12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/10/2016, 11.01

    VIETNAM

    Minacce e rischio d’arresto per p. Đặng Hữu Nam, “voce di giustizia” contro il disastro ambientale

    Tran Viet

    La Commissione del popolo di Nghệ An ha scritto una lettera “complotto” in cui chiede l’allontanamento del sacerdote. Il vescovo si rifiuta: “P. Nam servirà ancora nella sua parrocchia”. Da mesi egli soccorre la popolazione colpita dall’inquinamento del Formosa Group.

    Hanoi (AsiaNews) – Il governo vietnamita vuole espellere p. Đặng Hữu Nam dalla provincia di Nghệ An (centro-nord del Paese), dove sta aiutando la popolazione colpita dal disastro ambientale causato dall’inquinamento del Formosa Group. Lê Xuân Đài, vice presidente della Commissione del popolo della provincia, ha scritto una lettera - che i fedeli definiscono un “complotto”  - (numero 7533/UBND-NC) in cui accusa il sacerdote e minaccia di arrestarlo.

    Nel messaggio le autorità comuniste chiedono a mons. Nguyễn Thái Hợp, vescovo di Vinh, di “correggere” (chấn chỉnh) le attività pastorali di p. Nam. Lê Xuân Đài suggerisce inoltre che il vescovo non permetta più al sacerdote di lavorare della provincia di Nghệ An.

    Il presule, presidente della Commissione giustizia e pace, parlando a Voice of America ha detto: “Abbiamo nostri piani pastorali per quest’anno. P. Nam servirà ancora nella parrocchia di Phú Yên [dove è vicario ndr]”.

    I parrocchiani si ribellano alle richieste delle autorità: “Lê Xuân Đài – affermano ad AsiaNews – ha diffamato in molti modi p. Nam. In realtà il sacerdote ci aiuta mentre affrontiamo una situazione difficile. Ci sostiene nel denunciare il Formosa Group e ci soccorre quando ci mancano cibo e medicine. Senza di lui centinaia di bambini non potrebbero andare a scuola”.

    Da aprile gli abitanti delle province centrali del Vietnam protestano per l’inquinamento causato dall’industria taiwanese Formosa Plastic Group, che ha ucciso 70 tonnellate di pesci e colpito più di 200mila persone delle province di Nghệ An, Hà Tĩnh, Huế e Quảng Bình. Il governo non ha ancora rimborsato i 40mila pescatori danneggiati né le altre migliaia di lavoratori dipendenti dal pescato.

    Ad inizio settembre p. Nam aveva lanciato l’allarme sulle drammatiche condizioni in cui versano i suoi parrocchiani e a fine mese ha guidato migliaia di famiglie, cattoliche e non, verso la corte del distretto per firmare una petizione che chiede trasparenza da parte del governo. Il 14 ottobre scorso, la corte di Kỳ Anh ha rigettato le richieste di rimborso.

    Alcuni fedeli spiegano che ora le autorità vogliono arrestare p. Nam, “quindi per prima cosa lo diffamano, lo etichettano e mentono in modo palese per screditarlo. Per questi motivi noi preghiamo per lui e continuiamo ad essere in comunione con lui e la Chiesa, sostenendo la causa giuridica di cattolici e non, per trovare pace e giustizia per i nostri figli”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/06/2016 12:49:00 VIETNAM
    Caritas Vietnam, riso e doni per la popolazione colpita dal disastro marino

    Il 6 giugno scorso una delegazione guidata da mons. Joseph Nguyễn Văn Yến ha distribuito riso e doni agli abitanti della diocesi di Vinh. L’inquinamento delle acque che prosegue da due mesi ha tolto il lavoro ai pescatori, che ora vivono in povertà e fame. Sono 5 milioni le persone colpite. Il 12 giugno i residenti di Vinh sono scesi in piazza per chiedere giustizia al governo.

     



    10/05/2016 13:06:00 VIETNAM
    Hanoi, manifestano contro la moria di pesci: la polizia risponde con arresti e percosse

    Da giorni le principali città del Paese sono teatro di proteste pacifiche per l’operato dell’azienda dell’acciaio Hưng Nghiệp, che ha provocato una strage di pesci. Gli agenti hanno fermato e caricato a forza sui furgoni almeno 200 persone, tra cui donne e bambini. Arrestato anche un sacerdote. Un milione di vietnamiti firma la petizione contro il versamento di sostanze tossiche in mare: “La compagnia paghi i danni ai pescatori”.

     



    29/05/2017 14:22:00 VIETNAM
    Sacerdoti vietnamiti diffamati, Mons. Kiệt: Continuate a difendere i diritti degli ultimi

    P. Đặng Hữu Nam e p. Nguyễn Đình Thục hanno ricevuto la visita di mons. Joseph Ngô Quang Kiệt. I due sacerdoti difendono i diritti delle vittime del disastro della Formosa. Dall’inizio dell’anno sono vittime di una campagna diffamatoria organizzata dalle autorità. P. Đặng Hữu Nam: “è un onore e uno sprone la visita di chi ha vissuto in passato la persecuzione che noi viviamo oggi”.



    01/07/2016 08:56:00 VIETNAM
    Hanoi ammette: il disastro ecologico colpa del Formosa Plastic Group, che pagherà i danni

    Dopo tre mesi di indagini il governo ha confermato la responsabilità del gruppo dell’acciaio per la morte di tonnellate di pesce e l’inquinamento del mare. L’azienda pagherà 500 milioni di dollari di multa. Attivisti e dissidenti: “La somma non è nulla se paragonata ai danni. Milioni di persone colpite hanno bisogno di assistenza nel lungo periodo. Anche Hanoi è colpevole”.

     



    01/06/2017 13:58:00 VIETNAM
    Formosa, esplosione nella fabbrica riaperta. Fedeli minacciati e aggrediti

    La fabbrica è responsabile di un gigantesco disastro ambientale che ha distrutto fauna marina e messo in ginocchio centinaia di migliaia di pescatori. L'incidente causato da una congestione nel sistema di filtraggio della polvere di un forno per la calce. Lo scoppio è avvenuto meno di due giorni dopo la riapertura dell’impianto. I cattolici delle province centrali del Vietnam nel mirino delle autorità vietnamite.  Picchiati i fedeli della parrocchia di Phú Yên e della chiesa di Van Thai, 25 i feriti. Insulti e lanci di oggetti ad una veglia di preghiera nella chiesa di Van Thai. Un’esercitazione militare usata come intimidazione.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®