22/01/2018, 13.00
VIETNAM-VATICANO
Invia ad un amico

Migliorano i rapporti tra Hanoi e Vaticano. Mons. Camilleri in visita pastorale

di Paul Nguyen Hung

“La Santa Sede è impegnata nella promozione di relazioni con il governo del Vietnam per contribuire alla vita sociale del Paese”. La delegazione vaticana incontra i cattolici vietnamiti. Il Papa ne condivide la gioia, il successo e le preoccupazioni.

Hanoi (AsiaNews) – La visita in Vietnam di mons. Antoine Camilleri (16-20 gennaio), sottosegretario della Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato vaticana, testimonia il progresso dei rapporti diplomatici tra Santa Sede e Hanoi. Della delegazione vaticana hanno fatto parte anche mons. Francis Cao Minh Dung, a capo dell’Ufficio per gli Affari del sudest asiatico e mons. Yovko Genov Pishtiyski, segretario della nunziatura apostolica a Singapore.

Durante la visita, particolare importanza hanno ricoperto gli impegni ufficiali cui mons. Antoine Camilleri ha preso parte con i rappresentanti dello Stato. Il 18 gennaio, mons. Camilleri ha incontrato il Primo ministro vietnamita Nguyễn Xuân Phúc ed il suo vice Phạm Bình Minh, in qualità di ministro degli Affari esteri, prima di intrattenere colloqui con Bùi Thanh Sơn, vice-ministro permanente agli Affari esteri e Vũ Chiến Thắng, a capo del Comitato governativo per gli Affari religiosi.

Il premier vietnamita ha sottolineato i risultati raggiunti dal Paese nel 2017. Egli ha dichiarato che anche i cattolici hanno contribuito positivamente a questi risultati, affermando che il governo sostiene sempre una grande unità del popolo, tra cattolici e non cattolici. Il Primo ministro ha ribadito che l’esecutivo persiste nell'attuazione della politica di rispetto e garanzia della libertà di credo e di religione, esprimendo particolare preoccupazione per lo sviluppo delle aree in cui i cattolici si trovano ad affrontare serie difficoltà economiche.

Mons. Camilleri ha espresso al premier vietnamita i saluti e gli auguri di papa Francesco al Paese e al popolo, condividendo la buona impressione del pontefice circa il dialogo tra la fede e la cultura vietnamita. “La Santa Sede è impegnata nella promozione di relazioni con il governo del Vietnam per contribuire ulteriormente alla vita sociale del Paese, in particolare nei campi dell'educazione, della salute e della carità. Affermo che il Santo Padre guarda sempre con attenzione speciale il Vietnam. Papa Francesco desidera anche che la Chiesa del Vietnam accompagni sempre e contribuisca alla prosperità della nazione. Il Vaticano esprime la sua gratitudine al governo per aver creato condizioni valide per il rappresentante pontificio non-residente a lavorare in Vietnam”.

Il vice ministro permanente agli Affari esteri Bùi Thanh Sơn ha sottolineato lo sviluppo positivo dei rapporti tra Vietnam e Santa Sede, dichiarando che il viaggio della delegazione vaticana è un’occasione per migliorare la comprensione, creare fiducia e affinare la cooperazione tra le due parti. Ciò è fondamentale per risolvere le problematiche di rapporto.

Durante il viaggio pastorale, mons. Camilleri ha portato alla Chiesa vietnamita il calore e la vicinanza di papa Francesco. Il 16 gennaio, la delegazione ha celebrato una messa presso la cattedrale di San Giuseppe di Hanoi, alla presenza del card. Peter Nguyễn Văn Nhơn, arcivescovo della città, del clero vietnamita e di migliaia di fedeli. Prima della funzione, il cardinale ha dichiarato: “Vescovi, sacerdoti, religiosi, religiose e tutti i fedeli dell'arcidiocesi di Hanoi sono molto lieti di dare il benvenuto ai monsignori della delegazione della Santa Sede. Attraverso l'onore della presenza dei monsignori, vorremmo inviare i nostri rispetti e il nostro amore al Santo Padre. Preghiamo che Dio vi benedica. Saremo con voi per tutto il tempo del vostro viaggio pastorale in Vietnam”.

All’accoglienza dei cattolici locali, mons. Camilleri ha risposto: “Il Santo Padre è a conoscenza della nostra visita e della nostra missione in Vietnam. Egli manda benedizioni e preghiere a tutti voi”. Il giorno seguente, la delegazione vaticana si è recata presso gli uffici episcopali della diocesi di Phát Diệm, dove ha visitato il complesso della cattedrale della Regina del Rosario, edificio costruito nel 1875 e associato all’identità culturale del Paese.

Il 19 gennaio, mons. Camilleri ha celebrato messa al santuario di Nostra Signora di La Vang, dove sono accorsi migliaia di fedeli. Terminata la funzione, egli si è diretto alla chiesa di Phủ Cam, nella città di Huế, capoluogo della provincia di Thừa Thiên–Huế. Qui il prelato ha visitato le suore del monastero di Cát Minh Huế, la comunità della Congregazione di San Paolo a Kim Long, le Figlie di Nostra Signora dell'Immacolata Concezione ed il Seminario maggiore.

Nell’ultimo giorno di viaggio, la delegazione ha fatto tappa presso gli uffici del Consiglio dei vescovi vietnamiti a Ho Chi Minh City, dove risiede la Rappresentanza della Santa Sede nel Paese. In seguito, mons. Camilleri ha celebrato una messa di ringraziamento con 11 vescovi dell’arcidiocesi nella cattedrale di Nostra Signora. La funzione ha visto la partecipazione di migliaia tra sacerdoti, religiosi e fedeli.

Durante la visita pastorale, mons. Camilleri ha ribadito al card. Nguyễn Văn Nhơn, ai vescovi, ai sacerdoti, ai religiosi, ai seminaristi ed ai laici vietnamiti che “il Santo Padre Francesco è molto vicino alla Chiesa del Vietnam e ad i suoi fedeli. Egli accompagna con trasporto la Chiesa vietnamita. Il Papa ne condivide la gioia, il successo e le preoccupazioni. Vorrei confermarlo ancora di più. E nella sua paternità, desidera il meglio per la società e la Chiesa in Vietnam”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Camilleri vince un viaggio a Taiwan
03/10/2018 10:18
Delegazione vaticana ad Hanoi parlerà di rapporti diplomatici e libertà religiosa
02/03/2007
Vescovo di Hong Kong: "Situazione positiva, le ordinazioni potrebbero fermarsi"
29/07/2006
Israele – Santa Sede: senza frutti apparenti 10 anni di rapporti diplomatici
09/03/2004
Nghệ An, un processo contro p. Nam: il sacerdote è nel mirino del Partito
04/12/2018 13:09