10/06/2011, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Mindanao, una raccolta di doni per musulmani poveri rafforza il dialogo interreligioso

Donati giocattoli e indumenti usati a 80 bambini della piccola isola di St. Cruz (Zamboanga), a maggioranza musulmana. A organizzare l’iniziativa un gruppo di giovani cristiani e musulmani di Silsilah, movimento per il dialogo islamo- cristiano.
Zamboanga (AsiaNews) – Per rinsaldare il dialogo islamo-cristiano, i giovani del movimento di Silsilah hanno organizzato una raccolta di giocattoli e vestiti per 80 bambini musulmani della piccola isola di St. Cruz al largo di Zamboanga (Mindanao). L’iniziativa rientra nel programma del  Silpeace, che ogni anno coinvolge giovani cristiani e musulmani in seminari e attività caritatevoli nelle aree più povere della regione a maggioranza islamica.

Vanessa Andico, coordinatrice del programma spiega che i giovani hanno impiegato una settimana per raccogliere fra la popolazione di Zamboanga vestiti e giocattoli donate da persone caritatevoli di entrambe le fedi. Lo scorso 29 maggio i doni sono stati consegnati ai bambini di St. Cruz. Secondo la Andico la visita è stata un’occasione per portare ai bambini un po’ di gioia e aiutare lo sviluppo delle loro famiglie. Esse hanno contatti solo con i turisti che visitano l’isola, spesso disattenti alla popolazione. Grazie a questa iniziativa la popolazione sa di non essere sola e isolata dal mondo e i giovani volontari del Silpeace hanno la possibilità di vivere un’esperienza di amicizia e carità.    

L’isola di St. Cruz è un paradiso naturale famoso per le sue spiagge rosa e dista circa 1 ora di navigazione dalla città di Zamboanga. Nonostante sia da anni un’importante meta turistica, i suoi abitanti, in maggioranza di religione musulmana,  sono ignorati dalle autorità locali e vivono in condizione di estrema povertà. Nel 1989, Silsilah ha costruito una scuola per i bambini, in risposta alla necessità espressa delle famiglie. Esso è a tutt’oggi l’unico istituto presente sull’isola. Al suo interno lavora un gruppo di insegnanti ed educatori cattolici. I suoi corsi sono riconosciuti dal ministero dell’Educazione e vanno dall’asilo fino alle elementari.  

Fondato da p. Sebastiano D’Ambra (Pime), Silsilah propone da oltre 20 anni progetti e iniziative come la Conferenza dei vescovi e degli ulema (Bishop ulema forum) e corsi di formazione per giovani cristiani e musulmani. In questi anni il movimento è divenuto un punto di riferimento per la riconciliazione in atto fra governo filippino e ribelli islamici del Moro Islamic Liberation Front (Milf), che per 40 anni hanno combattuto una guerra costata oltre 100mila morti. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
P. D’Ambra: l’educazione dei giovani strada per il dialogo islamo-cristiano
05/10/2011
P. Sebastiano D'Ambra: missione 'possibile' a Mindanao, fra cristiani e musulmani
04/08/2017 10:06
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Speranze fragili nei dialoghi tra governo e ribelli islamici di Mindanao
10/02/2011
Mindanao, la Pasqua richiama cristiani e musulmani all’impegno per la pace
02/04/2010