte le confessioni presenti nel Paese ed ha espresso preoccupazione per la situazione dei cristiani in Asia.
 
In un’intervista ad un settimanale cattolico di Hong Kong, l’arcivescovo Nikitas Lulias ha spiegato di non essere d’accordo con la politica del governo cinese in materia di religioni, dato che questo non riconosce l’ortodossia fra le cinque “religioni ufficiali” del Paese (cattolicesimo, cristianesimo protestante, islam, buddismo e taoismo).
 
Questo Inoltre, ha aggiunto, è “ancora più dannoso se si guarda ai cambiamenti che avvengono in Cina, un Paese in pieno sviluppo. Le religioni dovrebbero godere di piena libertà religiosa, perchè accanto all’economia presto avverranno dei cambiamenti sociali reali”.
 
Il metropolita, che risponde al Patriarca ecumenico di Costantinopoli, ha poi sottolineato come sia “difficile” la situazione dei cristiani in molti dei Paesi asiatici che ricadono sotto la sua giurisdizione spirituale: “I cristiani sono sempre più spesso vittima di fanatismo ed odio ingiustificato. Noi dobbiamo pregare affinché la loro situazione migliori al più presto”.
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Zen: Chiesa ufficiale in Cina perseguitata come quella sotterranea
04/10/2006
Teofilo III contro la giustizia israeliana: proprietà greco-ortodosse trafugate in modo ‘illegale’
14/08/2017 12:57
Mons. Tong: Pechino liberi Liu Xiaobo, il clero cattolico e chi lotta per i diritti umani
27/12/2010
Ultima lettera pastorale del card. Zen alla Chiesa di Hong Kong e della Cina
10/04/2009
Il governo di Hong Kong censura la Via Crucis dei perseguitati
02/10/2010