24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/10/2016, 13.05

    LIBANO

    Michel Aoun ottiene i voti necessari per divenire presidente del Libano

    Pierre Balanian

    Beirut (AsiaNews) – Il leader cristiano Michel Aoun ha ottenuto il numero di voti necessari per essere eletto presidente della repubblica del Libano al terzo scrutinio tenutosi al parlamento stamane. In questo modo il Libano riesce ad avere un presidente dopo almeno 29 mesi di vuoto istituzionale.

    La sua nomina, sempre osteggiata dall’Arabia saudita, indica un certo indebolimento di Riyadh nella regione.

    La prima votazione si è conclusa con 84 voti per Aoun contro 36 schede bianche e due annullate. Per l’elezione del Presidente al primo turno erano necessari 86 voti ovvero i due terzi a favore. Il secondo turno di votazione è stato invece annullato: il presidente del Parlamento ha notato irregolarità come un numero superiore di voti (128 schede) rispetto al numero dei presenti (127). Le telecamere che trasmettevano in diretta hanno catturato due schede “incollate” inserite dal deputato Samir Gemayel, segretario del Partito della Falange e figlio dell’ex presidente Amin Gemayel. Dure le parole di Nabih Berry capo del partito Amal e presidente del Parlamento, che ha richiamato i presenti ad essere all’altezza del momento storico.

    La terza votazione è avvenuta con la chiamata ad uno ad uno dei deputati che si sono diretti a depositare la loro scheda mostrando che era una ed una sola, un fatto mai avvenuto prima nella storia del Libano.

    La vittoria dell’ex generale Aoun - maronita cristiano come vuole la Costituzione, originario del distretto di Jezzin nel sud del Libano - era annunciata dalla settimana scorsa ed i preparativi del suo partito Il Tayyar el Mustakbal “Corrente del Futuro” ha iniziato dalla mattina di oggi a distribuire dolci per le strade e a fare i preparativi per la festa nel centro di Beirut, alla Piazza dei Martiri, prevista per le ore 20 di stasera.

    Perfino la stampa israeliana di oggi parlava già di Aoun come Presidente del Libano definendo questo fatto “un innalzamento di bandiera bianca da parte dell’Arabia Saudita e degli Usa a Hezbollah ed all’Iran”. “ Per la prima volta - ha scritto un quotidiano israeliano “i cristiani libanesi con Aoun si sono allontanati dall’occidente, dagli Stati Uniti, dall’Arabia Saudita e da Israele in direzione dell’Iran”. In effetti da tempo Aoun coltiva alleanza con Hezbollah, il partito sciita, desideroso di sfuggire alla politica libanese suddivisa fra le varie famiglie feudali.

    La terza votazione è terminata con la vittoria di Michel Aoun con 83 voti a favore (era necessaria la metà più uno dei voti), e con 6 schede annullate, 5 delle quali poste dai deputati della Falange cristiana di Gemayel con la scritta “La Rivoluzione dei Cedri al servizio del Libano” ed una scheda “ degli ortodossi” con la scritta “Zorbas il Greco”.

    Il nuovo Presidente della Repubblica, il 13° nella storia recente del Paese dei Cedri, prende il potere in un Paese fragile e circondato da minacce di guerra regionale, internazionale e contro lo Stato Islamico. Il Generale Michel Aoun ritorna al Palazzo Presidenziale dopo 26 anni. Nel 1988 il Presidente libanese Amin Gemayel avendo terminato il suo mandato, lo ha nominato Presidente del paese pro tempore, in qualità di Comandante supremo delle Forze Armate. È il periodo in cui Aoun cerca di combattere il predominio della Siria nel Paese. Nel 1990 egli fugge in Francia, mentre il Libano trova un po’ di pace con gli Accordi di Taif.

    Secondo accordi presi nei giorni scorsi, Aoun nominerà Saad Hariri come Primo ministro. Questi  fa il suo rientro dopo un esilio e dopo la perdita di popolarità e l'indebolimento del suo alleato saudita nella regione. Fonti da Beirut assicurano che Hariri comporrà il futuro governo verso la fine della settimana.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/11/2016 08:52:00 LIBANO
    Vescovi maroniti: auguri ad Aoun per un governo stabile del Libano

    Nell’assemblea mensile guidata dal patriarca Rai i prelati hanno salutato l’elezione del capo di Stato dopo oltre due anni e mezzo di vacanza. Nel discorso di giuramento di Aoun apprezzato il richiamo alla “stabilità”. Ora l’obiettivo è la “rapida” formazione di un nuovo esecutivo e una nuova legge elettorale capace di garantire “rappresentatività”. 

     



    02/11/2016 10:13:00 LIBANO
    Michel Aoun presidente : una nuova edizione del “miracolo libanese”

    L’elezione accolta con favore da Europa e Stati Uniti. Commenti positivi anche dal patriarcato maronita e dalle Chiese di Siria. Il frutto di un “compromesso storico” che ha saputo unire le diverse anime del Paese. Aoun dovrà dare prova di “saggezza” e non eliminare le altre forze politiche. 

     



    25/10/2016 08:42:00 LIBANO
    Michel Aoun incontra il patriarca Rai, dopo l’appoggio della maggioranza dei partiti libanesi

    E’ quasi sicuro che Il gen. Aoun verrà eletto nuovo presidente del Libano alla seduta del 31 ottobre. Egli è sostenuto da Saad Hariri, da Hezbollah, dalle Forze Libanesi. Il suo partito ha buoni rapporti con cristinai, sciiti e sunniti. Dubbiosi i drusi di Jumblatt. Il no di Nabih Berri e di Amal. Stupore per il silenzio dell’Arabia saudita. Il primo presidente “Made in Libano”.



    20/01/2016 12:30:00 LIBANO
    L’alleanza fra Aoun e Geagea porta qualche scossa e qualche speranza

    Il leader delle Forze libanesi appoggia la candidatura a presidente del suo antico nemico. Forze libanesi e Cambiamento e riforma raccolgono il numero più consistente di parlamentari cristiani. “Felici e sollevati” al patriarcato di Bkerké. Dal maggio 2014 il parlamento libanese non riesce a eleggere un presidente. Alcune resistenze fra cristiani e musulmani.



    21/10/2016 08:18:00 LIBANO
    Saad Hariri appoggia Michel Aoun come candidato a presidente

    La scelta, l’ultima rimasta, compiuta per “proteggere il Libano, il sistema politico, lo Stato e il popolo”. A condizione di “dissociare” il Paese dalla crisi siriana. Contrari diversi deputati sunniti. Nabih Berri (Amal) è il più critico. Ma vi sono buone condizioni per l’elezione del 31 ottobre.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®